• Gio. Dic 1st, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

Lettere Mediterranee, la sezione di approfondimento culturale di ONDE MEDITERRANEE, apre il festival il 21 luglio con un ciclo di incontri

DiRedazione

Lug 19, 2022

ONDE MEDITERRANEE FESTIVAL – 26° edizione

Gradisca d’Isonzo, 21-30 luglio 2022

Onde Mediterranee Festival 2022 prende il largo 

con gli incontri di LETTERE MEDITERRANEE:

dialoghi letterari con pensatori, poeti e naviganti.

Fabio Turchini, curatore del programma, incontra in tre serate

a Gradisca d’Isonzo alle ore 21.00:

Umberto Galimberti (in foto di copertina) , Angelo Floramo, Paolo Rumiz

Scambi poetici per ripristinare i flussi, contaminare le distanze 

e superare le nuove barriere fra i pensieri e le genti del Mediterraneo.

Il 27, 28 e 29 poi, Lettere Mediterranee ospita “Dialoghi – Festival Itinerante della Conoscenza”

incontrando Giovanna Casadio con Antonio de Nicolo e Linda Tomasinsig, 

poi Paolo Berizzi con Alessandra Kersevan e infine Marco Aime, 

approfondendo temi che si intrecciano profondamente con le problematiche mediterranee.

Ingresso libero

Gradisca, 19 luglio 2022– Onde Mediterranee anche in questa 26° edizione costruisce attraverso la musica, gli incontri e i personaggi, un contesto di riflessione poliedrico che vuole concentrarsi sulle azioni possibili, le urgenze, i bisogni del contemporaneo attraverso esperienze, forme e linguaggi diversi. 

Si comincia con gli incontri di LETTERE MEDITERRANEE, a cura del filosofo e scrittore Fabio Turchini. Il primo appuntamento è con Umberto Galimbertigiovedì 21 luglio, alle 21 al Teatro Comunale di Gradisca d’Isonzo (ingresso libero).In programma una conversazione con il filosofo, antropologo culturale, giornalista e scrittore a partire dal libro “La parola ai giovani” (Feltrinelli, 2018) per interrogarsi sull’universo giovanile nell’epoca delle “passioni tristi”, dell’assenza di perché, del nichilismo attivo che non affronta il presente e immagina il futuro.

Sabato 23 luglio, alla Corte Marco d’Aviano (Palazzo Ciotti – Teatro Comunale in caso di maltempo), Angelo Floramo, insegnante, scrittore, medievista, presenta il suo ultimo libro “Come Papaveri Rossi” (Bottega errante, 2021) dove, attraverso il racconto e la biografia di tre generazioni, si afferma il diritto alla resistenza, alla “schiena diritta”, unica postura che non rinuncia con indefettibile perseveranza ad una piena umanità.

Lunedì 25 luglio, alle 21, al Teatro Comunale e sempre ad ingresso libero, in scena “Canto per l’Europa”, reading-spettacolo musicale di e con Paolo Rumiz, che sarà preceduto da un incontro con l’autore. Un grande narratore della parola racconta un viaggio epico di quattro moderni argonauti e una profuga siriana che ridanno vita al mito d’Europa. Con Rumiz, Lara Komar e Giorgio Monte alla recitazione, accompagnati da due musicisti: Aleksandar Karlic, e Vangelis Merkouris.

Fabio Turchini, curatore di LETTERE MEDITERRANEE illustra così la sezione di approfondimento culturale del Festival:

«Lettere Mediterranee con le sue conversazioni propone una presa di coscienza attraverso quella che possiamo definire una focalizzazione letteraria, incontrando autori e pubblicazioni fra le più recenti che si sono occupate e preoccupate di mettere in luce le crisi e le contraddizioni del nostro continente, per opporsi al torpore dell’Europa che dovrebbe esprimere i propri valori, che attingono alla sua storia, alla sua memoria e alle sue radici. Radici che affondano nella contaminazione, nell’incontro generativo e poetico di persone e genti in viaggio».

Le conversazioni di Lettere Mediterranee proseguiranno anche nelle giornate del 27, 28 e 29 luglio, parallelamente ai concerti e agli altri eventi in programma. Ogni giorno, alle 18.30, ad ingresso libero, grazie alla collaborazione con Dialoghi 2022 – Festival itinerante della conoscenza, si ragionerà a partire da alcune recenti pubblicazioni, frutto dell’impegno e della ricerca giornalistica, intorno ai dis-valori della società occidentale. 

Il 27 luglio, a Gradisca alla corte Marco D’Aviano Palazzo Torriani, si parlerà di “Le città tra pandemia e migrazione” con Giovanna Casadio, Antonio de Nicolo e Linda Tomasinsig

Il 28 luglio, alla Casa della Musica di Cervignano del Friuli, Paolo Berizzi, autore di “È gradita la camicia nera” (Rizzoli), ragiona con la storica Alessandra Kersevan. 

Il 29 luglio, di nuovo nella corte a Gradisca, l’antropologo torinese Marco Aime riflette con Turchini su “Il Mediterraneo tra umanità e morte”. Per non distogliere lo sguardo.

Il tempo prima dei concerti all’Arena del Castello di Gradisca (il 27 Manuel Agnelli, il 28 i Nomadi, il 29 Willie Peyote e il 30, dopo l’incontro dedicato a Giulio Regeni, Alberto Bertoli e Doro Gjat) è infine riservato ogni giorno dal 27 al 29 luglio dalle ore 20.15 (libero accesso) ai Green Talks curati da NoPlanetB, con scienziati e divulgatori quali Luca Romano, Alice Pomiato, Giacomo Moro Mauretto, Riccardo Rizzetto dedicati ai temi del cambiamento climatico, delle fonti energetiche, della biodiversità da preservare e degli stili di vita consapevoli e orientati alla sostenibilità

Onde Mediterranee Festival – 26a edizione – #OMF26

Direzione artistica: Giancarlo Velliscig

Coordinamento e Segreteria Organizzativa: Angela Di Francescantonio

Euritmica

#social: Pagina Facebook Onde Mediterranee / Instagram Onde Mediterranee

Instagram Euritmica / Pagina Facebook Euritmica

Pagina Facebook Udin&Jazz / Twitter Udin&Jazz / Instagram Udin&Jazz

Canale YouTube euritmicavideo

Onde Mediterranee partecipa alle iniziative di avvicinamento a

Go!2025 Nova Gorica e Gorizia Capitale Europea della Cultura 2025

verita-e-giustizia-per-Giulio-Regeni  Onde Mediterranee Festival è dedicato a Giulio Regeni   

Redazione

Direttore : Stefano SERAFINI Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi