• Mar. Mag 28th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

CORDOVADO (PN): Rinvenuto insediamento di epoca romana

DiRedazione

Mar 20, 2023
DCIM102MEDIADJI_0764.JPG

Nel Comune di Cordovado, in località Belvedere, in uno dei sondaggi archeologici eseguiti nell’ambito della procedura di Verifica preventiva di interesse archeologico per la realizzazione del Metanodotto Mestre-Trieste Rifacimento tratto Silea-Gonars DN400 (16”) DP 75 bar ed opere connesse – Lotto 2 di SNAM RETE GAS Spa, sono emerse, a una profondità di 1,70m dall’attuale piano di campagna, le prime evidenze archeologiche di quello che può essere definito un ritrovamento eccezionale nella zona.  

Dal rinvenimento a oggi le indagini archeologiche di approfondimento sono proseguite in alternanza con le esigenze di lavorazioni del cantiere per la posa del metanodotto di SNAM RETE GAS, ad opera della ditta DENYS NV.  

Gli scavi archeologici sotto la direzione scientifica della dott.ssa Serena Di Tonto della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia sono eseguiti dalla società ARCHEO.KUN Srl di Parma con un team di professionisti.  

Il sito è stato delimitato lungo l’asse scavo del metanodotto per una lunghezza totale di 200m, dei quali una porzione di ca. 100m appare interessata dalla presenza di resti strutturali di un insediamento di età romana.  

Per preservare i resti dell’insediamento e permetterne lo scavo in estensione è stata valutata con la Committenza e la Ditta esecutrice una variante al percorso del metanodotto, che è stato interrato ad una quota maggiore di quella prevista da progetto, attraverso la tecnica della trivellazione. Dopo la messa in opera delle tubature si è potuto pertanto procedere allo scavo in estensione dell’insediamento individuato. 

Sono stati evidenziati nell’area i limiti di due strutture e di un tracciato viario presente tra le due. 

Di una delle due strutture, rinvenuta nella porzione occidentale dell’area indagata, è stato individuato un unico ambiente con una pavimentazione in tessere di laterizio e strutture murarie a livello di fondazione.  

La struttura più orientale, invece, risulta più articolata, e sono stati messi in luce tre ambienti e un’area esterna, con piani pavimentali in ghiaia e frammenti laterizi e strutture murarie dall’elevato più considerevole. 

Tra le due strutture è stato identificato un piano lastricato, con orientamento est –ovest, con solcature di carro ben visibili per buona parte del piano.  

La stratigrafia indagata, i materiali raccolti e le tecniche murarie messe in opera per le strutture edilizie permettono di datare il sito tra il I/II sec. d.C. fino al IV secolo d.C.  

Al momento le indagini sono ancora in corso per poter meglio definire le caratteristiche dell’intero complesso e per una miglior lettura delle strutture. 

Il rinvenimento si presenta come una scoperta archeologica eccezionale oltre che per l’assenza di scavi di contesti analoghi nella zona, anche per gli importanti dati che sta fornendo sulle diverse tecniche edilizie utilizzate, per i materiali restituiti e per lo studio della pianificazione territoriale antica nella zona e la definizione dell’antico corso del fiume Tagliamento in epoca romana.  

* * *


COMUN DI CORDOVÂT 

CJATÂT INSEDIAMENT DI ETE ROMANE 


Intal Comun di Cordovât, in localitât Bielvedê, intun dai scandais archeologjics fats intal ambit de procedure di Verifiche preventive di interès archeologjic pe realizazion dal Metanodotto Mestre-Trieste Rifacimento trattoSilea-Gonars DN400 (16”)DP75 bar ed opere connesse – Lotto 2 di SNAMRETE GAS Spa, a son vignudis fûr, a une profonditât di 1,70 m dal plan di campagne corint, lis primis evidencis archeologjichis di chê che si pues definî une scuvierte straordenarie inte zone. 

Fin a vuê, lis ricercjis archeologjichis di aprofondiment a son ladis indenant in alternance cu lis esigjencis dai lavôrs dal cantîr pe instalazion dal metanodot di SNAMRETE GAS, fate de dite DENYSNV. 

I sgjâfs archeologjics, sot de direzion sientifiche de dotoreSerena Di Tonto de Sorintendence Archeologjie, Bielis Arts e Paisaç dal Friûl-Vignesie Julie, a son fats de societâtARCHEO.KUN Srl di Parme cuntun grup di professioniscj. 

Il sît al è stât delimitât dilunc dal as di sgjâf dal metanodot par une lungjece totâl di 200 m e dentri di cheste, intune porzion di cirche 100 m, si è notade la presince di rescj struturâi di un insediament di ete romane

Par preservâ i rescj dal insediament e permeti il sgjâf in estension, si è studiade cu la Comitence e cu la dite che e fâs i lavôrs une variante dal percors dal metanodot, che, midiant de tecniche de trivelazion, al è stât intierât a une cuote plui alte di chê fissade intal progjet. Dopo la metude in vore des tubaduris, si è podût duncje lâ indenant cul sgjâf in estension dal insediament individuât

Inte aree a son stâts identificâts i limits di dôs struturis e di un percors viari tra lis dôs. Di une des dôs struturis, cjatade inte porzion ocidentâl de aree analizade, al è stât individuât un sôl ambient cuntune pavimentazion di tessaris di modon e struturis murariis a nivel de fondazion. 

La struture plui orientâl, invezit, e je plui articolade, e a son stâts metûts in lûs trê ambients e une aree esterne, cun plans dal paviment in glerie e sclesis di modon e struturis murariis plui altis. 

Tra lis dôs struturis al è stât identificât un lastri che al à un orientament di Est a Ovest, cu lis cjaradoriis che si puedin viodi inmò ben par cuasi dut il plan. 

La stratigrafie studiade, i materiâi racuelts e lis tecnichis murariis metudis in vore pes struturis ediliziis a permetin di datâ il sît tra il secul I/II d.d.C. fin al IV d.d.C. 

Al moment, si è ancjemò daûr a fâ ricercjis par podê definî miôr lis carateristichis di dut il complès e rivâ a vê une comprension plui clare des struturis. 

Ce che al è stât cjatât al rapresente une scuvierte archeologjiche straordenarie no dome parcè che no son sgjâfs compagns inte zone, ma ancje pai dâts impuartants che al è daûr a furnî su lis diviersis tecnichis ediliziis dopradis, pai materiâi cjatâts, pal studi de planificazion teritoriâl antighe inte zone e pe definizion dal cors antîc dal Tiliment in ete romane. 

Revision e traduzion dai tescj par cure dal Sportel regjonâl pe lenghe furlane de ARLeF / Revisione e traduzione dei testi eseguite dallo Sportello regionale per la lingua friulana dell’ARLeF  

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE