• Dom. Gen 29th, 2023

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

“Il Decameron” di Pier Paolo Pasolini a Cinemazero il 10 e al Visionario l’11 gennaio

DiRedazione

Gen 6, 2023

PASOLINI 100
LA GRANDE RETROSPETTIVA

 “Il Decameron” di Pier Paolo Pasolini
a Cinemazero il 10 e al Visionario l’11 gennaio

Introduce Marco Antonio Bazzocchi, autore di “Alfabeto Pasolini”

Pordenone / Udine, 6 gennaio 2023. Ricominciano gli appuntamenti con la retrospettiva dei film di Pier Paolo Pasolini a Cinemazero e al Visionario: martedì 10 a Pordenone e mercoledì 11 di Udine, alle 20:45, ci sarà “Il Decameron” (1971). Il primo film della Trilogia della vita è ispirato a nove racconti di Boccaccio, che l’autore ambienta a Napoli. A introdurre la proiezione sarà Marco Antonio Bazzocchi, critico letterario, saggista e docente di Letteratura italiana contemporanea all’Università di Bologna. Nell’occasione, Bazzocchi presenta il suovolume“Alfabeto Pasolini”, Carocci 2022, un libro che vuol essere mappa e bussola per muoversi all’interno dell’arcipelago di poesie, racconti, romanzi, saggi e film del grande intellettuale.

Contro un presente di conformismo e massificazione che gli ispira disgusto, Pasolini reagisce rievocando il mito di un passato popolare, dominato dalla carnalità e da un eros incorrotto. Ne “Il Decameron”privilegia i temi dell’erotismo, della morte e dell’inganno. L’umorismo beffardo e verace che percorre l’opera come un esorcismo non cancella una tinta ferale che si insinua nel tessuto delle storie, sempre dominate dalla densità materica di ambienti, oggetti e corpi. Lo stesso Pasolini interpreta il proprio autoritratto nel ruolo del “miglior discepolo di Giotto”.

«Non ho scelto i personaggi de “Il Decameron” per caso ma per offrire esempi di realtà, – affermava Pasolini. – Un personaggio de “Il Decameron” è esattamente il contrario di un personaggio che si vede nei programmi televisivi o nei cosiddetti film consolatori. Questo per restare solo sul piano dell’idea figurativa. Da “Il Decameron” in poi è questo che conta maggiormente, questa fisicità del personaggio, che s’impone».

La retrospettiva, pensata per il centenario della nascita di Pasolini, prevede poi ancora tre proiezioni: “I racconti di Canterbury” (1972), martedì 17 gennaio a Pordenone e mercoledì 18 a Udine, “Il fiore delle mille e una notte” (1974) a Cinemazero martedì 24 gennaio e al Visionario mercoledì 25 gennaio e infine “Salò o le 120 giornate di Sodoma” (1975), martedì 31 a Pordenone e mercoledì 1° febbraio a Udine.

Per maggiori informazioni sulla programmazione e per l’acquisto dei biglietti consultare i siti www.visionario.movie e www.cinemazero.it

Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi