• Dom. Ott 2nd, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

JESOLO : REDDITO DI CITTADINANZA, IL PUNTO DELL’ASSESSORE RUGOLOTTO

DiRedazione

Mar 12, 2019


A seguito dell’approvazione del nuovo provvedimento sul Reddito di Cittadinanza da parte del Governo e alle informazioni sullo stato di programmazione da parte del Comune richieste dall’associazione politico-culturale “Jesolo in Movimento”, il vicesindaco e assessore alle Politiche Sociali, Roberto Rugolotto, fa il punto della situazione:

Sull’applicazione del Reddito di Cittadinanza il Comune è pronto. Anzi, dirò di più. Potremmo partire anche già in questi giorni, se non fosse che allo stato attuale chi è in ritardo nella fase di attuazione è il Ministero del Lavoro che non ha ancora messo gli enti locali nella condizione di poter attuare quanto previsto dal Decreto legge. Siamo noi quindi, ad invitare il Governo a “darsi una mossa”.

Giusto per essere concreti e fare qualche esempio, ad oggi ancora non sappiamo come dovrebbe funzionare il sistema informatico di gestione delle richieste, lo status delle persone che possono beneficiare della misura, le coperture assicurative, la formazione alla sicurezza e la dotazione degli eventuali dispositivi di protezione e sicurezza nonché, su tutte le altre considerazioni, chi dovrà farsi carico delle spese per questi adempimenti.

Da chiarire restano anche modalità e tempistiche per l’individuazione dei “progetti utili alla collettività” che devono essere svolti da chi percepirà il Reddito di Cittadinanza.

Ulteriore considerazione é che il Governo non ha previsto la possibilità per i Comuni di assumere educatori o assistenti sociali in grado di gestire il processo, limitandosi a parlare delle figure dei “navigator”, sui quali, l’unica certezza è che sono già stati ridotti di numero, dai seimila annunciati all’inizio, agli attuali tremila. E chissà che non siano destinati a ridursi ancora.

Se il Governo vuole affrontare seriamente la questione del lavoro, guardi a quanto fatto dal Comune di Jesolo ed in particolare da questa amministrazione, che dal 2013 con il “Fondo di Sostegno e Azioni di Rilancio” ha destinato più di un milione di euro alle politiche attive per il lavoro, consentendo a più di 300 persone di trovare un impiego, seppur temporaneo e puntato alla riqualificazione professionale.

Queste non sono chiacchiere, sono fatti”.

Redazione

Direttore : Stefano SERAFINI Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi