• Mer. Apr 17th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

Conclusa la quinta edizione di “Offri un caffè buonissimo” promossa da A.B.C. Associazione per i Bambini Chirurgici

DiRedazione

Mar 20, 2024

CHIUSURA DELLA 5^ EDIZIONE “OFFRI UN CAFFÈ BUONISSIMO” 2023/2024

Con “Offri un Caffè Buonissimo”, la generosità della cittadinanza unita al prezioso coinvolgimento di molti esercenti, ha contribuito a raccogliere 9.500 euro per continuare a dare sostegno ai bambini chirurgici. Il raccolto verrà destinato a supportare l’accoglienza delle famiglie dei piccoli pazienti all’interno della sesta casa A.B.C.

La campagna, lanciata a novembre 2023 da A.B.C. con la collaborazione di  Confcommercio Trieste e Fipe Trieste, ha visto la partecipazione di 133 esercizi pubblici e commerciali.

Si è conclusa nei primi giorni di marzo 2024 la quinta edizione di “Offri un Caffè Buonissimo”, la campagna di solidarietà che A.B.C. Associazione per i Bambini Chirurgici del Burlo promuove in collaborazione con Confcommercio Trieste e Fipe Trieste. Grazie alla generosità dei cittadini sono stati raccolti, da parte dei 133 esercizi pubblici e commerciali aderenti alla campagna, 9.500 euro: il ricavato della quinta edizione verrà devoluto al Progetto Accoglienza e, in particolare, sarà destinato a coprire le spese della sesta Casa A.B.C., inaugurata nel 2023 per far fronte alle richieste sempre crescenti da parte delle famiglie.

Dal 2005 A.B.C. accompagna e supporta i bambini che devono affrontare lunghi e ripetuti interventi chirurgici all’IRCCS Burlo Garofolo di Trieste e le loro famiglie, e si prende cura dei loro bisogni: quelli pratici e, non meno importanti, quelli emotivi.

Con il Progetto Accoglienza, l’Associazione offre ospitalità gratuita alle famiglie dei bambini chirurgici durante il periodo di ricovero dei piccoli pazienti e durante il soggiorno a Trieste per le cure all’IRCCS Burlo Garofolo.

L’Accoglienza nel 2023

Nel corso del 2023 A.B.C. ha potuto contare 191 accoglienze. Grazie all’apertura della sesta Casa, A.B.C. ha così ampliato le possibilità di ospitare le famiglie: pur non riuscendo a coprire ancora la totalità delle domande, l’Associazione è adesso in grado di soddisfare circa 8 richieste su 10.

La presenza di un ulteriore alloggio ha consentito, inoltre, di accogliere alcune famiglie per periodi lunghi, talvolta anche superiori al mese, poiché è diventato più semplice indirizzare le richieste di altre famiglie verso altre case disponibili. 

La versatilità dell’accoglienza e le tante possibili combinazioni di ospitalità messe a disposizione dalle Case di A.B.C. sono un grande valore aggiunto, soprattutto per i genitori che ricevono una diagnosi prenatale di malformazione e devono recarsi in ospedale ad intervalli molto ravvicinati durante la gravidanza. Anche la posizione strategica degli appartamenti – situati nelle immediate vicinanze della struttura sanitaria – rappresenta un aspetto cruciale per le mamme in avvicinamento al parto, in quanto consente loro di raggiungere l’ospedale in maniera più agevole.

I proventi della quinta edizione della campagna “Offri un Caffè Buonissimo” saranno dunque destinati a coprire le spese della sesta casa di A.B.C.: dalle semplici spese correnti per acqua luce e gas, ai canoni di locazione, dalla piccola manutenzione ordinaria alle spese per la pulizia e la cura degli appartamenti. Piccoli e grandi accorgimenti che rendono la permanenza delle famiglie dei bambini chirurgici più funzionale e confortevole e che contribuiscono a dare loro sollievo e conforto in un momento emotivamente difficile.

Una parte del ricavato sarà, inoltre, devoluta alla formazione dei volontari di A.B.C., che con grande dedizione contribuiscono allo svolgimento delle attività dell’Associazione.

Anno dopo anno, il coinvolgimento della comunità, grazie alla preziosa rete di partner che chiama a raccolta le realtà commerciali cittadine, si è reso fondamentale per supportare varie attività di A.B.C. e per garantire risposte concrete e durature ai bisogni delle famiglie dei bambini chirurgici.

Indispensabile, anche quest’anno, è stato il consolidato rapporto di collaborazione con Confcommercio Trieste e Fipe Trieste, che hanno mobilitato i propri aderenti in questa straordinaria campagna di solidarietà. Al fianco dell’iniziativa fin dalla prima edizione, anche la collaborazione di Associazione Caffè Trieste e Solidarietà Trieste e la media partnership di Radio Punto Zero e Radio Attività

Prezioso come sempre è stato anche l’apporto dei volontari di A.B.C. – cuore delle attività dell’Associazione – che con il consueto entusiasmo, hanno raggiunto gli esercenti, raccontato la campagna e accolto le loro istanze e necessità. 

Le opinioni

Così saluta la chiusura della campagna la Direttrice dell’Associazione, Giusy Battain: “Il progetto Accoglienza è uno dei cardini di A.B.C. e siamo molto felici di portarlo avanti anche grazie al grande sostegno dei triestini e alla generosità degli esercizi commerciali. Nel tempo abbiamo visto un costante aumento delle richieste da parte delle famiglie che si rivolgono alla Chirurgia del Burlo, eccellenza sanitaria di richiamo nazionale e internazionale. Per questo, il supporto che si rinnova ogni anno grazie alla campagna di “Offri un caffè buonissimo” è vitale per l’Associazione. Un grazie particolare anche a Confcommercio e Fipe, senza i quali l’iniziativa non potrebbe avere lo stesso impatto; con loro ringraziamo anche Solidarietà Trieste e Associazione Caffè Trieste per rimanere accanto ad A.B.C. e Radio Punto Zero e Radio Attività per supportare la divulgazione della campagna.
Le donazioni verranno impiegate in attività molto concrete: una parte verrà destinata alla copertura dei costi della nostra nuova Casa a Trieste, la sesta; queste strutture ci permettono di dare un rifugio accogliente ai nuclei familiari in cerca di sollievo durante i trattamenti chirurgici dei loro bambini. Parte dei proventi della campagna, infine, contribuirà alla formazione dei nostri volontari, che sono il cuore pulsante delle attività quotidiane, anche quelle di accoglienza”.

“Anche in questa circostanza – ha fatto rilevare il Presidente di Confcommercio Trieste, Antonio Paolettile imprese del terziario hanno saputo rispondere con grande generosità e partecipazione a una proposta di solidarietà, ribadendo il loro capillare legame con il territorio e la loro disponibilità a un impegno diretto per contribuire a una causa di grande importanza.

Il supporto a “Offri un caffè buonissimo” – ha ricordato ancora Paoletti – rientra in quel contesto di fattiva attenzione per il sociale che Confcommercio concretizza nell’arco dell’anno attraverso l’organizzazione e la promozione di diverse iniziative tese a sostenere quanti operano per arginare fragilità, malattia e disagio presenti purtroppo anche nel nostro territorio”.

Così Federica Suban, Presidente Fipe – Trieste: “Siamo orgogliosi di poter offrire il nostro contributo per supportare la preziosa attività di A.B.C. a sostegno dei piccoli pazienti del Burlo Garofolo e delle loro famiglie. Questa iniziativa, nella sua semplicità, consente a tutti di sentirsi partecipi di un grande progetto, che rende Trieste accogliente nei confronti di chi arriva in città per sottoporre il proprio bambino a delle cure, dando così un contributo all’eccellenza dell’unico IRCCS materno-infantile del Triveneto”.

***

Un piccolo grande gesto, del valore equivalente a un caffè, ha confermato anche quest’anno la generosità dei cittadini e ha dimostrato l’importanza dell’unione tra Enti e associazioni del territorio che si muovono insieme per un importante scopo condiviso.

All’incontro sono intervenuti Elena Pellaschiar, Vicepresidente di Confcommercio Trieste; Federica Suban, Presidente di FIPE Trieste; Giusy Battain, Direttrice di A.B.C. Associazione per i Bambini Chirurgici del Burlo; Roberto Gerin, Presidente di Solidarietà Trieste e Franco Zerial; Consigliere dell’Associazione Caffè Trieste. 

In copertina : Pellaschiar, Suban e Battain

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE