• 2 Dicembre 2020 01:00

Notizie dal Nord Est ONLINE 24 ore su 24

Portate pazienza prima che la perda

La quarantena non perdona.

Passato il primo periodo in cui ci siamo stretti attorno alla nostra bandiera, cantando l’inno sul balcone, ora ci siamo assestati nella normalità della nostra pochezza.
Mi riferisco ai capricci, cui troppi fanno eco dal megafono della notorietà.

Chiudiamo, allora apriamo, rischiamo di richiudere, allora fate come volete…
Mi riferisco a chi diffonde teorie complottiste per 15 minuti di notorietà ma anche a chi “inoltra a tutta la rubrica”.


A chi sta sul balcone pronto a denunciare il primo che passa e a chi passa senza motivo, peggio ancora a chi fa grigliate sul tetto che scotta.

Leggo dati, reali. 130 medici morti in servizio, morti per salvare gente che “è solo un raffreddore”, gente che ha avuto la sfortuna di incontrare chi “è solo un raffreddore”. Vorrei lo dicessero alle mogli e ai figli che hanno perso i loro cari. Vorrei solo più responsabilità, in fondo, quella necessaria quando si sta affrontando la più grande emergenza sanitaria di cui si abbia memoria.

Non è il tempo di “fuori dall’Europa” se non abbiamo le palle di fare un minimo, necessario sforzo per “fuori di casa”.

Non so se lo avete capito, l’unico complotto che vedo è quello che si sta attuando contro il buonsenso.


#iorestoacasa ma attenti… Prima o poi mi faranno uscire.

Rispondi