• Dom. Gen 29th, 2023

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

JUVENTUS vs UDINESE : 1-0 – Le pagelle di STERA

DiStera

Gen 7, 2023

LE PAGELLE DI STERA

JUVENTUS vs UDINESE : 1 – 0

07/01/2023

SILVESTRI: 6,5
Almeno tre interventi decisivi a difesa della sua porta. Nulla può sulla rete avversaria, poco aiutato dai compagni.
R A D I C A T O

BECAO: 5,5
In difficoltà sulle folate avversarie si aiuta con mestiere, meglio a destra che come centrale.
S T R E S S A T O

BIJOL: 6,5
Giganteggia sugli avversari anticipandoli a dovere e salvando più volte situazioni create da distrazioni altrui.
P R E G E V O L E

PEREZ: 5,5
Anche lui come Becao soffre eccessivamente gli avversari, commettendo molte leggerezze.
A R G I N A T O

LOVRIC: 6,5
Si impegna e disimpegna bene tra le linee di centrocampo, meno preciso quando va alla conclusione. Esce per Samardzic.
F R E N A T O

PEREYRA: 5,5
Motivato (e si nota) ed ispirato (finché dura il fiato) non riesce a caricarsi la squadra sulle spalle.
L O G O R A T O

WALACE: 5,5
Inizia cercando di farsi notare anche con conclusioni dalla distanza. Finisce con il contenere senza riuscire ad imporsi sugli avversari, finendo inghiottito nella bolgia di centrocampo. Esce per Nestorovski.
F L O S C I O

MAKENGO: 6
Votato a contenere il centrocampo avversario, riesce a fare un buon lavoro di filtro. Garantisce copertura senza progressioni. Esce per Arslan.
O R D I N A T O

UDOGIE: 6
Un primo tempo sugli scudi, costantemente in progressione offensiva e mettere pressione agli avversari. Cala nella ripresa, giusto il cambio con Ebosse.
P E R C E P I B I L E

SUCCESS: 5,5
Sfoggia una capigliatura vivace e colorata, ma la sua prestazione non è dello stesso livello. Esce per Ehizibue.
I M B A L L A T O

BETO: 5,5
Si batte con tutti i mezzi a disposizione ma non riesce a dare la zampata vincente, il lavoro di una prima punta è diverso.
B R A N C O L A N T E


ARSLAN: 6
Rileva Makengo continuando con buoni risultati il lavoro del compagno.

SAMARDZIC: 6
Entra al posto di Lovric. Sembra lo abbiano studiato bene, viene limitato adeguatamente quando si spinge troppo avanti.

EBOSSE: 5,5
Subentra a Udogie non garantendone qualità e sostanza.

EHIZIBUE: 5,5
Al posto di Success. Il poco che dovrebbe fare lo sbaglia.

NESTOROVSKI: s.v.
Quinto cambio per Walace.

IL MISTER: 6
Con Deulofeu ancora fermo ai box insiste con lo sterile attacco Success-Beto. Preferisce Bijol a Ebosse, peggiore in campo nell’ultima partita, pareggiata contro l’Empoli. Disegna una squadra che regge bene l’urto e sa anche proporsi in avanti, ma gli mancano finalizzatori di qualità. La partita l’ha prearata bene, purtroppo per lui non è al pari di quelli che scendono in campo.
A M A R E G G I A T O

CITAZIONE SPECIALE DI OGGI
Il marketing uccide tradizioni e fascino di questo sport. Vedere due squadre vestire delle maglie a dir poco discutibili mette tristezza. : 4


LA PARTITA:
Si incontrano due delle tre squadre più antiche nei campionati F.I.G.C., solo il Genoa è più “vecchio” delle due bianconere, con i friulani fondati un anno prima dei piemontesi. Gli uomini di Allegri sono reduci da un filotto di 7 vittorie consecutive, quelli di Sottil invece hanno raccolto solo 5 punti (5 pareggi e 2 sconfitte) nello stesso lasso di tempo. Sulla carta, considerando anche le assenze, le chances di un risultato positivo per i friulani sono al lumicino. Allegri rinuncia inizialmente a Chiesa e Milik, senza ancora poter schierare Kaio Jorge, Pogba, Bonucci, Cuadrado, Vlahovic, De Sciglio e Bremer. Ancora ai box Masina e Deulofeu per i friulani.

STATISTICHE:
Curioso il fatto che alla 17^ giornata le due squadre bianconere abbiano realizzato entrambe 25 reti, con la relativa media di 1,56 goal a partita (in netto calo per i friulani). Goal dalla panchina nettamente a favore dei friulani, 8 a 2. Prossimi impegni di campionato : Juventus a Napoli contro la capolista, Udinese in casa contro il Bologna.

SINTESI: Bene ma non benissimo….
Partita che inizia nel ricordo di Gianluca VIALLI, scomparso ieri a 58 anni. Il friulano Gianluca PESSOTTO ha letto una commovente lettera allo stadio intero in ricordo dell’ex capitano Juventino a cui sono seguiti scroscianti applausi al suo indirizzo. Squadre che scendono in campo con le rispettive terze maglie, completo multicolor caleidoscopico rosa-blue ispirato ai colori storici per la Juventus con il lutto al braccio, friulani con il completo grigio melange con dettagli arancioni. Colpisce il nuovo look biondo platino di Success. Bravo l’ex di turno Pereyra ad insistere sulla fascia destra e costringere Miretti a salvare in corner al 3^. Pereyra regala un corner alla juve al 10^, con un retropassaggio sbagliato. Perez prova dalla distanza, conclusione deviata in corner al 17^. Sugli sviluppi del corner Walace di testa impegna Szczesny che salva quasi sulla riga. Rugani svetta in area sulla punizione messa in area da Di Maria, bravissimo Silvestri a chiudere la porta allo juventino e deviare a lato al 19^. Occasione per Kean al 27^ che conclude di poco a lato. Buoni i ritmi all’Allianz Stadium, con continui capovolgimenti di fronte. Friulani che tengono bene palla e che riescono a gestire bene il gioco, contrariamente a quanto fatto domenica contro l’Empoli. Bravo Udogie a farsi trovare sulla traiettoria di un cross velenoso degli avversari partiti molto bene in contropiede al 32^. Predica calma Sottil dalla panchina, vuole che i suoi giochino palla senza fretta gestendo al meglio il possesso palla. Di Maria al volo dal limite colpisce male e manda a lato al 34^. Giallo a Locatelli al 35^ per trattenuta su Lovric che stava partendo in contropiede. Kean al 37^ si trova a tu per tu con Silvestri, bravissimo a salvare in corner. Walace dal limite fa partire un bel rasoterra che scalda i guantoni a Szczesny, non senza qualche difficoltà al 41^ e dopo che Lovric aveva più volte cercato di trovare spazi utili per provarci. Ultimi minuti con i padroni di casa in forcing ma senza riuscire ad essere veramente pericolosi. Si va negli spogliatoi sullo zero a zero. Fischi dallo stadium ad indirizzo di una Juve in sofferenza, ben controllata dai friulani. Si riparte con gli stessi ventidue in campo. Lovric al cross, facile preda dell’estremo difensore juventino al 49^. Si è ripartiti con gli stessi ritmi del primo tempo. Sugli sviluppi di un incursione in area di Di Maria i rimpalli mettono la palla sui piedi di Kean che prova al volo, palla alta al 51^ minuto. Giallo a Success per un fallo su Mckennie dopo aver subito fallo da Rugani, non fischiato dall’arbitro. Kostic davanti a Silvestri si vede murata la via del goal al 54^ dal portiere friulano. Un malinteso tra Perez e Silvestri al 57^ quasi manda in goal Kean, che per fortuna era in fuorigioco. Pereyra al cross troppo alto per Beto che non riesce a colpire la palla al 58^. Becao al 59^ calcia di sinistro da dentro l’area ma Szczesny fa buona guardia. Rabiot calcia dalla linea di fondo, il pallone attraversa tutta l’area ed esce a lato al 61^ con Silvestri battuto. Due cambi per Allegri, dentro Paredes e Chiesa al 62^. Lovric riceve da Pereyra al limite, palla sul sinistro e tiro inguardabile al 65^. Entrano Milik per la Juve e Arslan per Makengo al 65^. Tre cambi per Sottil, dentro Samardzic, Ehizibue ed Ebosse al 70^. Arslan e Walace ci provano dalla distanza ma vengono chiusi dalla difesa avversaria al 78^. Destro alto dal imite di Pereyra al 79^. Allegri manda in campo Soulè e Fagioli al 79^. Perez cicca la palla in area facendo correre un grosso errore ai suoi, non sfrutta l’occasione la juve all’82^. Chiesa riceve sull’out di destra e mette in area per Danilo che in solitaria butta la palla in rete, indisturbato. Vantaggio immeritato per gli uomini di Allegri, ma questo è il calcio. Sottil manda Nestorovski in campo per Walace. Chiesa murato in area dalla difesa friulana quasi a botta sicura davanti a Silvestri al 91^. Ammonito uno scatenato Allegri al 92^. Finisce uno a zero per la squadra di Torino, all’ottavo successo consecutivo.

L’ANALISI:
Tutto sommato una buona UDINESE a cui manca una vera punta. Purtroppo si pagano care alcune distrazioni e dalla panchina non subentrano più soluzioni vincenti, anzi spesso giocatori che abbassano la qualità in campo.

JUVENTUS : SZCZESNY 6.5, ALEX SANDRO 5.5, DANILO 6, RUGANI 6, KOSTIC 6.5 (FAGIOLI 6), LOCATELLI 6 (PAREDES 6), MCKENNIE 6, MIRETTI 5.5 (CHIESA 6.5), RABIOT 6.5, DI MARIA 6 (MILIK 6), KEAN 5 (SOLUE’ 6)

Stera

Stefano SERAFINI, alias STERA, direttore di VOCEDELNORDEST.IT email : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi