• Lun. Ago 8th, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

LE PAGELLE DI STERA : UDINESE vs H.VERONA 1-1

DiStera

Ott 27, 2021

LE PAGELLE DI STERA

UDINESE vs HELLAS VERONA: 1 – 1
27/10/2021

SILVESTRI: 6,5
Attento quando serve, salva il pareggio sul finire della partita. Nulla può sul rigore di Barak
P R E S E N T E

NUYTINCK: 7
Eccellente prestazione per il capitano, una vera diga invalicabile per gli scaligeri che stentano a trovare la via della porta.
I M P E R V I O

BECAO: 6
Non lesina le maniere forti per affrontare gli avversari. Sul rigore scaligero è forse più ingenuo che colpevole, anche perché ribadisco che dopo averla rivista 100 volte, l’azione non era da rigore!
S B E F F E G G I A T O

SAMIR: 6,5
Il brasiliano si conferma in forma. Attento e coriaceo quanto basta, difende con efficacia e senza sbavature.
I N C I S I V O

MOLINA: 6,5
Finalmente una partita alla Molina per l’argentino, vicinissimo anche alla marcatura. Esce per Soppy.
R E D I V I V O

ARSLAN: 6
Primo tempo con pregevoli soluzioni e impeccabile in copertura. Esce un po’ sulle gambe per dare spazio a Makengo.
P E R S U A S O

WALACE: 5,5
Da una sua leggerezza nasce l’azione del pareggio scaligero. Soliti alti e bassi a ritmi blandi.
F L E M M A T I C O

UDOGIE: 6
Contro la sua ex squadra si rende protagonista di una buona partita. Esce per Samardzic.
S A L D O

PEREYRA: 5,5
Personalmente l’ho visto impegnare Montipò al 75^ e poco altro, se non passeggiare in campo.
S C I A L B O

SUCCESS: 6,5
Come un fulmine a ciel sereno, in due minuti segna il suo primo goal in bianconero. Partita con buoni spunti per il neo arrivato. Esce per Stryger.
S O R P R E S A

BETO: 6,5
Finisce sfinito dopo aver cercato la rete in tutti modi, tenendo costantemente in apprensione l’avversario, da vera punta.
S O S T A N Z I O S O

STRYGER LARSEN: 5,5
Rileva Success senza farsi notare.

MAKENGO: 6
Entra al posto di Arslan.

SAMARDZIC: s.v.
Subentra ad Udogie.

SOPPY: s.v.
Pochi minuti per lui al posto di Molina.

IL MISTER: 5,5
Recupera Pereyra ma perde Pussetto, che con l’assenza di Deulofeu lo costringe a nuove scelte in attacco con l’esordio dal primo minuto di Success. Blocco compatto dall’ultima in quel di Bergamo dalla difesa a salire, con Arslan preferito a Stryger Larsen. Assetto premiante nel primo tempo, anche grazie al goal lampo. Secondo tempo con il Verona più in palla. Fa uscire Success per riproporre Stryger sulla fascia. Ma aspetta troppo a fare cambi con il Verona arrembante che riacciuffa immeritatamente il pareggio.
S V A G A T O

CITAZIONE SPECIALE DI OGGI

RIGORE VERONA/ARBITRO : 0
Semplicemente non c’era! Sarebbe ora di finirla, usate il VAR come si deve!

LA SINTESI: Derby farcito di ex
Match infrasettimanale serale per i friulani, che dopo la serie di tre pareggi consecutivi, tra cui l’ottimo pareggio contro la Dea in quel di Bergamo, incontra il pericoloso H. Verona, in periodo di grazia da quando ha cambiato guida tecnica. Sulla panchina un ex friulano come Tudor, che apre la schiera degli ex ora in maglia gialloblue (oggi di verde vestiti) tra cui ci sono l’ex capitano bianconero Lasagna, Barak e Faraoni, mentre in bianconero sono passati da Verona Silvestri e Oudogie. Success scelto per sopperire all’assenza di Pussetto che accusa un problema al ginocchio. Ed è proprio il neo bianconero, al suo esordio da titolare, ad aprire inaspettatamente le marcature al 2^ minuto di gioco con una caparbia azione rifinita con il destro con cui supera Montipò. Partita che si mette subito in discesa per i friulani che verosimilmente potranno giocare di rimessa, con gli scaligeri obbligati a scoprirsi per recuperare il risultato. Ragnatela tattica friulana che sembra dare problemi ai veronesi, con i bianconeri pronti a ripartire non appena entrano in possesso palla, con Arslan che cerca di illuminare il gioco delle due punte. Beto e Success sfruttano al meglio le aperture del Tedesco/Turco. Manovra ben gestita quella dei friulani, che tengono i veronesi nella loro metà campo. Al 23^ batte il terzo corner consecutivo la squadra di Gotti, e Nuytinck di testa svetta in area impegnando Montipò che si salva con bravura e un po’ di fortuna, visto che la sua parata mette il pallone di nuovo sulla testa di Nuytinck che la spedisce di poco a lato. Udinese che schiaccia l’avversario in difesa, al 26^ minuto Pereyra appoggia per Walace che si vede deviare in angolo una bella conclusione. Dal corner ancora Nuytinck che di testa manda alto. Al 31^ corner per i bianconeri con Montipò che devia sul palo il colpo di testa di Beto, palla a Pereyra che la rimette forse con eccessiva veemenza in area e pallone sui piedi di Molina che conclude di potenza a rete colpendo al volto Faraoni che finisce ko in area con i sanitari che accorrono in soccorso. Tutto ok per l’ex bianconero dopo le cure dei sanitari e si riparte. 41^ minuto, Success lancia in profondità Beto che vince il corpo a corpo con Magnani e conclude a rete, decisivo Montipò che salva la porta scaligera. Le statistiche del primo tempo dicono 10 tiri in porta a ZERO per i friulani, sarebbe un delitto non portare a casa i tre punti con una prestazione come questa. Seconda frazione di gioco che riparte con 3 cambi dalla panchina per il Verona, dentro Dawidowicz, Lazovic e Caprari nel tentativo di cambiare le sorti del match. L’inerzia della partita, almeno da quel che si vede nei primi minuti, sembra essere cambiata leggermente, con i veneti ora più in palla, anche se devono salvarsi dalle incursioni di Beto, sempre pronto a sfruttare gli spazi. Arriva al tiro al 54^ l’Hellas, che conclude sopra la traversa dalla distanza. Più equilibrata ora la partita e Gotti studia già i primi cambi. Al 59^ dai e vai Molina-Beto-Molina che purtroppo conclude alto. Beto in contropiede costringe Sutalo in corner. 62^ minuto primo cambio per Gotti, dentro Stryger Larsen al posto di Success. Risponde Tudor al 65^ mettendo in campo Simeone. Un minuto dopo dentro Makengo. Quinto cambio al 72^ per Tudor, dentro Ilic, Hellas stravolto rispetto al primo tempo. Al 75^, dopo una partita in ombra, il tucu Pereyra salta 3-4 giocatori e impegna dalla distanza Montipò che salva in corner. 78^ minuto, Walace perde palla a centrocampo che innesca un azione dubbia in area friulana, consulto VAR per un presunto fallo ai danni di Barak. Minuti lunghissimi prima di raggiungere una valutazione. All’81^ l’arbitro assegna rigore contro i bianconeri, ALTAMENTE DISCUTIBILE! Gotti, colpevolmente in ritardo, mette in campo Soppy e Samardzic. 94^ Silvestri salva su Simeone. Friulani ormai avviliti e stanchi. Si completa la beffa, finisce 1 a 1, risultato bugiardo, ma altri due punti persi.

HELLAS VERONA : MONTIPO’ 7, SUTALO 5.5 (ILIC 5.5), MAGNANI 6, CECCHERINI 5.5 (DAWIDOWICZ 6), FARAONI 5.5, MIGUEL VELOSO 6.5, HONGLA 5 (LAZOVIC 6), TAMEZE 5.5, LASAGNA 5 (CAPRARI 6), BARAK 6.5, KALINIC 5.5 (SIMEONE 6.5)

Stera

Stefano SERAFINI, alias STERA, direttore di VOCEDELNORDEST.IT email : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi