• Lun. Ott 3rd, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

INTERVISTA AD ANDREA BOLZAN

DiLuigi Ferraro

Ago 11, 2022

A pochi giorni dall’inizio della nuova stagione calcistica scambiamo quattro chiacchiere con Andrea Bolzan del  “A.S.D. Buttrio Calcio” che ci racconta progetti e aspettative della compagine viola

Arrivato a Buttrio, squadra del girone E di seconda categoria, a dicembre dello scorso anno dalla Cormonese, ha deciso di sposare il progetto anche per la stagione 2022/23. Settore giovanile trascorso tra Pro Romans, Sevegliano e, per un breve periodo anche a Venezia, vanta in prima squadra un gran numero di presenze tra Serie D, Eccellenza, Promozione e Prima Categoria accumulate con le maglie di Sevegliano, Itala San Marco, Pro Gorizia, Pro Romans, Forum Julii  e Aquileia.

Quali sono le aspettative del Buttrio per questa nuova stagione?

È innegabile la voglia di far bene, migliorarsi costantemente e cercare di scalare la classifica. Le ambizioni sono alte, d’altronde si gioca sempre per vincere. Mi sento in dovere di fare un plauso alla società che questa estate ha movimentato il mercato riuscendo a portare a Buttrio giocatori di ottima qualità, pur mantenendo lo “zoccolo duro” della squadra dello scorso campionato. Chiaramente poi sarà solo il campo a parlare.

Secondo te quali sono le squadre favorite per questa nuova stagione?

È presto per dare giudizi  ma è innegabile che ci siano di fatto delle squadre più attrezzate di altre. Su tutte, anche per prestigio, direi Manzanese e Cussignacco, senza dimenticare delle compagini del pordenonese che sembra stiano lavorando molto bene. Ripeto, non è mai facile fare pronostici a priori, anche perchè ogni domenica può rivelare sorprese inaspettate.

Come valuti la seconda categoria di oggi?

Raggiungere la vittoria in seconda categoria è chiaramente difficile come nelle altre, non è mai facile vincere. Sicuramente la qualità delle giocate è minore ma c’è sempre grande dinamismo e agonismo. L’unica cosa che mi sento di dire è che, se da un lato capisco la difficoltà che può incontrare la federazione nell’organizzazione del campionato, dall’altro auspico fortemente un ritorno anche della terza categoria, con conseguente ripristino di Play off e Play out in modo da evitare campionati che da gennaio in poi rischiano di diventare per tante squadre privi di aspettative ed entusiasmo.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Vivo il presente, anche se mi sono ripromesso di appendere le scarpe al chiodo solo dopo aver vinto un altro campionato….chissà che non sia l’anno giusto!

Rispondi