• Mar. Ago 9th, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

FONDAZIONE CARIGO PRESENTA IL 6 LUGLIO A VILLA RUSSIZ IL DIALOGO TRA CARLO PETRINI FONDATORE DI SLOW FOOD, E MONS. CARLO ROBERTO MARIA REDAELLI

DiRedazione

Lug 5, 2022

DOMANI, MERCOLEDÌ 6 LUGLIO, ALLE 17.45, CARLO PETRINI, FONDATORE DI SLOW FOOD, E MONS. CARLO ROBERTO MARIA REDAELLI, ARCIVESCOVO DI GORIZIA, OSPITI DI FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI GORIZIA PER LA CONFERENZA ORGANIZZATA CON “FILIERA FUTURA” SULLA TERRAZZA DEL CASTELLO DI VILLA RUSSIZ: “IL FUTURO VIENE DALLA TERRA. TERRITORI COLTIVATORI DI IDENTITÀ E MOTORI DI INNOVAZIONE”

I DUE RELATORI D’ECCEZIONE DIALOGHERANNO SUL TEMA DELLA

CULTURA CONTADINA E DEL RECUPERO DEI BORGHI E TERRENI AGRICOLI DISMESSI

Ingresso Libero

GORIZIA- La Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, presieduta da Alberto Bergamin, organizza per mercoledì 6 luglio 2022 alle 17.45, nella cornice di Villa Russiz a Capriva del Friuli, la conferenza dal titolo “Il futuro viene dalla terra. Territori coltivatori di identità e motori di innovazione”. Relatori d’eccezione dell’evento saranno Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, e Mons. Carlo Roberto Maria Redaelli, Arcivescovo di Gorizia e Presidente Caritas italiana, che dialogheranno sul tema della cultura contadina e del recupero di Borghi e terreni agricoli dismessi.

L’evento è organizzato dalla Fondazione Carigo in collaborazione con Filiera Futura, associazione nata nel 2020 all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, nel Comune di Bra (provincia di Cuneo), su iniziativa della Fondazione CRC, che ha visto fin dall’inizio al suo fianco in qualità di socio fondatore la Fondazione goriziana.

Mission di Filiera Futura – che conta attualmente 24 soci, di cui 20 Fondazioni di origine bancaria assieme all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, l’Università degli Studi di Udine, Coldiretti Italia e Confartigianato – è promuovere l’innovazione e sostenere l’unicità e la competitività della produzione agroalimentare italiana di qualità. In questo contesto si inserisce l’evento della Fondazione Carigo di mercoledì 6 luglio, con lo scopo di accendere un faro sul ruolo cardine delle zone rurali, custodi di tradizioni e saperi, quali propulsori di cambiamento e innovazione, che non deve partire da lontano, ma dalla terra stessa.

«Il momento storico che stiamo vivendo richiede un profondo cambio di paradigma» spiega Carlo Petrini. «Se si vuole mirare alla costruzione di un futuro migliore, i nostri modi di agire e pensare dovranno essere rivisti dalla base. Sono convinto che un passo determinante in questa direzione possa concretizzarsi nel rivitalizzare quella preziosa componente della biodiversità culturale italiana rappresentata dai piccoli borghi. Questi paesi, che soffrono sempre più del processo di deruralizzazione, devono tornare a essere promotori di piccole economie locali e luoghi in cui le comunità possano risanare il rapporto con la natura e con il territorio». «Dirò di più – prosegue il fondatore di Slow Food – oggi si sente abusare del termine sostenibilità. Chiunque è pronto a definirsi sostenibile. Il vero significato di questa parola però risiede nel rendere durevoli i beni di cui già disponiamo. Ecco che far riaffiorare un patrimonio inestimabile come i borghi italiani è pratica innovativa e sostenibile per eccellenza».

Da parte sua l’Arcivescovo di Gorizia Mons. Carlo Roberto Maria Redaelli sottolinea come il recupero dei terreni dismessi e la valorizzazione dei piccoli borghi possa ben inserirsi in quell’attenzione al Creato ripetutamente sollecitata da Papa Francesco ed espressa in particolare nell’Enciclica “Laudato sì” sulla cura della casa comune. In questo modo sarà possibile dare risposta concreta all’appello di Papa Francesco: «L’ambiente è un bene collettivo, patrimonio di tutta l’umanità e responsabilità di tutti. Se non lo facciamo, ci carichiamo sulla coscienza il peso di negare l’esistenza degli altri».

«Il titolo della conferenza è sufficiente a spiegare la scelta del luogo dove viene ospitata» interviene il Presidente della Fondazione Carigo Alberto Bergamin. «Villa Russiz, nel cuore del Collio, va oltre il concetto di semplice azienda vitivinicola, perché rappresenta soprattutto un luogo in cui il valore umano è il vero capitale. Fondazione Villa Russiz non soltanto produce vino di qualità nel rispetto della storia, delle tradizioni e del patrimonio del territorio, ma, attraverso le rendite di questa attività, accoglie nella casa famiglia ragazzi con storie di vita delicate e difficili, garantendo loro un luogo familiare e sereno dove crescere e formarsi. Un esempio di come la nostra terra sia di supporto alla comunità e ai giovani, che rappresentano il nostro futuro».

«Partire dal patrimonio esistente e dalle nostre radici per costruire il futuro, senza cancellare quello che già c’è, ma utilizzandone la memoria come spinta per valorizzare e sviluppare il territorio e le nostre comunità: questa è la linea che da anni la nostra Fondazione segue», ricorda il Direttore Generale della Fondazione Carigo Rossella Digiusto. «Siamo molto orgogliosi di poter approfondire sul nostro territorio questi temi, dedicati principalmente alle tante realtà agroalimentari che custodiscono e coltivano la nostra cultura contadina, e al contempo sono capaci di cogliere la sfida dell’innovazione».

«In un momento di grande attenzione al tema della disponibilità di materie prime alimentari Filiera Futura pone l’accento sulla necessità di riappropriarsi dei borghi in progressivo spopolamento e del recupero di terreni agricoli dismessi. Il nostro paese custodisce un grande patrimonio naturale e un capitale di idee fatto da piccoli-grandi produttori che stanno innovando il settore dell’agroalimentare: per questo come associazione siamo impegnati nella creazione di reti finalizzate a diffondere conoscenze e a valorizzare queste realtà. Siamo lieti di farci accompagnare in stimoli e riflessioni da due personalità di rilievo come S.E.R. Mons. Carlo Roberto Maria Redaelli – Presidente della Caritas e Carlo Petrini – fondatore di Slow Food nell’evocativa cornice di Villa Russiz, luogo simbolo del patrimonio enogastronomico italiano dove si coniugano eccellenza produttiva e solidarietà sociale» dichiara il Presidente di Filiera Futura Francesco Cappello.

La conferenza – che ha il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia, della Camera di Commercio della Venezia Giulia, del Comune di Capriva del Friuli e del Comune di Cormons – è aperta a tutto il pubblico interessato. In caso di maltempo l’evento si terrà al Teatro Comunale di Cormons.

Redazione

Direttore : Stefano SERAFINI Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi