• Mer. Ago 17th, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

A4 VE-TS : LA CRISI DI GOVERNO NON METTA A RISCHIO IL PASSAGGIO ALLA NEWCO

DiRedazione

Lug 19, 2022

SULLA A4 VENEZIA-TRIESTE TIR IN AUMENTO E 26 MILIONI DI PRESENZE TURISTICHE IN SOLI 5 MESI: SERVONO CANTIERI H24 E CASELLO DI BIBIONE

La Fondazione Think Tank Nord Est teme un rallentamento dell’iter e chiede di procedere con strumenti eccezionali per risolvere l’emergenza: nell’Alto Adriatico più turisti della Riviera Romagnola, ma meno svincoli per le spiagge

Nei giorni scorsi, con la firma dell’accordo di cooperazione tra il Ministero delle Infrastrutture e le Regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto, si è compiuto un altro passo in avanti verso l’operatività della newco “Autostrade Alto Adriatico”, che a breve subentrerà ad Autovie Venete, in particolare nella gestione della tratta Venezia-Trieste della A4.

La Fondazione Think Tank Nord Est, che si è spesa in più occasioni – anche organizzando numerosi incontri con i rappresentanti delle istituzioni, di Autovie Venete, di Autostrade Alto Adriatico, nonchè con il Commissario Fedriga – per velocizzare il completamento della terza corsia, plaude al compimento di questo passaggio strategico, ma chiede di proseguire speditamente l’iter. “Abbiamo appreso con sollievo la notizia della firma dell’accordo con il Ministero – commenta Antonio Ferrarelli, presidente della Fondazione Think Tank Nord Est – anche se mancano ancora alcuni passaggi cruciali per la piena operatività della newco.”

Ora, tuttavia, la crisi di governo potrebbe mettere a rischio i prossimi step. “L’instabilità politica non rappresenti un alibi per rallentare l’iter, che deve procedere con massima urgenza – precisa Ferrarelli – e pertanto chiediamo ai parlamentari di Veneto e Friuli Venezia Giulia di monitorare costantemente il passaggio di consegne alla nuova concessionaria: la Venezia-Trieste è un’autostrada strategica per tutta l’Europa, sia per il traffico pesante sia per l’economia turistica, in forte ripresa quest’anno.”

La A4 Venezia-Trieste, infatti, è una tra le infrastrutture più trafficate del Paese, come certificato dall’ultimo studio della Fondazione Think Tank Nord Est, che evidenzia come il traffico pesante sulla Venezia-Trieste, nel corso del 2021, abbia già superato le percorrenze pre-pandemia (in totale 832 milioni di km, +2% rispetto al 2019). Purtroppo è anche una delle arterie più pericolose, troppo spesso teatro di incidenti mortali, in particolare nel tratto tra San Donà di Piave e Portogruaro, l’unico rimasto a due sole corsie per senso di marcia.

Peraltro, il completamento della terza corsia interviene su un’autostrada a servizio dell’intero litorale, caratterizzato da consistenti flussi turistici nel periodo estivo. Secondo la Fondazione Think Tank Nord Est, infatti, l’Alto Adriatico è l’area a più forte vocazione turistica di tutta Italia: nel 2019, prima della pandemia, si sono registrati 25,8 milioni di presenze turistiche da maggio a settembre lungo le spiagge comprese tra Grado e Cavallino. Un dato elevatissimo, concentrato in soli 5 mesi, superiore anche a quello della Riviera Romagnola, che nello stesso periodo ha messo insieme 24,7 milioni di presenze lungo il litorale da Comacchio a Cattolica.

Nonostante ciò, la A4 Venezia-Trieste può contare su un numero di svincoli inferiore rispetto alla A14: sono infatti solamente 5 i caselli a servizio delle spiagge dell’Alto Adriatico contro i 7 della Riviera Romagnola, su una tratta autostradale della lunghezza analoga di circa 50 km. Proprio per questo, da tempo la Fondazione chiede di realizzare al più presto il casello di Bibione, fondamentale per gestire i flussi di turisti in forte aumento, ma anche per snellire il traffico del nodo di Portogruaro.

“Per la tratta San Donà di Piave-Portogruaro servono cantieri attivi 24 ore su 24, al fine di completare al più presto la terza corsia. Il piano di investimenti dovrebbe considerare le reali priorità del territorio, per cui non bisogna dimenticare – conclude Ferrarelli – che 26 milioni di presenze turistiche in soli 5 mesi devono poter contare su accessi adeguati: per questo il casello di Bibione va realizzato al più presto.”

Redazione

Direttore : Stefano SERAFINI Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi