• Lun. Feb 6th, 2023

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

Del corpo il sogno – Fotografie stampate alla gomma bicromata – Personale di Giovanni Zuin – a Padova dal 6 al 29 maggio

DiRedazione

Apr 30, 2022

“Del corpo il sogno”

Fotografie stampate alla gomma bicromata

Personale di Giovanni Zuin

6 maggio 2022 – 29 maggio 2022

Palazzo Angeli, Padova

Inaugurazione 5 maggio ore 18.00

Presentazione critica di Barbara Codogno

Del corpo il sogno, la personale del fotografo padovano Giovanni Zuin, sarà allestita a Palazzo Angeli in Prato della Valle a Padova.

La mostra che inaugura il 5 maggio alle ore 18.00 con ingresso libero, si terrà dal 6 maggio 2022 fino al 29 maggio e sarà visitabile gratuitamente dal lunedì alla domenica, dalle ore 16.00 alle ore 19.00,chiuso il lunedì.

In esposizione una quarantina di fotografie che raccontano l’originale e poetico percorso di ricerca dell’artista, nel corso della sua carriera.

La mostra si sofferma su una particolare tecnica impiegata da Zuin: la stampa alla gomma bicromata, procedimento inventato intorno al 1850 e che diede origine alla corrente fotografica del Pittoricismo.

Questa stampa artigianale, che produce solo pezzi unici, si ottiene stendendo sulla carta una soluzione di gomma arabica, un bicromato e un pigmento.

L’effetto che se ne ottiene è quanto di più lontano dalla fotografia intesa come mera riproduzione della realtà.

Nel testo critico che accompagna la mostra, la curatrice Barbara Codogno scrive: “La selezione di foto che compongono questa antologica tematica di Giovanni Zuin vedono quindi una proposta esteticamente definita che nella tecnica della stampa alla gomma aggancia una dimensione onirica e sognante del corpo. I tanti nudi accademici ritratti dal fotografo amalgamano la classicità della posa e delle forme a una densità grumosa, satura eppure incerta, vaga. Talvolta un tuffo nel passato con qualche ammicco alla fotografia di genere del secolo scorso, talvolta un impeto espressionista che ricorda la potenza di Munch. Un tratto stilistico davvero personale quello di Zuin e che aggancia la categoria letteraria, e pittorica, del “perturbante”.

C’è un tratto distintivo che accomuna le fotografie selezionate per questa antologica di Giovanni Zuin, organizzata da Franco Zago e con allestimento a cura di Antonio Zago: il corpo ritratto spesso ne cela il volto.

Omaggio a Chagall 1995

Questa scelta è così evidenziata da Barbara Codogno nel testo critico: “Grande intuizione quella di ritrarre le persone nascondendone il volto. Siamo di fronte a un corpo enigmatico, i corpi di Zuin sono sfingi che si fanno rincorrere, interpretare: dobbiamo immaginarle per poterle afferrare.

In quest’assenza di identità sta anche la seduzione del corpo che Zuin fa trionfare in assoluta pulcritudine. Come testimonia la foto “Ritratto di Maria”. Un trionfo d’avorio parte dalla nuca e scende lungo la spalla. Si intravedono appena due piccoli seni. I capelli lisci e setosi sono raccolti con un elastico di spugna, la figura è esile, di una bellezza giovane e senza malizia, piuttosto, teneramente timida come testimonia la torsione del collo che sposta il volto nell’ombra e lo fa scomparire dalla portata dello sguardo del fotografo, e anche dalla nostra. La genialità dello scatto è nel suo mistero, nel suo silenzio. Del corpo il sogno”.

Orari: dalle ore 16:00 alle 19:00, dal martedì alla domenica; chiuso il lunedì.

Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi