• Dom. Dic 5th, 2021

VNE

online 24 ore su 24

PINK SONIC – MAJANO 10 Agosto

DiSebastiano Accolla

Ago 12, 2019

“Pink Sonic”….Oltre il MURO…

di Sebastiano ” SEBA” ACCOLLA

Eh si cari amici della buona musica…

Cari amici del Suono Floydiano…

L’esperienza dei Pink Sonic ha ormai raggiunto non solo la perfezione…ma ha abbattuto il MURO…quel confine che divide questa stupenda Band vicentina dai grandi Pink Floyd.

Sabato sera, la notte di S. Lorenzo, la stella cadente dei Pink Sonic, si è nuovamente abbattuta su Majano…e si, ormai l’appuntamento con il Festival che la città offre da più di 50 edizioni, è annuale…

I Pink Sonic si esibiscono a Majano dal 2012…e io li seguo da allora, ed è sempre una emozione nuova…per me poi che i Pink Floyd li ho visti dal vivo 25 anni fa…e non temo il paragone.

Il progetto Pink Sonic nasce nel 2011, creatura in continua evoluzione di Francesco Pavananda, cantante e chitarrista, talento puro artisticamente e umanamente, per chi come me l’ha conosciuto.

Dalle alte vette, dove pare viva da anni appartato dal mondo, dedica le giornate alla ricerca del mood che più si avvicina al suono dei Pink Floyd, ma con estrema personalità e amore per David Gilmour.

Una direzione artistica maniacale, quella che sabato sera i 1500 accorsi a Majano hanno potuto assistere.
Luci, Laser, L’immancabile Cerchio del diametro di 5 metri, lo stesso usato da Floyd, ove vengono proiettate ispirate immagini oniriche e le 32 teste mobili che lo contornano, immagini e disegni che rendono questo show uno spettacolo unico, esaltante ed emotivo per circa 2 ore e mezza….

Un Live, che in pieno rispetto dei concerti dei Floyd dal 1989 in poi, si è puntualmente aperto con la bellissima “Shine On You Crazy Diamond”, per poi passare a canzoni tratte dagli album “A Momentary Laps of Reason” del 1987 e “The Division Bell” del 1994, per poi rituffari alla fine dei “60, toccando il picco della ricerca storica con “Astronomy Domine”, scritta da Syd Barrett nel 1967, ed ancora “Set The Controls For the Heart of the Sun” del 1968. Lo Show prosegue magico con altre canzoni dei “70…”The Dark Side of The Moon”, per poi approdare pian piano verso il “MURO”…

Verso “The Wall” e le su canzoni più rappresentative, eseguite come dall’inizio dello spettacolo con maestria, senza scimmiottare i Floyd, ma con rispetto e personalità di Pavananda e della sua Magica Band, scelta accuratamente da quest’ultimo.

I Pink Sonic sono:

Francesco Pavananda: guitars, lead vocal

William Moor: drums

Michele Lavarda: bass & vocals

Gioel Stradiotto: keyboards

Gabriele Andreotti: sax

Marco Marinato: rhythm guitar

Le bravissime:

Valerie Buckley: vocals

Manuela Milanese: vocals

Nicole Stella: vocals

Quest’ultima ha raccolto meritati applausi durante la perfetta esecuzione di “The Great Gig in The Sky” sempre dal mitico album del 1973 “The Dark Side of The Moon”…una voce superba.

Lo Show ha regalato un finale pirotecnico di luci e fuochi con una regia perfetta sulle note di “Run Like Hell”, che di solito chiude i concerti dei Floyd, poi applausi per minuti, sorrisi, foto, un rituale che solo una Band come i Pink Sonic meritano…Un lungo viaggio che li ha portatiin giro per l’Italia, che visitano già dall’inverno.

Un arrivederci al prossimo inverno, come anticipato dall’amico Francesco Pavananda, e con nuove sorprese.

CONTATTI
BOOKING / REQUEST
BOOKING@PINKSONICSHOW.COM
Info alla band:
info@pinksonicshow.com
VIA GALILEO GALILEI 41,
SANDRIGO (VICENZA)

Da ascoltare…da vedere.    Rock Never Die !!!!

Sebastiano “Seba” Accolla

Rispondi