• Lun. Gen 24th, 2022

VNE

online 24 ore su 24

UDINE, Colle Del Castello – Nuovi rinvenimenti dagli scavi per l’ascensore

DiRedazione : S. SERAFINI

Nov 26, 2021

COLLE DEL CASTELLO DI UDINE

NUOVI RINVENIMENTI DAGLI SCAVI PER L’ASCENSORE

Nel mese di ottobre sono stati avviati gli scavi archeologici sul colle del Castello,propedeutici ai lavori di realizzazione dell’ascensore commissionati dal Comune di Udine. Le indagini finora avevano consentito di individuare i resti di un poderoso edificio rinascimentale e di una piccola abitazione di epoca precedente, mentre gli ultimi approfondimenti hanno permesso di mettere in luce anche alcune sepolture di epoca tardoantica/altomedievale.

La realizzazione di un sondaggio di scavo, di dimensione 12 per 8 metri, in corrispondenza del futuro vano ascensore, si è resa infatti necessaria a seguito dell’individuazione di elementi archeologicamente rilevanti nel sottosuolo, emersi dalle indagini geofisiche preliminari eseguite dal dott. Sandro Veronese. Le opere di scavo archeologico sono condotte dalla ditta Archeotest S.r.L. sotto la direzione scientifica del funzionario archeologo Giorgia Musina della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia.

Si tratta di una scoperta in parte inaspettata, in quanto la sommità del colle del Castello fu in gran parte intaccata nella prima parta del secolo scorso da scavi per la posa di estese infrastrutture idriche.

L’indagine intrapresa il mese scorso ha permesso di riportare in luce, fin dalla prima settimana, i resti di un edificio d’epoca rinascimentale (XIV – XV secolo), i cui limiti esatti non sono noti, ma del quale si sono individuati almeno quattro ambienti, uno dei quali conserva tracce di intonaco bianco alle pareti. Il cattivo stato di conservazione del deposito archeologico, compromesso da precedenti scassi per la posa dei sottoservizi, rende alquanto problematica l’interpretazione delle strutture. Delle murature originarie si conservano infatti solamente le fondazioni di 75-80 cm di spessore, costituite da pietre e grandi ciottoli legati da malta.

Appartiene invece a un periodo cronologico precedente un pavimento in terra battuta con una buca di alloggiamento di un palo di sostegno della copertura, entrambi riferibili probabilmente a una costruzione in materiale deperibile.

Negli ultimi giorni sono infine state messe in luce due sepolture prive di corredo, che le antropologhe Luciana Travan e Paola Saccheri della Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Udine hanno identificato a seguito di un primo sopralluogo come appartenenti a un uomo e una donna piuttosto anziani.

L’analisi preliminare dei reperti ceramici emersi dalla stratigrafia data le due sepolture e la capanna a un periodo compreso tra V e VIII secolo d.C.

Alla luce delle evidenze archeologiche che stanno affiorando, i lavori di apprestamento dell’ascensore rappresentano un’importante occasione per verificare le caratteristiche e lo stato di conservazione del deposito stratigrafico riferibile alle prime fasi insediative del colle del Castello di Udine.

Prosegue dunque, da parte dell’Amministrazione Comunale di Udine guidata dal Sindaco Pietro Fontanini, l’opera di recupero e valorizzazione del patrimonio culturale, artistico e storico di Udine. L’intervento in oggetto rientra infatti in un progetto ambizioso finalizzato a riscoprire l’archeologia urbana della città e a ricostruire l’evoluzione del suo sistema insediativo dall’età protostorica al Rinascimento, che vede la stretta collaborazione tra Comune e Soprintendenza ABAP del Friuli Venezia Giulia.

* * *

CUEL DAL CJISTIEL DI UDIN

GNÛF REPERTS DAI SGJÂFS PAL ASSENSÔR

Tal mês di Otubar a son scomençâts i sgjâfs archeologjics sul cuel dal Cjistiel, propedeutics ai lavôrs di realizazion dal assensôr comissionâts dal Comun di Udin. Lis indagjins fin cumò a vevin permetût di individuâ i rescj di un edifici rinassimentâl poderôs e di une piçule abitazion di epoche precedente, e i ultins aprofondiments a àn fat discuvierzi ancje diviersis sepulturis di epoche tarde antighe / alte medievâl.

La realizazion di un scandai di sgjâf, di 12 metris par 8, in corispondence dal futûr spazi pal assensôr, e je stade necessarie dopo vê individuât sot tiere elements impuartants dal pont di viste archeologjic, vignûts fûr cu lis indagjins gjeofisichis preliminârs fatis dal dot. Sandro Veronese. I lavôrs di sgjâf archeologjic a son puartâts indevant de dite Archeotest S.r.L. cu la direzion sientifiche dal funzionari archeolic Giorgia Musina de Sorintendence Archeologjie, bielis arts e paisaç dal Friûl – Vignesie Julie.

E je une scuvierte in part inspietade, stant che la cime dal cuel dal Cjistiel e je stade pe plui part tocjade dai sgjâfs pe instalazion di grandis infrastruturis idrichis inte prime part dal secul passât.

La indagjin scomençade tal mês passât e à permetût di discuvierzi, za de prime setemane, i rescj di un edifici di epoche rinassimentâl (secui XIV – XV), che no si san i siei limits esats, ma che a son stâts individuâts almancul cuatri ambients, e un di chescj al conserve segns di stabilidure blancje sui mûrs. Il stât di conservazion trist dal dipuesit archeologjic, comprometût dai sgjâfs precedents pe instalazion dai servizis primaris, al fâs une vore problematiche la interpretazion des struturis. Di fat, des muraduris origjinariis si conservin dome lis fondazions altis 75-80 centimetris, fatis di pieris e di grancj claps tignûts dongje cu la malte.

Asl è invezit di une epoche precedente un paviment di tiere batude cuntune buse di lozament di un pâl di sostegn dal cuviert, ducj i doi che si riferissin cun probabilitât a une costruzion di materiâl deperibil.

Infin, tai ultins dîs, a son stadis metudis in lûs dôs sepulturis cence furniments, che lis antropolighis Luciana Travan e Paola Saccheri de Facoltât di Medisine de Universitât dal Friûl a àn scuviert, dopo di un prin sorelûc, che a son di un om e di une femine avonde anzians.

La analisi preliminâr dai reperts di ceramiche vignûts fûr de stratigrafie e date lis dôs sepulturis e il cjasot tra il secul V e il secul VIII d. di C.

Daûr des evidencis archeologjichis che a vegnin fûr, i lavôrs di preparazion dal assensôr a son une ocasion impuartante par verificâ lis carateristichis e il stât di conservazion dal dipuesit stratigrafic che si riferìs ai prins insediaments tal cuel dal Cjistiel di Udin.

Duncje e va indevant, de bande de Aministrazion Comunâl di Udin vuidade dal Sindic Pietro Fontanini, la opare di recupar e di valorizazion dal patrimoni culturâl, artistic e storic di Udin. Cun di fat l’intervent in ogjet al è part di un progjet ambiziôs indreçât a riscuvierzi la archeologjie urbane de citât e a ricostruî la evoluzion dal so sisteme insediatîf de epoche protostoriche al Rinassiment, midiant de colaborazion strente tra il Comun e la Sorintendence ABAP dal Friûl – Vignesie Julie.

Redazione : S. SERAFINI

Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi