• Dom. Lug 14th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

Caneva Ride 2024 : i Vincitori

DiRedazione

Lug 3, 2024

LA VITA È UN FILM?!

L’elemento che è sempre stato la vera chiave del successo del Concorso Caneva Ride Premio Toni Zampol, è la “satira di costume”, che ironizza ogni anno su un tema diverso che risulta però sempre comprensibile ovunque ci troviamo.

È promosso dalla Pro Castello di Caneva (PN), con il contributo di APS Màcheri di Andreis (PN) e Comune di Caneva.

È aperto a tutti i disegnatori a partire dai 16 anni, in breve tempo è divenuto uno degli appuntamenti internazionali più̀ significativi nel mondo della satira disegnata in questo particolare segmento.

La partecipazione di qualità al nostro concorso, è la prova dell’universalità della satira che, filtrata come è ovvio che sia, dalla cultura e dalla società̀ del Paese in cui vive l’artista, riesce a raggiungere tutti e ad essere comprensibile ai più̀.

Il tema dell’edizione 2024 di Caneva Ride è stato: “La vita è un film!?”.

Giudichi la vita dal titolo? Frequenti la vita come fosse una prima visone? Ti piacciono le repliche? Sei il regista o lo spettatore? La vita è una multisala? Quale attore sei?

Il livello dei lavori presentati è stato molto buono, con prevalenza di interpretazioni popolari, semplici e letterali, come sempre ci sono delle eccellenze sia a livello esecutivo che per originalità nella trattazione del tema.

Dal punto di vista dello stile si sono visti molti lavori con esecuzione manuale affiancati a lavori

con tecniche digitali, sia nell’esecuzione che nella colorazione.

L’edizione di quest’anno ha visto la partecipazione di 50 nazioni con 225 artisti e 320 lavori.

Le trattazioni spaziano tra la narrazione formale di una vita immaginata su pellicola, pellicola che volta per volta viene proiettata, diventa contorno di vignette o linea di demarcazione per diversi percorsi. Altre interpretazioni propongono la vita come diversi set cinematografici, passando dalla creazione del mondo alla realtà drammatica della cronaca quotidiana.

Non mancano le citazioni a film o personaggi cinematografici famosi e una attualità della narrazione legata a quel dispositivo che è divenuto un’estensione del vivere quotidiano: il cellulare.

I vincitori

1° Classificata

IZABELA KOWALSKA WIECZOREK (Polonia) (in copertina)

Per aver descritto con elegante sintesi e segno nitido ed essenziale, in questi tempi in cui l’immagine esibita e condivisa conta più dell’evento, il disagio che ci coglie nel vedere la rappresentazione della realtà prendere il sopravvento sulla realtà stessa, fino all’assurdo dell’incapacità di intervenire perché troppo occupati a ritrarre. Immagine attualissima inoltre, oggi che di tanti sfortunati nati nella parte sbagliata del pianeta che rischiano e spesso perdono la vita per un futuro migliore, vediamo soltanto le immagini sui media, filtrate, sterilizzate, cauterizzate, lontane non solo geograficamente ma anche emotivamente.

2° Classificato

TARAVAT NIKI (Iran/Regno Unito)

Per un disegno mirabile e la divertente e sconcertante rivelazione che il film siamo noi. Un film fatto di comportamenti, assurdità e stranezze che a noi sembrano normali, perché ne siamo protagonisti quotidiani, ma a qualcun altro, in questo caso una buffa platea di uccelli che osserva con occhi diversi, verrebbe da dire non contaminati, il grande circo che noi umani pazzi abbiamo messo in piedi, sembra appunto uno spettacolo surreale, comico, di fantascienza, scegliete voi, per il quale vale la pena di mettersi in fila e pagare il biglietto al delizioso botteghino sul ramo di ingresso (a nessun uccellino sembra essere venuto in mente di appollaiarsi direttamente sul posto in sala senza pagare, se gli umani sapessero volare chissà se farebbero altrettanto…)

3° Classificato

KUANG ZUHAI (Cina)

Una volta in metropolitana si leggevano giornali, si parlava col vicino, nascevano innamoramenti, si guardavano le facce della gente, si leggevano addirittura libri. Oggi si sta col naso incollato a un parallelepipedo di plastica, tutti, maschi, femmine, giovani, adulti, anziani, di qualsiasi nazionalità. I rapporti, le chiacchiere, il mondo stesso sembrano tutti contenuti in un cellulare che ha sostituito l’umano nel ruolo di interlocutore. La vignetta, dal segno molto attuale, rende bene l’appiattimento di individui tutti uguali, clonati, potremmo dire. L’urlo, di sconcerto, di denuncia, di paura per ciò che stiamo diventando, per l’abbandono del contatto reale con l’altro a vantaggio della sua rappresentazione, non poteva che essere la citazione di un Urlo molto famoso che qua, emergente dall’ombra della massa, calza a pennello.

Menzione Giancarlo Rupolo

Da quest’ anno ufficialmente si apre la sezione “Menzione Giancarlo Rupolo” che è stato uno dei maggiori fotografi italiani e uno dei fondatori del concorso, questa sezione è specificamente rivolta ad autrici o autori italiani.

Sergio Tessarolo (Italia)

Il cinema è anche trasposizione in un sogno. La bellezza dei divi crea identificazione con il mito, partecipazione in prima persona, per un paio d’ore si dimenticano insoddisfazioni e impegni e ci si tuffa in una storia come da bambini in una favola, vestiti di sola immaginazione. L’illustrazione che qui vogliamo menzionare ha il pregio di sintetizzare molto efficacemente e con stile raffinato questo cambio d’abito dal reale all’immaginifico. Una donna si cinge la vita con una pellicola, trasformandosi simbolicamente nella protagonista stilosa, qui verrebbe da dire, di un film degli anni ’40, quelli coi telefoni bianchi. Potenza dell’evocazione, la figura originale dietro non scompare ma è rimpiazzata dall’incanto cinematografico che ne propone una nuova affascinante edizione.

Segnalati

Folto il gruppo dei segnalati che non hanno diritto a nessun premio e sono presenti nella vetrina dei migliori lavori: Alexander Shmidt Russia, Ali Miraee Iran, Ali Rastroo Iran, Alireza Pakdel Cipro, Boris Erenburg Israele, Doru Axinte Romania, Evžen David Repubblica Ceca, Gabriele Corvi Italia, Gergely Bacsa Ungheria, Giunta Giorgio Italia, Giuseppe Inciardi Italia, Katz Grigori Israele, Hossein Rahimkhani Iran, Jamal Rahmati Iran, Jean-Loïc Bélom Francia, Jhorman Rodríguez Colombia, Kazanevsky Vladimir Ucraina, Keyvan Varesi Iran, Konstantin Kazanchev Ucraina, Marco Fusi Italia, Mehmet Zeber Turchia, Mikhail Zlatkovsky Russia, Oleksiy Kustovsky Ucraina, Olena Tsuranova Ucraina, Petr Vyoral Repubblica Ceca, Raffaello De Pol Italia, Salar Eshratkhah Iran, Sergio Tessarolo Italia, Silvia Dall’Ava Italia, Terbouche Brahim Algeria, Zaza Leonardo Italia, Zhi Peng Cina.


La giuria di questa edizione:
Stefano Disegni Disegnatore satirico e autore televisivo- Presidente della Giuria
Davide Perin Pro Castello di Caneva
Mario Zorzetto Eredi Toni Zampol
Vincenzo Bottecchia Operatore culturale del fumetto
Domenico Florio Fotografo

Il Presidente della giuria: Stefano Disegni, disegnatore satirico, scrittore e autore televisivo romano. Ha scritto e disegnato per le maggiori testate giornalistiche italiane. Attualmente pubblica una tavola domenicale molto seguita su IL FATTO QUOTIDIANO, una strip settimanale sul “7” del CORRIERE DELLA SERA, una recensione cinematografica satirica sul mensile CIAK, principale rivista di cinema italiana, oltre ad altre collaborazioni. E’ stato autore di programmi televisivi di successo quali CAVALLI DI BATTAGLIA (RAI1) con Gigi Proietti, CONVENSCION (RAI2) e molti altri. Oggi partecipa con una sua rubrica al programma O ANCHE NO (RAI3). Vincitore per tre volte del PREMIO SATIRA POLITICA di Forte dei Marmi ha pubblicato numerosi libri disegnati e scritti per le maggiori case editrici italiane. È inoltre musicista (cantante e armonicista) ed ha scritto numerosi brani raccolti in tre album, ascoltabili sulle piattaforme online.

Premiazione e apertura mostra

Sabato 6 luglio ore 18,30 villa Frova Stevenà di Caneva, nomina dei vincitori, premiazione e inaugurazione mostra alla presenza del Presidente di Giuria Stefano Disegni

La mostra rimarrà aperta dal 6 al 26 luglio 2024 negli orari di apertura della biblioteca.

Caneva Ride Official Page Facebook Instagram contestcanevaride http://canevaride.blogspot.com/

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE