• Mar. Apr 16th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

A Gemona ultimo mese della mostra PPP100 – Il cinema d Pasolini visto dai manifesti: nuovi orari di apertura e visite di gruppo

DiRedazione

Mar 13, 2023
abcd sdsjdsj

ULTIMO MESE DI APERTURA DELLA MOSTRA

DEDICATA A PIER PAOLO PASOLINI CON I MANIFESTI DI TUTTI I SUOI FILM

Fino al 10 aprile al Castello di Gemona. La mostra apre ora anche il venerdì.

Sono oltre 1100 le persone che hanno già visitato la mostra PPP 100. Il cinema di Pasolini visto dai manifesti a cura di Luciano De Giusti e Piero Colussi con l’allestimento di Nicole Pravisani e Ivan Marin, allestita fino al 10 aprile 2023 al Castello di Gemona.

Nell’ultimo mese di apertura l’esposizione, realizzata dal Comune di Gemona in collaborazione con la Cineteca del Friuli e il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, sarà visitabile il venerdì dalle 14.30 alle 18 e il sabato e la domenica, dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18, anche nel weekend di Pasqua e Lunedì dell’Angelo, ultimo giorno di apertura. L’ingresso è libero. Sono benvenute le richieste, purché pervengano con un anticipo di almeno quattro giorni, per visite anche in altri giorni della settimana da parte di gruppi (min. 10 persone) e di classi scolastiche (scrivere a: info@visitgemona.com).

La mostra rende omaggio a Pier Paolo Pasolini regista attraverso i manifesti e le foto buste (sorta di trailer fotografici che anticipavano alcune scene dei film oggi di grande interesse per i collezionisti)di tutti i film da lui diretti e di quelli a cui partecipò in qualità̀ di sceneggiatore, autore dei dialoghi o interprete, inclusi i corti dei film a episodi, per un totale di quasi cento affissi cartacei distribuiti nei quattro piani dell’edificio delle ex carceri del castello secondo un ordine cronologico che ripercorre la carriera cinematografica di Pasolini. Si va da La donna del fiume di Mario Soldati del 1955, a cui collaborò come co-sceneggiatore, al debutto alla regia nel 1961 con Accattone (di cui è presente, fra gli altri, il bozzetto originale di Alessandro Simeoni proveniente dalla collezione di Alessandro Orsucci di Lucca) fino alla sua ultima opera cinematografica, Salò o le 120 giornate di Sodoma, del 1975. 

L’intento è anche quello di valorizzare gli affissi, all’epoca strumento principale di promozione cinematografica, che vantavano firme di illustratori di primo piano come Carlantonio LongiEnrico De SetaRoberto (Bob) De SetaAngelo Cesselon, di fotografi di scena come Mario Tursi e anche di grandi pittori a cui talvolta veniva chiesto di prestare il proprio talento per illustrare il cinema.

I materiali originali, molti dei quali restaurati per l’occasione dal Centro Studi e Restauro di Gorizia con il contributo della Fondazione Friuli, provengono dagli archivi della Cineteca del Friuli, in gran parte dal Fondo Gianni Da Campo, regista, storico e collezionista veneziano scomparso nel 2014, che ha ceduto la sua vasta collezione alla Cineteca.

A questi si aggiungono alcuni soggetti prestati dall’Archivio Cinemazero Images di Pordenone, rari materiali video del Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa della Delizia e le riproduzioni digitali di manifesti di film di Pasolini conservati al George Eastman Museum di Rochester.

Arricchiscono e completano la mostra, rappresentata da un’immagine-logo creata per l’occasione dall’illustratore pordenonese Emanuele Barison, alcuni cimeli come i gioielli e costumi concessi dalla storica Sartoria Tirelli, fra cui l’abito disegnato dal costumista premio Oscar Piero Tosi e indossato da Maria Callas nel film Medea, girato in gran parte nella laguna di Grado, e quello indossato da Totò in Che cosa sono le nuvole?, episodio pasoliniano di Capriccio all’italiana.

Alla mostra del Castello si accompagnano le proiezioni dei film di Pasolini, più alcuni documentari su di lui, al Cinema Sociale di Gemona. Il mese di marzo è dedicato alla Trilogia della vita: dopo Il Decameron si vedranno I racconti di Canterbury (15 marzo, ore 20.45) e Il fiore delle mille e una notte (29 marzo, ore 20.45).

PPP 100. Il cinema di Pasolini visto dai manifesti si affianca alle iniziative che in Italia hanno celebrato Pasolini nel centenario della nascita ed è parte del più ampio progetto “Pasolini e l’arte del manifesto cinematografico – Dal Friuli alla Cinecittà di Peressutti …e oltre”, con cui il Comune di Gemona intende valorizzare il territorio e le sue peculiarità in chiave culturale e turistica.

Info: visitgemona.com

Per visite di gruppo in giorni diversi dalle normali aperture scrivere a: info@visitgemona.com

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE