• Sab. Mar 2nd, 2024

Voce del NordEst

Il web magazine online 24/7

Per ora niente devoluzione dei “documenti Rubinacci” all’Archivio di Stato veneto

DiRedazione

Nov 25, 2023

GLI ATTI DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE SUL VAJONT RESTANO A ROMA

“Appartengono per regolamento al Senato”, scrive il Presidente di Palazzo Madama, Ignazio La Russa

La Lega al lavoro con Marco Dreosto per trasferire a Belluno i dossier desecretati 

ROMA, 25 NOVEMBRE 2023 – L’archivio di Stato di Belluno non potrà arricchirsi dei dossier della Commissione parlamentare di inchiesta del Vajont, destinati a restare a Roma. Lo ha reso noto il Presidente del Senato della Repubblica, Ignazio La Russa, rispondendo all’appello dell’onorevole della Lega, Marco Dreosto, che proponeva invece la trasmissione dei faldoni nel capoluogo veneto. “Si tratta di materiale affidato all’archivio storico del Senato e come tale, per regolamento interno, può essere ceduto”, ha scritto La Russa che però ne mette a disposizione i file ormai pubblici, desecretati e scannerizzati qualche anno fa. “L’obiettivo di realizzare un centro studi internazionale sul Vajont è encomiabile e potrà giovarsi della documentazione digitalizzata”, conclude la nota della seconda carica dello Stato. L’idea di Dreosto, nata da un lungo confronto con amministratori, superstiti e portatori di interesse, è di concentrare su Belluno tutti i faldoni storici sparsi nel mondo e relativi in qualche modo al disastro del 9 ottobre 1963. Un mese e mezzo fa il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è salito a Erto e Casso e Longarone e da qui ha dichiarato l’opportunità che i cartolari del processo penale contro i responsabili della tragedia restino al locale archivio. Si è così scongiurata l’ipotesi di una loro devoluzione a L’Aquila, dove si celebrarono materialmente le udienze del procedimento. “A questo punto diventa naturale affiancarvi anche i dossier raccolti negli anni 60 dalla Commissione di indagine nominata dal Parlamento e coordinata dall’onorevole Leopoldo Rubinacci”, ha spiegato il senatore e coordinatore del Carroccio del Friuli Venezia Giulia. Il quale non demorde e promette di ricercare una via di uscita istituzionale all’empasse rilevato a Palazzo Madama. Allo studio vi è una deroga di legge al regolamento citato da Ignazio La Russa: vista la partecipazione emotiva suscitata dal commosso monito di Mattarella tra i sassi del monte Toc, è quanto mai probabile che un’eccezione di questo genere raccolga piene adesioni bipartisan. Una volta completata la raccolta di fonti e materiali, Belluno ospiterebbe un autentico polo di informazione sulla sciagura di 60 anni fa aperto agli studiosi e alle scolaresche ma anche ai cittadini desiderosi di conoscere più da vicino cause e conseguenze di questa tragica pagina della storia nazionale.

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE