• Mar. Lug 16th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

Erickson: Stefania Andreoli e un gioco di educazione affettiva

DiRedazione

Ott 18, 2022

Stefania Andreoli

SEI D’ACCORDO?

Un gioco di educazione affettiva e di empatia per affrontare

le situazioni quotidiane

Il percorso di crescita dei nostri ragazzi e dei nostri studenti va sostenuto da adulti (genitori, insegnanti, educatori) che stiano al loro fianco in famiglia, a scuola e nel corso delle loro attività formative. Che li accompagnino lungo il tragitto, alcune volte guardandoli da lontano e altre ancora facendosi più prossimi – ché il terreno è accidentato: attraversare la preadolescenza e l’adolescenza è complesso per natura” – racconta Stefania Andreoli “Non mi riferisco solo alle insidie dell’età. I nostri ragazzi camminano poggiando i piedi su una strada che per lunghi tratti non è asfaltata, che non sempre favorisce il passo, dove a volte si rischia di porre il piede in fallo: tra le buche più rovinose, per la mia esperienza va considerata la carenza di una adeguata educazione affettiva”.

Per questo, l’obiettivo educativo di Sei d’accordo?, il nuovo gioco a tabellone Erickson ideato e scritto da Stefania Andreoli, è di favorire la riflessione sulle più comuni situazioni di vita quotidiana che coinvolgono gli adolescenti facendo sì che i ragazzi si “pongano nei panni” di altri diversi da sé, cercando di interpretarne il punto di vista e coglierne i bisogni attorno a temi come l’amore, l’amicizia, l’inclusione, il contrasto delle stereotipie, l’incontro con l’Altro, il problem solving, lo scontro generazionale.

Il giocatore di turno (narratore) prepara «il caso», pescando una carta situazione e una carta personaggio. Legge ad alta voce agli altri giocatori la carta situazione e le caratteristiche del proprio personaggio. Il narratore deve quindi interpretare la situazione ponendosi dal punto di vista del personaggio che ha pescato, decidendo su una scala da 1 a 5 la sua posizione di maggiore o minore accordo rispetto a quella. Compito degli altri giocatori è indovinare questa opinione: una volta che il narratore ha posto nell’apposito spazio sul tabellone, a faccia in giù, il suo gettone di voto, ognuno può fare una domanda, per poi votare a sua volta con il proprio gettone. Vincerà chi, indovinando e guadagnando punti, giungerà per primo al termine delle caselle.

In questo gioco ho messo vent’anni di esperienza professionale con i gruppi di adolescenti, con l’obiettivo di dare vita a uno strumento di cui mi pare si sentisse la mancanza. Ho voluto renderlo il più possibile contemporaneo e intrigante, ma in fondo anche affrontabile. Come l’amore, l’amicizia, la scoperta, l’inclusione, il contrasto delle stereotipie, l’incontro con l’Altro, il dubbio, l’inciampo, il problem solving, lo scontro generazionale. Come la vita”. Conclude così la Andreoli.

Stefania Andreoli, psicologa, psicoterapeuta e analista, considerata «tra le più importanti psicoterapeute dell’adolescenza italiane», lavora da sempre con gli adolescenti, le famiglie e la scuola occupandosi di prevenzione, formazione, orientamento e clinica. Consulente tra gli altri per Walt Disney, Mondadori, Fabbri e De Agostini, è presidente di Associazione Alice Onlus di Milano. Scrive per il Corriere della Sera ed è ospite in diversi programmi radio e tv, tra cui, dal 2019 Catteland su Radio Deejay. Già collaboratrice del Ministero dell’Interno per le politiche di contrasto alla violenza di genere, da gennaio 2020 è Giudice Onorario del Tribunale per i minorenni di Milano. L’ultimo libro di Andreoli Lo faccio per me (Bur Rizzoli) è uscito a marzo del 2022, ed è diventato subito best seller.

Anni: 11+

Prezzo: 18,50€

Libreria: 27ottobre 2022

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE