• Dom. Gen 29th, 2023

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

TERZA VITTORIA IN TRIBUNALE PER AICCRE FVG

DiRedazione

Ago 23, 2022

IL TRIBUNALE ACCOGLIE IL RICORSO FVG E ANNULLA IL CONGRESSO AICCRE

Il Presidente della Federazione Fvg Brussa. “Una vittoria politica e morale”

Chiesta l’istituzione di un comitato di garanzia dopo un anno e mezzo di stop dei Giudici

Franco Brussa batte per la terza volta consecutiva un big come Stefano Bonaccini: il Tribunale di Roma ha infatti dato nuovamente ragione ad Aicrre Fvg, annullando clamorosamente il congresso nazionale dell’associazione europeista indetto per il prossimo 7 settembre a Bologna. Da un anno e mezzo la federazione regionale guidata da Brussa sta lottando con i vertici centrali coordinati da Bonaccini, presidente nazionale del sodalizio oltre che della Regione Emilia Romagna. In queste ore il terzo stop ordinato dai giudici romani ad altrettante delibere assunte “in spregio dei diritti e della rappresentanza dei singoli soci dell’associazione dei Comuni e delle Regioni d’Europa”. Nel marzo del 2021 era stata infatti convocata l’assemblea senza rispettare le norme dello statuto ed escludendo d’ufficio centinaia di iscritti. Dopo due ordinanze a favore del ricorso proposto dal Friuli Venezia Giulia insieme a Lombardia, Puglia e Sardegna e decine di enti locali, il colpo di scena con la convocazione a sorpresa di un nuovo congresso a Bologna e senza attendere l’esito delle procedure giudiziarie in corso. Il tentativo di riunire i soci il prossimo 7 settembre prima della sentenza di merito è però andato a vuoto e ora Brussa si appella a Bonaccini perché “ripristini finalmente le basilari regole di legalità e rispetto all’interno del sodalizio”, competente in materia di contribuzione comunitaria e formazione europeista. “Si nomini al più presto un comitato di garanzia che ci faccia uscire da questa empasse che toglie risorse e occasioni di sviluppo ad Aiccre, ben sapendo che non potrà più essere un congresso al buio la sede corretta per sanare le irregolarità attestate dalla Magistratura”, ha detto il presidente regionale attaccando il Segretario nazionale e i revisori dei conti dell’associazione che “da tempo non vedono e non segnalano comportamenti così gravi”. Bonaccini è anche a capo del Ccre, l’omologa europea di Aiccre che solo in Italia raggruppa quasi un migliaio di municipalità e governi locali.

In foto di copertina : Bonaccini e Brussa

Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi