• 7 Marzo 2021 13:40

VOCE DEL NORD EST

ONLINE – 24 ore su 24

LE PAGELLE DI STERA – SAMPDORIA vs UDINESE : 2-1

DiStera

Gen 16, 2021

LE PAGELLE DI STERA

SAMPDORIA vs UDINESE : 2 – 1
16/01/2021

MUSSO: 6
Anche oggi deve raccogliere 2 palloni dalla rete, pur distinguendosi con interventi decisivi. Purtroppo non basta.
R E M I S S I V O

BONIFAZI: 6
Ha tenuto a bada Quagliarella fino al suo cambio, garantendo comunque solidità al pacchetto difensivo.
F I D O

BECAO: 6
Grintoso come sempre, oggi anche ordinato e pulito negli interventi.
D E C I S O

SAMIR: 6
Il migliore per efficacia e continuità del pacchetto arretrato.
E N E R G I C O

STRYGER LARSEN : 6
Ha provato fino a quando ha retto il fisico a spingere, ma oggi non è riuscito a dare il dovuto supporto alla manovra friulana. Esce per Molina.
C O N C E N T R A T O

DE PAUL: 7,5
Nel dribbling è unico, il migliore in Serie A! Si inventa una traiettoria a giro che purtroppo si stampa sulla traversa. Nel secondo tempo gli riesce di concretizzare, almeno lui, una caparbia azione personale con ben tre conclusioni tre verso la porta prima di riuscire a scavalcare l’estremo difensore blucerchiato. Di fatto l’unico a poter creare e finalizzare tra i suoi. E’ di un altra categoria.
L E A D E R

WALACE: 6
Ordinato in copertura e concentrato, ma troppo lento. Esce per Nestorovski.
C O M P A S S A T O

MANDRAGORA: 5,5
Una partita sulle montagne russe per Rolando. Un goal mangiato nel primo tempo, rigore causato nel secondo e lavoro sporco senza grande continuità. Esce per Arslan.
D I S C O N T I N U O

ZEEGELAAR: 5
Non una prestazione da incorniciare per l’olandese. Come ciliegina sulla torta si fa surclassare da Torregrossa in occasione del raddoppio avversario. Esce per Ouwejan.
I N C O N S I S T E N T E

PEREYRA: 6
Svaria su tutto il fronte d’attacco in cerca di soluzioni per sfondare la difesa ligure ma cala alla distanza.
P A R T E C I P E

LASAGNA: 5
Si conferma come l’attaccante con la peggiore percentuale realizzativa del campionato, solo il 5%! Corre molto e non gli si può non riconoscere l’impegno. Però di fatto finisce con lo sprecare quanto di buono sanno fare i suoi compagni. Un cambio d’aria farebbe forse bene ad entrambi?!
D I L A P I D A T O R E

ARSLAN: 5,5
Rileva Mandragora senza trovare il tempo per entrare in partita.

MOLINA: s.v.
Entra al posto di Walace.

NESTOROVSKI: s.v.
Subentra a Stryger.

OUWEJAN: s.v.
Dentro per Zeegelaar.

IL MISTER: 5
Il mister preferisce Zeegelaar e Walace a Molina ed Arslan per il match verità contro la Samp. Non cambia la filosofia di gioco del mister, che spera anche finisca la scarsa vena realizzativa. Deulofeu rimane in panchina. I suoi ragazzi come sempre si muovono bene in campo, con RDP una spanna sopra tutti gli altri. Tardivi però i cambi. Il primo al 75′ con la Samp che ha già in campo 4 sostituti! Eppoi perché Ouwejan solo al 87′ minuto? 3 punti nelle ultime 7 gare…le attenuanti iniziano a scarseggiare.

CITAZIONE SPECIALE DI OGGI

IL MERCATO : 5
Ad oggi sono già usciti Nicolas, Ter Avest e Coulibaly dalla rosa friulana. E si vocifera di possibili partenze anche per De Maio e Lasagna. Purtroppo servirebbero degli acquisti, soprattutto un intervento per rinforzare l’attacco friulano! La squadra crea molto, ma non ha un giocatore in grado di trasformare in concreto la mole di lavoro prodotto dagli ottimi RDP e Pereyra. Il DS Marino nella conferenza stampa odierna però si è detto possibilista su possibili manovre in entrata, ma solo nelle ultime giornate di mercato. Doriani che per contro con un prestito dal Brescia, Torregrossa, puniscono i friulani all’ennesima sconfitta.

LA SINTESI: CAMBI E PANCHINE FANNO LA DIFFERENZA
Udinese a Genova dopo la sciagurata sconfitta patita in casa contro il Napoli, e con il ritiro iniziato martedì scorso e subito sospeso dopo l’incontro tra la proprietà e i giocatori. Blucerchiati da rendimento altalenante e tre sconfitte consecutive, con il grande Quagliarella e Candreva ex in campo e Jankto squalificato. Maglia gialla da trasferta che fin ora non ha portato bene. Al 4′ minuto Lasagna trova Audero pronto a respingere una buona incursione friulana. Molte geometrie in campo e doriani con il pallino del gioco. RDP inventa un occasione che KL15 non riesce a finalizzare. Tanto per alimentare le statistiche : 19′ minuti di gioco e già 3 occasioni non sfruttate da Lasagna! Molto possesso palla da una parte e dall’altra, non si sprecano palloni. Musso impegnato dalla distanza da Verre al 25′ minuto e subito dopo da Quagliarella. Sul capovolgimento di fronte occasionissima per i friulani che impegnano Audero con Lasagna prima e Mandragora sulla ribattuta, ma il portiere doriano si supera e salva. Al 35′ minuto, timida conclusione di KL15 che Audero blocca senza problemi. Partita in sostanziale equilibrio, le giocate di RDP riescono a spostare le dinamiche a favore dei friulani. Clamorosa traversa di RDP al 40′ minuto, che dall’angolo dell’area calcia una traiettoria insidiosa che si stampa sulla barra orizzontale, ad Audero battuto. Primo tempo sostanzialmente equilibrato, ai punti meriterebbe forse di più la squadra friulana alla conclusione dei 45′ senza recupero. Le occasioni ci sono state, i soliti errori in finalizzazione anche. Secondo tempo che riparte senza cambi. Manovra più convincente quella dei bianconeri. Dopo vari capovolgimenti di fronte la sblocca RDP dopo ben tre conclusioni consecutive, con cui scavalca Audero e porta in vantaggio le zebrette. Corre ai ripari Ranieri che mette in campo Keita Baldè, Thorsby e il neo arrivato Torregrossa per provare subito a raddrizzare il match. Discutibile decisione arbitrale che assegna rigore ai doriani per un fallo involontario di Mandragora su Candreva in cui il friulano non avrebbe potuto assolutamente vedere l’accorrente ex Inter Lazio e Udinese. E con lo scavino, il blucerchiato supera Musso per il pareggio blucerchiato per il suo 4 rigore realizzato contro la sua ex squadra. Cambia ancora la samp, dentro Ramirez. Udinese che non riesce a trovare più la misura per rendersi pericolosa, e prova solo dalla distanza. Arslan per Mandragora il primo, tardivo, cambio di Gotti. Torregrossa al suo esordio in blucerchiato porta i doriani in vantaggio surclassando Zeegelaar di testa. Dentro Molina e Nestorovski per i friulani e Askildsen per i blucerchiati. Dentro anche Ouwejan. Fino ai cambi la partita era in mano dei friulani, dopo si è sciolta come il burro al sole. Musso al 92′ salva su Keita ma da Genova si torna senza punti.

SAMPDORIA : AUDERO 6.5, BERESZYNSKI 6, YOSHIDA 6, COLLEY 6, AUGELLO 6.5, CANDREVA 6.5, ADRIEN SILVA 6(RAMIREZ 6.5), EKDAL 6(ASKILDSEN s.v.), DAMSGAARD 5.5(THORSBY 6), VERRE 5.5(KEITA BALDE’ 6), QUAGLIARELLA 6(TORREGROSSA 6.5)

Stera

Stefano SERAFINI, alias STERA, direttore di VOCEDELNORDEST.IT email : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi