• Mar. Ott 4th, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

GIORNATA MONDIALE DELL’ALZHEIMER, PRESENTATA OGGI LA CORSA DEL BUS VIOLA, CHE PERCORRERÀ QUESTE SETTIMANE LE VIE DELLA CITTÀ

DiRedazione

Set 21, 2022

MERCOLEDÌ 21 SETTEMBREGIORNATA MONDIALE DELL’ALZHEIMERUNA CORSA SPECIALE ALLE 11.30 DEL BUS VIOLA, L’AUTOBUS DI LINEA TINTO DI VIOLA CHE STA PERCORRENDO IN QUESTE SETTIMANE LE VIE DELLA CITTÀ. DUE ULTERIORI CORSE SPECIALI SONO PROGRAMMATE PER MERCOLEDÌ 28 SETTEMBRE, ALLE 18.00 E ALLE 19.00, SEMPRE CON PARTENZA DA PIAZZA OBERDAN (LATO TRAM). I PASSEGGERI SARANNO ACCOMPAGNATI IN LUOGHI SIGNIFICATIVI DELLA CITTÀ DALLA GUIDA TURISTICA FRANCESCA PITACCO. DURANTE IL PERCORSO, SI SENTIRANNO IN CUFFIA I DIALOGHI DI UNA MADRE E UNA FIGLIA, PASSEGGERE IMMAGINARIE, INTERPRETATE DALLE VOCI DELLE ATTRICI ARIELLA REGGIO E MARZIA POSTOGNA

TRIESTE- Dopo aver già avviato da inizio settembre numerose iniziative nel segno della sensibilizzazione dell’intera popolazione sui temi della malattia di Alzheimer – che nel mondo colpisce, assieme ad altre forme di demenza, circa 58 milioni le persone più di 1 milione in Italia e oltre 20.000 nella nostra regione – l’Associazione De Banfield onlus propone un pieno di attività per mercoledì 21 settembre, Giornata Mondiale dell’Alzheimer, un giorno simbolo nel nome delle persone affette da questa malattia e i loro caregiver. Una giornata che si tinge idealmente di viola, il colore di un fiore piccolo e delicato, comunemente chiamato “non ti scordar di me”, divenuto simbolo della malattia di Alzheimer. Si rinnovano e si moltiplicano quest’anno numerosi segni viola a Trieste, che vanno ad affiancarela Panchina Viola, già posizionata all’inizio del Viale XX settembre,grazie anche al supportoe al sostegno di numerose Istituzioni e associazioni di categoria (il Comune di Trieste, Trieste Trasporti, ASUGI, il Comune di Muggia, la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, il Consiglio Regionale, la FIPE, la Confcommercio di Trieste). Tra i fiori all’occhiello di quest’anno, l’attivazione di un BUS VIOLA, il bus dei ricordi che dall’inizio del mese sta percorrendo le strade cittadine e che mercoledì 21 e mercoledì 28 settembre è protagonista dell’iniziativa “E se perdi il bus dei ricordi?”, realizzata con il contributo del Comune di Trieste, della Regione FVG e di Trieste Trasporti. In programma tre corse speciali: dopo quella organizzata nella mattinata del 21 settembre, due ulteriori due corse sono previste per mercoledì 28 settembre alle 18.00 e alle 19.00, sempre con partenza da Piazza Oberdan. L’itinerario è studiato per passare attraverso luoghi turistici, ma anche luoghi di vita quotidiana, che fanno parte delle normali giornate dei triestini. I passeggeri vengono accompagnati nel tour dalle descrizioni dei luoghi a cura di Francesca Pitacco, Presidente delle guide turistiche del Friuli Venezia Giulia, intervallate dai dialoghi in cuffia di una madre e una figlia, a loro volta passeggere immaginarie di questo bus, interpretate dalle voci delle attrici Ariella Reggio e Marzia Postogna, che è anche autrice dei testi. Il percorso dura circa 40 minuti e per partecipare non è prevista prenotazione.

Sempre in occasione della Giornata Mondiale dell’Alzheimer del 21 settembre, il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia ha deciso di mostrare la propria vicinanza illuminando di viola la facciata del palazzo del Consiglio regionale di piazza Oberdan. La stessa cosa farà il Comune di Muggia con l’illuminazione della Biblioteca Comunale “Edoardo Guglia”. Nella serata odierna, invece, con inizio alle 20:30, il Cinema Ariston, primo Cinema Dementia Friendly d’Italia, ospita la proiezione del film “SANREMO” di Miroslav Mandić, portato a Trieste da Incipit Film e La Cappella Underground. Una storia d’amore un po’ particolare che, sulle note di “Non ho l’età” di Gigliola Cinquetti, evoca dolci ricordi di gioventù dei due protagonisti, Bruno e Duša, entrambi affetti da Alzheimer e ospiti della stessa casa di riposo. Al termine della proiezione gli spettatori potranno partecipare alla tavola rotonda condotta dalla Dott.ssa Antonella Deponte, coordinatrice di CasaViola, che risponderà alle domande del pubblico.

Disponibile, intanto, in oltre una ventina di bar, caffè storici e locali di Trieste, la Spritz Viola. Il tipico aperitivo incontra la solidarietà: grazie al supporto di tutte le realtà aderenti, infatti, l’iniziativa va a sostenere le attività di CasaViola. Ogni esercente che aderisce propone la propria ricetta, in versione alcolica e analcolica, sempre mantenendo il colore finale dell’aperitivo.

A suggello delle numerose attività messe in campo per il Mese Mondiale dell’Alzheimer, l’Associazione De Banfield presenterà il prossimo 30 settembre, nella Sala Costantinides del Museo Sartorio di Largo Papa Giovanni XXII, la “Mappa Viola” di Trieste. Si tratta di una vera e propria mappa della città in cui sono indicati tutti i luoghi “Dementia Friendly” di Trieste, ovvero quelle realtà che hanno affrontato un percorso di formazione per imparare a conoscere la demenza e che hanno avviato, o stanno avviando, dei progetti pensati per supportare le persone con Alzheimer e i loro familiari. Dopo il riconoscimento Dementia Friendly Community di Muggia, il primo luogo dichiarato Dementia Friendly a Trieste è stato il Museo Teatrale Carlo Schmidl nel 2021. Da allora sempre più realtà hanno aderito ai progetti formativi dell’Associazione de Banfield. A marzo 2022 tutti i supermercati Coop Allenza 3.0 di Trieste sono stati riconosciuti “Dementia Friendly”. Quest’estate ha risposto all’appello anche La Cappella Underground. È così che la Mediateca di via Roma ha ottenuto il riconoscimento di Federazione Alzheimer Italia, ma non solo: il Cinema Ariston è diventato il primo cinema Dementia Friendly del paese.

Alla presentazione della “Mappa Viola” parteciperanno non solo tutte le realtà che hanno avuto finora il riconoscimento, ma anche coloro che hanno già un progetto formativo in avvio (come il Centro Commerciale Torri d’Europa).

Ancora aperta nella sede di CasaViola in via Filzi la mostra “Ogni vita è un capolavoro” che raccoglie 33 opere fotografiche che riproducono alcuni dei dipinti più famosi della storia dell’arte dal 1400 ad oggi. Ciò che rende eccezionali queste foto sono i modelli e le modelle: persone con Alzheimer o altra forma di demenza che risiedono all’interno delle case di cura dell’I.S.R.A.A. di Treviso – che ha realizzato il progetto – e che posano davanti alla fotocamera con estrema naturalezza.

Redazione

Direttore : Stefano SERAFINI Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi