• Mer. Giu 7th, 2023

Voce del NordEst

Il web magazine online 24/7

Quartetto di Venezia per Asolo Musica all’Auditorium Lo Squero – Sabato 13 maggio 2023

DiRedazione

Mag 11, 2023

ASOLO MUSICA VENETO MUSICA
Auditorium Lo Squero
La stagione dei concerti 2023

Nuovo appuntamento con il Quartetto di Venezia per Asolo Musica all’Auditorium Lo Squero.  

Sabato 13 maggio la formazione torna sul palcoscenico della sala a filo d’acqua con

una nuova tappa nel progetto di esecuzione integrale dei quartetti di Ludwig van Beethoven.

Terzo appuntamento della stagione 2023 di Asolo Musica all’Auditorium Lo Squero nell’isola di San Giorgio a Venezia, rassegna concertistica con la direzione artistica di Federico Pupo realizzata in collaborazione con la Fondazione Giorgio Cini. Per il concerto di sabato 13 maggio torna in scena una formazione ben nota al pubblico de Lo Squero: il Quartetto di Venezia, “Quartetto in Residenza” alla Fondazione Giorgio Cini dal 2017, formato da Andrea Vio e Alberto Battiston, violino, Mario Paladin alla viola e Angelo Zanin al violoncello. Con il concerto in agenda, il Quartetto di Venezia porta avanti di un ulteriore capitolo il progetto di esecuzione integrale dei quartetti di Ludwig van Beethoven, un percorso di grande fascino costellato da momenti cameristici di intensa maestria esecutiva.

In apertura di scaletta è il Quartetto in mi minore op. 59 n. 2 “Rasumovsky”. La composizione appartiene al gruppo dei tre Quartetti dell’op.59, lavori di profonda complessità formale dedicati al conte Andreas Rasumovskij, ambasciatore russo alla corte di Vienna. Dallo sviluppo drammatico del Quartetto op. 59 n. 2, composto a Vienna nel 1806, in quattro movimenti, con il secondo brano in scaletta si passa al Quartetto in la maggiore op.18 n. 5, pubblicato nel 1801.

Il concerto si conclude con il capolavoro della Grande Fuga in si bemolle maggiore op. 133; scritta originariamente come finale del Quartetto d’archi n. 13 op. 130 che Beethoven compose a Vienna nel 1825, fu pubblicata in seguito come composizione indipendente. Celebre per la somma perizia tecnica richiesta per eseguirla, la partitura riflette anche l’ultimo stile compositivo beethoveniano.

L’appuntamento aggiunge un prezioso tassello nell’esplorazione del mondo e dell’opera del genio di Bonn, un viaggio illuminato dal talento esecutivo del Quartetto di Venezia per un percorso di ascolto che rivela la persistente capacità delle pagine eseguite di aprire spazi emotivi di unicità e ricchezza.

Con biglietto integrato il pubblico avrà la possibilità di visitare la Fondazione Cini, il Labirinto Borges,  il Bosco con le Vatican Chapels  e il  Teatro Verde.

La stagione dei concerti 2023 è sostenuta dal Ministero della Cultura, dalla Regione Veneto e da Bellussi Spumanti, Centro Marca Banca, Massignani & C., Pro-Gest Group, Zanta pianoforti, Zoogami.

.

Profili

QUARTETTO DI VENEZIA

Della loro vocazione ai vertici più ardui del camerismo è testimone Bruno Giuranna:

“E’ un complesso che spicca con risalto nel pur vario e vasto panorama musicale europeo. La perfetta padronanza tecnica e la forza delle interpretazioni, caratterizzate dalla spinta verso un valore assoluto propria dei veri interpreti, pongono il “Quartetto di Venezia” ai vertici della categoria e fra i pochissimi degni di coprire il ruolo dei grandi Quartetti del passato”.

Sfogliando il volume delle testimonianze critiche, l’elogio più bello sembra quello formulato sul “Los Angeles Times” da Daniel Cariaga: “questo quartetto è più che affascinante, è sincero e concreto”.

Rigore analitico e passione sono i caratteri distintivi dell’ensemble veneziano, qualità ereditate da due scuole fondamentali dell’interpretazione quartettistica: quella del “Quartetto Italiano” sotto la guida del M° Piero Farulli e la scuola mitteleuropea del “Quartetto Vegh”, tramite i numerosi incontri avuti con Sandor Vegh e Paul Szabo.

Il “Quartetto di Venezia” ha suonato in alcuni tra i maggiori Festivals Internazionali in Italia e nel mondo tra cui la National Gallery a Washington, Palazzo delle Nazioni Unite a New York, Sala Unesco a Parigi, IUC e Accademia Filarmonica Romana  a Roma, Serate Musicali – Società del Quartetto – Società dei Concerti di Milano, Kissinger Sommer, Ossiach/Villach, Klangbogen Vienna, Palau de la Musica Barcellona, Tivoli Copenhagen, Societè Philarmonique a Bruxelles, Konzerthaus Berlin, Gasteig Monaco, Beethovenfest Bonn, Laeiszhalle Hamburg, Mosca – Sala Filarmonica, Buenos Aires – Teatro Colon e Teatro Coliseum, San Paolo, Montevideo.

Di particolare rilievo la collaborazione con Giorgio Strehler al Piccolo Teatro di Milano.

Ha avuto l’onore di suonare per Sua Santità Papa Giovanni Paolo II e per il Presidente della Repubblica Italiana. È stato “Quartetto in residenza” alla Scuola Normale Superiore di Pisa.

Il repertorio del “Quartetto di Venezia” è estremamente ricco ed include, oltre al repertorio più noto, opere raramente eseguite come i quartetti di G.F.Malipiero (“Premio della Critica Italiana” quale migliore incisione cameristica). La vasta produzione discografica include registrazioni per la Decca, Naxos, Dynamic, Fonit Cetra, Unicef, Navona, Koch. Ultime produzioni sono l’uscita dell’integrale dei sei quartetti di Luigi Cherubini, registrati per la DECCA in tre cd e per la NAXOS con musiche di Casella e Turchi.

Il Quartetto di Venezia ha ottenuto la nomination ai Grammy Award per il CD Navona “Ritornello” con musiche di Curt Cacioppo.

Numerose sono anche le registrazioni radiofoniche e televisive per la RAI & RAI International, Bayerischer Rundfunk, New York Times (WQXR), ORF1, Schweizer DRS2, Suisse Romande, Radio Clasica Espanola, MBC Sudcoreana.

Spinto dal piacere del suonare assieme, l’ensemble ha collaborato con artisti di fama mondiale, tra i quali Bruno Giuranna,” Quartetto Borodin”, Piero Farulli, Paul Szabo, Oscar Ghiglia, Danilo Rossi, Pietro De Maria, Alessandro Carbonare, Andrea Lucchesini, Mario Brunello, Ottavia Piccolo, Sandro Cappelletto, Sara Mingardo, Maurizio Baglini.

Dal 2017 il Quartetto di Venezia è “Quartetto in Residenza” alla Fondazione Giorgio Cini di Venezia.

INFORMAZIONI

Sabato 13 maggio ore 16.30

Ludwig van Beethoven Quartetto in mi minore op. 59 n. 2 “Rasumovsky”

Ludwig van Beethoven Quartetto in la maggiore op.18 n. 5

Ludwig van Beethoven Grande Fuga in sib maggiore op. 133
Quartetto di Venezia

Andrea Vio violino Alberto Battiston violino Mario Paladin viola Angelo Zanin violoncello

AUDITORIUM LO SQUERO
Fondazione Giorgio Cini – Isola di San Giorgio Maggiore – Venezia
Stagione concertistica 2023
Tutti i concerti hanno inizio alle 16.30
Per i biglietti: www.boxol.it/auditoriumlosquero
Info Asolo Musica 0423 950150 – 392 4519244
info@asolomusica.com 
www.asolomusica.com 

Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.