• Mer. Set 28th, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

I miti del rock : PREFAB SPROUT

DiAlPontelli

Apr 8, 2019

Formatisi in Scozia all inizio degli anni ’80 come gruppo di musica sperimental-folkrock, sono fondamentalmente un progetto del loro leader Patrick Paddy Mc Aloon.

Nati dalle ceneri del punk, il gruppo ha saputo fondere una certa eleganza tipica del pop inglese ad elementi di new wave e folk raffinato.

I loro primi singoli, tratti dal loro ep d’esordio, non sono stati ben accolti dalla critica, venivano definiti pop di scarsa qualità.

Dopo il loro ep datato 1982, nel 1983 l’ep che porta il loro nome, Prefab Sprout (letteralmente germoglio prefabbricato, che pare derivi da un verso di una canzone di Nancy Sinatra..) porta il gruppo scozzese verso un pop piu sofisticato e meno banale, ma comunque troppo simile a band come gli Steely Dan e ad un certo jazzy da club.

La prima svolta per la band arriva dopo il loro album Swoon del 1984, raffinato ma ancora un po troppo salottiero ed ammiccante.

Il successivo disco Cruel fu però quello della vera svolta.

Gli arrangiamenti si fecero piu intensi e sofisticati e scavarono un solco con il vecchio stile troppo easy pop oriented.

Il vero capolavoro è però l’album Steve Mc Queen del 1985 che li consacra a livello mondiale.

Prefab Sprout – Appetite

Brani come “When loves break down” e “Appetite” scalano le classifiche di mezzo mondo.

I successivi lavori non riuscirono mai a bissarne il successo; la band
però era ormai diventata una band di culto e album come From langley park to memphis, da cui venne estratto un brano che ebbe un buon successo commerciale come “Hey manhattan” e il successivo album del 1989 Protest song (che inizialmente doveva uscire qualche anno prima ma venne messo in soffitta..) e soprattutto Jordan:the comeback del 1990 una sorta di concept album molto interessante in cui si pesca dalla musica anni 50 fino alle suite, ne consacrano il nome tra i grandi di un certo jazz/folk pop sofisticato.

Il loro ultimo album di studio, datato 1997 si intitola Andromeda heights, esce dopo 4 anni di silenzio e ne dimostra una volta ancora una certa classe e maturità compositiva, soprattutto del leader Patrick Paddy Mc Aloon, che poi pubblicherà un album a suo nome nel 2003.

L’ultimo lavoro a nome Prefab sprout è datato 2013 e si intitola Crimson red, i brani sono tutti suonati, cantati e composti dallo stesso Mc Allon.

Formazione:
Paddy Mc Aloon: voce,chitarra,tastiere
Wendy Smith: cori,chitarra
Martin Mc Aloon: basso
Neil Conti: batteria

Discografia
1984 Swoon
1985 Steve mc queen
1988 From langley park to memphis
1989 Protest song
1990 Jordan:the comeback
1997 Andromeda heights
2013 Crimson red

Rispondi