• Sab. Lug 20th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

‘Lo schifo’ di Stefano Massini con Anna Tringali: la storia di Ilaria Alpi il 28, 29 e 30 settembre alla Sala Bergamas di Gradisca d’Isonzo

DiRedazione

Set 26, 2023

INNESTI, connessioni teatrali affatto prevedibili

‘Lo schifo’ di Stefano Massini con Anna Tringali: la storia di Ilaria Alpi

Lo spettacolo giovedì 28, venerdì 29, sabato 30, alle 20.30 alla Sala Bergamas di Gradisca d’Is.

Venerdì 29, alle 20, introduzione con Mariangela Gritta Grainer e Fabiana Martini di Articolo21

Prenderà il via giovedì 28 settembre (repliche il 29 e il 30) alle 20.30 alla Sala Bergamas di Gradisca d’Isonzo ‘INNESTI connessioni teatrali affatto prevedibili’, la rassegna che unisce i nuovi linguaggi della scena a storie ed eventi che hanno cambiato il nostro Paese, organizzata da ArtistiAssociati – Centro di Produzione Teatrale. Il primo appuntamento sarà dedicato alla storia di Ilaria Alpi, la giornalista italiana del TG3 uccisa insieme al suo operatore Miran Hrovatin il 20 marzo 1994 a Mogadiscio, in Somalia. ‘Lo schifo’: questo il titolo dello spettacolo scritto da Stefano Massini e interpretato da Anna Tringali, per la regia di Giorgio Sangali (produzione Teatro Bresci).

Venerdì 29 settembre, alle 20, il tema sarà introdotto con l’aiuto della presidente di Articolo21 Veneto e portavoce di #NoiNonArchiviamoIlariaAlpi Mariangela  Gritta Grainer (in collegamento) e Fabiana Martini portavoce del presidio regionale di Articolo21.

Lo spettacolo è un’occasione per non dimenticareIl caso Alpi ha dell’incredibile: in una Somalia disseminata di rovine e memorie coloniali un silenzio inscalfibile copre le manovre di scaltrissimi uomini d’affari collusi e corrotti. E’ questo silenzio che Ilaria attacca frontalmente, spalancando squarci di inaudita verità su un’Africa italiana dilaniata da guerre intestine, tra rifiuti tossici, faraoniche quanto inutili opere pubbliche, traffici d’armi, epidemie di colera, integralismi islamici, pirati, sultani e grottesche festicciole tricolori per celebrare la cooperazione internazionale, ufficialmente lì per riportare la pace, la speranza. A distanza di più vent’anni da quell’omicidio, però, la maggioranza degli italiani ignora perfino l’esistenza della ventunesima regione italiana, della Somalia; ignora gli interessi, le speculazioni, i miliardi, gli “zeri” che gli italiani hanno guadagnato sulla pelle della popolazione; ma, soprattutto, ignora come e perché Ilaria Alpi sia stata ammazzata e da morta, umiliata dall’insabbiamento delle indagini. Il testo di Massini, lontano anni luce dalla retorica celebrativa tenta di ricostruire i suoi ultimi giorni, ma si tratta di una ricostruzione emotiva, lirica, espressionista: immagini, suoni, parole, lettere, segni. Lo spettacolo procede per frammenti, come un rebus, un anagramma da risolvere, un puzzle da ricomporre per scoprire insieme alla protagonista l’origine dello “schifo”. In scena Ilaria e’ Anna Tringali e Anna e’ Ilaria in un intenso doppio dialogo con se’ stessa e con i suoi ricordi faccia a faccia con la morte. Una storia che tutti dovrebbero vedere, che tutti dovrebbero conoscere oggi più che mai.

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE