• Mer. Ago 17th, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

Coronavirus: Roberti, 12mila mascherine da Fogolar Shangai gran gesto

DiRedazione

Mar 27, 2020

Trieste, 27 mar – “L’arrivo ieri a Udine di 12mila mascherine che il Fogolar Furlan di Shanghai ha donato all’Opi – Ordine delle professioni infermieristiche – è un gran gesto, che dimostra come il legame delle comunità di corregionali, anche dalla Cina, con il Friuli Venezia Giulia, sia radicato e solido”.

Lo ha affermato l’assessore con delega ai Corregionali all’estero Pierpaolo Roberti, che ha espresso un sentito ringraziamento ai donatori. “Vi sentiamo profondamente vicini alla nostra comunità e vi abbracciamo virtualmente”, ha detto l’assessore.

All’aggravarsi della situazione Covid 19 in Italia, la comunità di giovani friulani in Cina si è immediatamente attivata per far arrivare il materiale all’ospedale di Udine e aiutare così medici ed infermieri a fronteggiare l’emergenza in sicurezza.
L’operazione, supportata dall’Ente Friuli nel Mondo, si è resa possibile con la collaborazione del dott. Stefano Giglio, presidente dell’Opi di Udine, impegnato quotidianamente nell’equipe in prima linea con i pazienti affetti da Covid-19.

“Siamo felici – ha commentato Jacopo Luci, presidente del Fogolar asiatico, promotore dell’iniziativa – che la nostra donazione sia giunta a destinazione. Anche se lontani, con un piccolo gesto siamo vicini al nostro Paese e a tutti voi. Avendo già vissuto questa emergenza, consiglio di seguire scrupolosamente le precauzioni suggerite: rimanere in casa ed uscire indossando possibilmente una mascherina”.

“Stiamo vivendo un’emergenza completamente diversa da quella del
terremoto del ’76 – ha osservato Loris Basso, presidente dell’Ente Friuli nel Mondo -; allora i friulani si strinsero a noi in uno slancio di solidarietà umana unico. Ora il problema investe il mondo intero, abbiamo tutti le stesse esigenze ma, come nelle precedenti occasioni, i nostri corregionali all’estero si sono messi attivamente a disposizione per portare aiuti rapidi
e concreti e ne sono orgoglioso”.

“L’Opi di Udine si è reso subito disponibile come punto di riferimento per l’arrivo dei materiali – così il dott. Giglio – e la solidarietà espressa dalla comunità friulana in Cina è un esempio di vicinanza e di sensibilità che rappresenta l’amore per la propria terra e per tutti gli abitanti del Friuli.
ARC/COM/pph/al

Redazione

Direttore : Stefano SERAFINI Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi