• Dom. Lug 3rd, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

La grappa trentina nel drink ITALIAN CLUB di Joe Marzovilla del ParlaPiano Bistrot

DiCarlo Dutto

Apr 3, 2022

DRINK: ITALIAN CLUB

BARTENDER: Joe Marzovilla, proprietario e bartender del ParlaPiano Bistrot – Miscelazione in cucina di Mola di Bari (BA)

INGREDIENTI:

4 cl Grappa di Traminer Pilzer
2 cl succo di limone fresco
1 cl sciroppo di zucchero 2:1
Foam di liquore al lampone e limone homemade

Bicchiere: coppa
Garnish
: lampone

Joe Marzovilla photo by Berenice Verga

PREPARAZIONE:
Per preparare la foam homemade, versare in un mixing glass 2 cl di liquore al lampone e 0,5 cl di succo di limone fresco, aggiungere un pizzico di sucroestere e montare con un montalatte a freddo. Il drink si prepara con la tecnica dello shake and strain versando gli ingredienti in uno shaker e shakerando bene, quindi filtrando il tutto in una coppetta precedentemente raffreddata, adagiando la foam e decorando con un lampone.

IL DRINK:

Il cocktail Italian Club fa parte della nuovadrink list ‘Twist on Classics’ che il bartender Joe Marzovilla propone nel suo locale ParlaPiano Bistrot – Miscelazione in cucina a Mola di Bari. Un drink che rivisita in questo caso il classico ‘Clover Club‘, all day cocktail a base di gin e sciroppo di lampone, nato nei primi del Novecento a Philadelphia, dove furono firmate la Dichiarazione di Indipendenza e la Costituzione statunitensi. Qui, al bar dell’hotel The Bellevue-Stratford, club riservato inizialmente ai soli uomini, erano soliti incontrarsi letterati, avvocati e professionisti dell’economia e della finanza. La rivisitazione del classico si sviluppa in chiave italiana: al posto del gin, la Grappa di Traminer prodotta in Val di Cembra da Pilzer. Questa si unisce perfettamente a una foam, una spumadi liquore al lampone homemade: scomponendo i due ingredienti e lavorando con una stratificazione, si permette agli ingredienti di unirsi man mano che la foam rilascia verso il basso i propri sentori di lampone. Ma, al centro di tutto, la Grappa di Traminer Pilzer, realizzata con le pregiate vinacce di uve Traminer coltivate in Trentino, di cui Bruno Pilzer segue con attenzione e tecnica la fermentazione. Un breve periodo di maturazione e, a seguire, la distillazione delle vinacce in alambicco discontinuo a bagnomaria. Caratterizzata da un delicato profumo aromatico che ricorda il petalo di rosa unito ad altri fini profumi più maturi e complessi, come la nota di geranio e di limone, la Grappa di Traminer Pilzer regala sensazioni gustative complesse, lasciando spazio a un lungo e persistente retrogusto. Da assaporare anche liscia, leggermente fresca, ma non fredda, in un bicchiere grande, dove l’aria ne esalta l’aroma.

Carlo Dutto

carlodutto@hotmail.it

Rispondi