• Mer. Mag 22nd, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

MUSIKE’ – Annagaia Marchioro porta in scena “Gina Francon, la portinaia di Palazzo Chigi” – il 19 maggio a Piove di Sacco (PD)

DiRedazione

Mag 16, 2023

La politica vista dalla guardiola più importante d’Italia

MUSIKÈ 2023
Dodicesima edizione

Venerdì 19 maggio, ore 21.00
Piove di Sacco (PD), Teatro Filarmonico

Annagaia Marchioro
Gina Francon, la portinaia di Palazzo Chigi

di Annagaia Marchioro e Gabriele Scotti
Musiche Flavia Ripa
Scenografie Ze Arte
Produzione Fondazione Giangiacomo Feltrinelli,
Associazione Culturale Le Brugole & Co.

Ingresso gratuito con prenotazione
sul sito www.rassegnamusike.it
fino ad esaurimento posti

La politica vista dalla guardiola più importante d’Italia
Annagaia Marchioro porta in scena per Musikè Gina Francon, la portinaia di Palazzo Chigi

Prosegue venerdì 19 maggio al Teatro Filarmonico di Piove di Sacco (PD) l’analisi della contemporaneità che caratterizza la dodicesima edizione di Musikè, la rassegna di musica, teatro, danza promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

In questo quinto appuntamento sarà la politica italiana a finire sotto la lente di ingrandimento, grazie alla maschera teatrale contemporanea nata sui social da un’idea dell’attrice Annagaia Marchioro durante il vuoto della prima quarantena: Gina Francon

Gina è la portinaia di Palazzo Chigi e ha visto gli ultimi 30 anni della storia d’Italia passarle accanto. Nata in Veneto e trasferita a Roma con un concorso truccato, come dichiara apertamente per essere onesta fino in fondo, vive tutte le difficoltà di una immigrata del Nord al Sud. Dal suo angolo di osservazione privilegiato racconta le verità più scomode, i segreti più taciuti della politica italiana. Negli anni del Covid, ha aiutato il Governo nelle decisioni difficili, a volte per sbaglio, solo perché era lì, la prima ad arrivare e l’ultima ad andare via. E ha raccolto dalla pattumiera le pagine che avrebbero spiegato i DPCM all’Italia intera.

Gina è ecologista perché profondamente rurale, femminista in quanto matriarcale, europeista perché tutto il mondo è paese. Queste le solide basi del suo programma politico. Perché sì, Gina Francon ha deciso di scendere in campo, fondando il suo partito: il Partito della Gina. Un partito squisitamente personale, tanto progressista quanto conservatore, post-ideologico, post-moderno e un po’ anche post mortem (degli altri).

In un paio di mesi su Tiktok Gina Francon ha raggiunto i ventimila followers, che a ogni nuovo video aumentano, con preoccupazione della stessa Gina, che pensava di poter smettere una volta finito il lockdown.

Ma la Gina meritava una vita propria. Infatti, adesso la troviamo in scena, in uno spettacolo scritto da Annagaia Marchioro e Gabriele Scotti, fortemente voluto dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli e ripreso dalla Fondazione Cariparo in questa nuova edizione di Musikè: l’ironia come arma a doppio taglio, che riapre le ferite e allo stesso tempo le ricuce, raccontando il nostro Paese. Perché una portinaia, non dimentichiamolo, vale più di un ufficio stampa.

Ingresso gratuito con prenotazione
sul sito www.rassegnamusike.it

fino ad esaurimento posti

Per informazioni

info@rassegnamusike.it
www.rassegnamusike.it

Profili

Annagaia Marchioro

Nata a Padova, si è laureata in Filosofia a Venezia e si è diplomata come attrice alla Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi di Milano. Ha lavorato in teatro con registi come Shammà, Sinigaglia, Torre, Sorrentino, Grazzini, Fornasari. In televisione ha lavorato con Serena Dandini su Rai3 per Gli stati generali e nel 2018 è entrata a far parte del cast fisso del Saturday Night Live accanto a Claudio Bisio. Al cinema ha lavorato con Ivano De Matteo e Olivier Assayas. Ha fondato la compagnia Le Brugole, per cui ha scritto spettacoli brillanti a tematica LGBT, come Diario di una donna diversamente etero e Modern Family. Gli ultimi suoi lavori da attrice-autrice sono il monologo Fame mia (ospitato da Musikè nel 2021), tragicomico racconto di formazione ispirato al libro Biografia della fame di Amélie Nothomb, e la stand-up comedy Pourparler.

Gabriele Scotti

Laureato in Filosofia morale all’Università Statale di Milano, è sceneggiatore, drammaturgo e copywriter. Tra i testi per il teatro, ha scritto per la sua regia gli spettacoli Le poveracce e Palloncini (quest’ultimo diventato un film, con il titolo Genitori quasi perfetti). Ha scritto con Annagaia Marchioro il monologo Fame mia e per Lella Costa lo spettacolo Se non posso ballare. Per il cinema ha scritto i film Tra cinque minuti in scena, Leonardo il genio a Milano, Genitori quasi perfetti, Dolcissime (premio per la miglior sceneggiatura al Magna Grecia Film Festival). Si è avvicinato al mondo dei podcast con l’apprezzato Invictae per ActionAid Italia.

Musikè è una rassegna promossa e organizzata dalla
Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

Programmazione artistica e coordinamento

Alessandro Zattarin

Supporto organizzativo

Claudio Ronda

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE