FOLKEST IL FESTIVAL ITALIANO DEDICATO ALLA WORLD MUSIC AFFRONTA L’EMERGENZA COVID – 19 E SI SPOSTA TRA SETTEMBRE E OTTOBRE 2020.

Little train band

FOLKEST AFFRONTA L’EMERGENZA COVID – 19  E  SI SPOSTA  TRA SETTEMBRE E  OTTOBRE 2020. 

Il più importante festival italiano dedicato alla world music, vista l’emergenza  sanitaria mondiale,  per quest’anno  si svolgerà  dal 17 settembre al 4 ottobre.  Nella composizione del programma una particolare  attenzione sarà dedicata agli artisti italiani fra i primi ad essere penalizzati dalle recenti necessarie restrizioni. 

Spilimbergo, 20  Marzo 2020 – Fokest affronta l’emergenza spostando il suo programma di concerti, premi, incontri di approfondimento e libri dal 17 settembre al 4 ottobre. Gli appuntamenti saranno dunque distribuiti tra settembre e ottobre per salutare l’autunno  a tutta musica (ma non solo). I responsabili di Folkest in accordo con la trentina di comuni del Friuli Venezia Giulia coinvolti nel programma – da Sauris a Duino passando per Tramonti di Sopra e Pulfero, Romans d’Isonzo, Travesio ma anche Udine, Gorizia e ovviamente Spilimbergo, la vicina Capodistria e Auronzo di Cadore-,  hanno deciso di affrontare l’emergenza COVID -19  divenuta purtroppo  mondiale, spostando il festival in altre date.  Folkest  è  un festival che durante i  suoi 41 anni di svolgimento  ha saputo divenire il centro di una  importante rete di relazioni in campo musicale in Europa e nel mondo  coinvolgendo ogni anno artisti provenienti da tutto il mondo, veri e propri custodi  della  musica  di diverse etnie e culture. “Per il 2020 – afferma  il direttore artistico del festival Andrea Del Favero – è una nostra precisa volontà  quella di dedicare un’attenzione particolare ai musicisti italiani che come si sa, sono stati fra i primi ad essere penalizzati dalle cancellazioni dei loro tour e concerti”. Il programma del festival infatti, includerà i migliori talenti italiani, veri e propri custodi e interpreti della buona musica della nostra tradizione capace di rinnovarsi.

Politikos-2020

Portare la cultura dove c’è la gente, è stata fin dall’inizio l’idea fondante di Folkest, un festival multicolore nato grazie al contributo della Regione Friuli Venezia Giulia e al fondamentale sostegno della Fondazione Friuli, a cui si affiancano i comuni e le organizzazioni  delle varie località toccate e le cui scelte artistiche da anni hanno reso noto questo evento in tutta Europa confermandolo quale palcoscenico ideale per rivelare nuovi talenti all’occhio del pubblico europeo. Da sempre Folkest si rivolge ai giovaniessendo, tra l’altro, formato soprattutto da giovani: nella squadra organizzativa del festival, tolti alcuni storici protagonisti, la compagine vanta probabilmente la più bassa età media tra i vari festival regionali, a dispetto di un alto livello professionale messo in campo. Folkest promuove, i giovani musicisti italiani anche attraverso il Premio Folkest – Alberto Cesa  giunto quest’anno alla sua decima edizione e le cui selezioni per il 2020 si sono appena concluse, contribuendo così  alla loro formazione professionale di livello europeo, attraverso la collaborazione con vari festival europei.

Musica Spiccia

Il Premio Alberto Cesa che coinvolge ogni anno circa  centocinquanta artisti, è dedicato a tutta quella musica che, al di là dell’essere classificata come folkfolk-rock, etnicoetno-jazz, worldnew acousticminimalistachitarristicocanzone d’autorecantastorieartista di strada (con prevalente attività musicale) sappia dare voce ad una o più radici culturali di qualsiasi parte del mondo. Va sottolineato che questo premio  è uno dei pochi – insieme al Premio Parodi di Cagliari che si dedica alla world music in Italia, utile – oltre che a far circolare nuovi nomi e nuovi gruppi – soprattutto alle giovani band partecipanti che hanno così modo di scoprire il mondo che c’è intorno, conoscere altri musicisti, raccontarsi problemi e soluzioni, scambiarsi contatti e dischi. Il bando 2021 del premio è già scaricabile on line (https://www.folkest.com).

Ufficio stampa:Studio Novajra 335 6688233 / 342 8551242 – ufficiostampa@novajra.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: