• Mar. Gen 31st, 2023

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

PROTOCOLLO 16 DEI DIRITTI DELL’UOMO, UNA LEGGE PER RATIFICARLO DOPO 10 ANNI

DiRedazione

Gen 23, 2023

In ballo la possibilità per i Giudici nazionali di interpellare direttamente la Corte di Strasburgo

Il Senatore Dreosto deposita un ddl sull’addenda mancante dal 2013

ROMA, 23 GENNAIO 2023 – Ratificare il Protocollo 16 della Convenzione dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà Fondamentali per permettere alle più Alte Giurisdizioni nazionali di adire direttamente la Corte di Strasburgo in caso di dubbi sulla corretta applicabilità del diritto comune: vuole rimuovere un gap che perdura ormai da un decennio e allineare l’Italia agli altri partner europei il disegno di legge depositato in queste ore dal Senatore della Lega – Salvini Premier, Marco Dreosto. Eurodeputato fino allo scorso ottobre, Dreosto è stato appena eletto all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa di Strasburgo, a cui fa riferimento proprio la Dichiarazione Universale del 1950.

Di fatto, oggi come oggi, un Giudice italiano che nutrisse delle perplessità su come interpretare norme e giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo non potrebbe chiedere un parere ai colleghi di Strasburgo, nemmeno in via meramente consultiva. Il che comporta il rischio di nuovi contenziosi internazionali a carico del Paese, con esposizioni pecuniarie in caso di condanna.

Nonostante siano trascorsi quasi dieci anni dalla firma dell’addenda, il Protocollo 16 non è stato infatti ancora ratificato dall’Italia. “Il nostro è uno degli ultimissimi partner a non aver ancora dato il via libera alla disposizione pattizia sottoscritta il 2 ottobre del 2013 – ha spiegato Dreosto -. Nel 2020 il dibattito parlamentare sul tema si è arenato. Diventa ora necessario riprendere con estrema urgenza le fila di quel discorso troncato nel cuore del contraddittorio e allineare l’Italia a tutti gli altri Paesi d’Europa che aderiscono alla Convenzione. La questione dell’armonizzazione del diritto interno, sempre più interconnesso con quello internazionale promosso dalla Corte del Lussemburgo e dalla stessa Corte Edu di Strasburgo, appare, infatti, di estrema attualità e rilevanza. Un rinvio pregiudiziale, fatta salva la libera determinazione del Giudice nazionale di decidere diversamente rispetto al parere ricevuto, può evitare successivi ricorsi da parte di cittadini lesi nelle prerogative fondamentali e cospicue uscite finanziarie per lo Stato a titolo di risarcimento dei danni e rimborso delle spese legali”.

Nella proposta depositata a Palazzo Madama sono state indicate le sole massime Autorità Giudiziarie alle quali è riconosciuta la prerogativa di interpello. Nell’ordine la Corte Costituzionale, quella Suprema di Cassazione e il Consiglio di Stato.

Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi