• Mer. Lug 6th, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

VICINO/LONTANO: APRE DOMANI LA 18° EDIZIONE CON L’ANALISI DI LUCIO CARACCIOLO SUL “CASO PUTIN”

DiRedazione

Mag 10, 2022

UDINE – Nel segno delle “sfide” torna il festival vicino/lontano, in programma a Udine da mercoledì 11 a domenica 15 maggio. Oltre 80 gli appuntamenti in programma – tra confronti, incontri, concerti, mostre, spettacoli e proiezioni – che coinvolgeranno 200 voci dal mondo delle scienze, della letteratura, dell’arte, dello spettacolo e dell’informazione. Fra i protagonisti: David Tremlett, Lucio Caracciolo, Gianluca Costantini, Ivan Dimitrijević, Stefania Maurizi, Edoardo Zanchini, Giacomo Marramao, Chicco Testa, Slavenka Drakulić, Fabio Deotto, Franco Farinelli, Sergej Bondarenko, Giulia Morello, Stefano Zamagni, Andrea Graziosi, Giada Messetti, Hafez Haidar, Tatiana Biagioni, Massimiliano Panarari, Tamás Gyurkovics, Marianna Filandri, Yvan Sagnet, Carlo Ratti, Andrea Staid, Tonia Mastrobuoni, Guido Crainz, Wlodek Goldkorn, Jacques Rupnik, Domenico Quirico, Valerio Pellizzari. Marcella Bonchio, Riccardo Noury, Helena Janeczek, Fabio Chiusi, Paola Caridi, Valerio Pellizzari, Pier Aldo Rovatti, Hazal Koyunucu, Jonathan Bazzi, Andrea Pennacchi. Sarà come sempre il Premio Terzani il momento centrale del festival. La serata-evento per la consegna, in programma sabato 14 maggio, torna quest’anno al Teatro Nuovo Giovanni da Udine alle 21. Ci sarà lo scrittore Colum McCann, vincitore 2022 per Apeirogon (Feltrinelli), National Book Award 2009, uno dei massimi romanzieri di lingua inglese degli ultimi decenni. A vicino/lontano Colum McCann sarà premiato dalla presidente di Giuria Angela Terzani Staude e dialogherà con la giornalista, scrittrice e regista Francesca Mannocchi, in queste settimane inviata in Ucraina per La7. La colonna sonora della serata, grazie alla collaborazione con Euritmica, è affidata ai Radiodervish. E a chiudere il festival, domenica 15 maggio, sarà Andrea Pennacchi. Accompagnato dalla lap steel guitar di Gianluca Segato, porterà in scena per vicino/lontano un reading libero, ispirato a La guerra dei Bepi, il suo secondo libro. Il programma del festival, per la supervisione scientifica dell’antropologo Nicola Gasbarro, è curato da Paola Colombo e Franca Rigoni con Àlen Loreti, biografo ufficiale di Tiziano Terzani. È “sfide” la parola-chiave che attraverserà gli eventi di vicino/lontano 2022.

MERCOLEDI’ 11 MAGGIO A VICINO/LONTANO FESTIVAL

L’edizione 2022 di vicino/lontano prenderà il via domani, mercoledì 11 maggio, alle 18.30 a Udine nella Chiesa di San Francesco, con l’inaugurazione ufficiale. Porteranno il loro saluto l’Assessore alla Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia Tiziana Gibelli, l’assessore alla Cultura del Comune di Udine Fabrizio Cigolot e il Magnifico rettore dell’Università di Udine Roberto Pinton.

Domani una duplice analisi sarà portata al festival da uno dei maggiori esperti di geopolitica, il direttore di Limes Lucio Caracciolo: mercoledì 11 maggio alle 16.30 nel Salone del Popolo di Udine affronterà “Il caso Putin”, presentando il numero 4/22 di LiMes. Lucio Caracciolo, in un dialogo con il presidente della Società Italiana di Storia Militare Virgilio Ilari e Guglielmo Cevolin presidente di Historia, introdotti dal sociologo Nicola Strizzolo, analizzerà la figura del personaggio che ha scatenato la “sfida” della Federazione Russa all’Ucraina, e al mondo. Il Presidente Putin è diventato infatti un caso dopo l’attacco sconsiderato del 24 febbraio scorso all’Ucraina. Il mondo si indigna, i leader politici occidentali, ai massimi livelli di responsabilità, lo definiscono apertamente “un macellaio”, “un criminale”, “uno psicopatico”. Ma è sostituibile? Qualcuno in Russia ha la possibilità di farlo cadere? Sarà incriminato e processato davanti a un tribunale internazionale per violazione dei diritti umani e crimini di guerra? Alle 19, subito dopo l’evento inaugurale del festival 2022, nella Chiesa di San Francesco a Udine Lucio Caracciolo dialogherà invece con Omar Monestier, direttore del Messaggero Veneto e de Il Piccolo, allargando lo sguardo sulla “Guerra in Europa. Cosa cambia nel mondo?”. La guerra in Ucraina ridisegna infatti le relazioni geopolitiche: ci attendono tregue armate e un futuro pieno di incognite. L’Unione Europea, teatro del conflitto e testimone di un lungo periodo di pace che ora sembra sfumato, cerca di ricomporsi nel Patto Atlantico. E mentre una Russia in difficoltà nel pantano ucraino guarda verso Oriente per sopravvivere, la Cina cerca di dimostrare prima di tutto a se stessa che la geopolitica è più importante dell’economia e sceglie di non tradire l’alleanza “senza limiti” con la Federazione Russa, osservando a distanza il lento declino di quella che è ancora – fino a quando? –  l’unica vera superpotenza economica e militare: gli USA.

Sempre domani: alle 21 nella Chiesa di San Francesco il concerto “Annelies”, in prima nazionale. Un progetto di Fondazione Luigi Bon, vicino/lontano festival e Mittelfest2022 per Mittelyoung, che ripercorre la “sfida” commovente di Anna Frank e del suo diario: giorno dopo giorno le paure, le speranze, il coraggio e la resistenza di lei bambina ebrea costretta alla clandestinità e alla deportazione. Allestito su libretto di Melanie Challenger e musiche di James Whitbourn, il concerto vedrà in scena l’Accademia del Coro del Friuli Venezia Giulia diretta da Anna Molaro, con Delia Stabile soprano e i solisti Chiara Bagolin clarinetto, Cecilia Barucca Sebastiani violoncello, Yuxuan Jin violino, Alessandro Del Gobbo pianoforte. L’opera, nella sua versione cameristica, viene proposta per la prima volta in Italia, e da giovani artisti under 35.

Sempre domani alle 21 nell’Auditorium Sgorlon il dibattito “Le nuove generazioni ci insegnano il futuro”, con Cinzia Conti, Raffaela Milano e Pier Cesare Rivoltella. Modera Davide Zoletto. Un evento importante per gli operatori della scuola, della formazione e per tutte le famiglie di oggi, per chiederci quale idea di futuro ci insegnano le ragazze e i ragazzi. Le storie, i percorsi, le identità delle generazioni più giovani si intrecciano a nuovi linguaggi sempre più spesso digitalmente mediati. Un panorama di voci e sguardi complesso e plurale, quello delle giovani e dei giovani di oggi, che per noi adulti è tanto difficile, quanto importante imparare ad ascoltare.

Infine domani alle 21 al Teatro San Giorgio va in scena la conferenza spettacolo L’altro Pasolini. Guido, Pier Paolo, Porzûs e i turchi, di Andrea Zannini e Massimo Somaglino, in collaborazione con la Setemane de culture furlane della Società Filologica Friulana e con il Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa.  Nel 1944, mentre Pier Paolo faceva la sua Resistenza “con le armi della poesia”, Guido, di tre anni più giovane, si unì ai partigiani della Brigata Osoppo sulle montagne del Friuli, dove venne ucciso dai Gap comunisti nell’eccidio di Porzûs. La tragedia segnò profondamente e per sempre Pier Paolo: sul piano degli affetti e sul piano politico. Iniziò infatti per lui quel sofferto processo di maturazione politica che lo portò a militare nel Pci. Tra questi due momenti, la scrittura di un dramma che Pasolini non volle mai pubblicare, I Turcs tal Friùl, che contiene la più bella pagina da lui dedicata a Guido. Se non fosse che l’atto unico sarebbe stato scritto nel 1944, un anno prima della morte del fratello…   

Redazione

Direttore : Stefano SERAFINI Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi