• Mar. Mag 21st, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

Perché l’inflazione in Italia è più bassa che nel resto d’Europa?

DiRedazione

Mag 15, 2024

Secondo i dati preliminari dell’Istat, l’inflazione annuale dei consumatori è salita al 1,3% nel marzo 2024, mostrando un aumento rispetto allo 0,8% precedente ma inferiore al previsto 1,4%.

Situazione attuale dell’inflazione in Italia
Il motivo per cui l’inflazione in Italia è più bassa rispetto ad altri paesi è attribuibile in parte alla diminuzione dei prezzi dell’energia e al controllo efficace della domanda tramite politiche monetarie. I tassi di interesse elevati hanno contenuto sia i prestiti alle imprese che alle famiglie, contribuendo così a moderare l’inflazione senza scatenare una recessione.

Nonostante la lieve accelerazione dell’inflazione, si sono osservate notevoli diminuzioni nei prezzi dell’energia non regolamentati e nei servizi di trasporto, mentre gli alimenti hanno mostrato una decelerazione nell’incremento dei prezzi.

D’altra parte, è importante sottolineare che, nonostante questo aumento, l’inflazione italiana rimane significativamente inferiore al picco dell’11,8% registrato nel 2022, il che indica una stabilizzazione dell’economia dopo un periodo di turbolenza post-pandemica. Questo marcato calo dell’inflazione è stato influenzato non solo da fattori di offerta, come la diminuzione dei prezzi dell’energia, ma anche dall’efficacia della politica monetaria.

L’attuazione di tassi di interesse elevati da parte della Banca Centrale Europea ha scoraggiato sia le imprese che le famiglie dal richiedere nuovi prestiti, contribuendo così a moderare sia l’economia che l’inflazione.


Variazione su base annua del PIL in Italia

Quali sono le previsioni future sull’inflazione?

Secondo le ultime stime della Commissione Europea, si prevede che l’inflazione in Italia raggiungerà il 2,0% nel 2024 e il 2,3% nel 2025. Si prevede che questo aumento dell’inflazione segua l’aumento proiettato dei salari, specialmente nel settore pubblico.

Inoltre, l’atteso aumento dei costi dell’elettricità, a causa degli aumenti dei prezzi delle materie prime, potrebbe rappresentare una delle ragioni della crescita dell’inflazione. Sebbene si tratti di una tendenza al rialzo nel medio termine, ci si aspetta che l’inflazione rimanga piatta, mantenendo al contempo il tasso al di sotto della media della zona euro.

Questa prospettiva positiva riflette una serie di fattori, tra cui la crescita economica sostenuta e politiche monetarie prudenti. L’aumento dei salari, in particolare nel settore pubblico, potrebbe stimolare la domanda interna e contribuire a una modesta accelerazione dell’inflazione.

Confronto con altre economie europee

In contrasto con altre economie europee, la situazione inflazionistica in Italia mostra segni di relativa stabilità, secondo il rapporto dell’Istituto Nazionale di Statistica. Mentre il tasso di inflazione italiano si mantiene su un modesto 1,3%, paesi come Germania e Paesi Bassi hanno sperimentato livelli più alti, con l’intera zona euro che ha raggiunto una media del 2,6% nel febbraio 2024.

D’altra parte, i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,2% rispetto al mese precedente, evidenziando una tendenza meno pronunciata rispetto ad altre nazioni. Questa riduzione annuale dell’inflazione è principalmente dovuta alla diminuzione dei prezzi dei beni energetici non regolamentati e all’aumento meno significativo dei prezzi dei servizi di trasporto. Anche l’aumento dei prezzi alimentari si è rallentato, contribuendo alla tendenza generale di riduzione dell’inflazione.

Economia e prudenza: la chiave del mercato

In definitiva, i dati supportano l’idea che l’economia e la prudenza siano elementi essenziali per la stabilità del mercato, includendo aspetti come la bolletta della luce e domestica. La gestione corretta delle risorse finanziarie e una presa di decisioni basata sui dati sono essenziali per garantire una crescita sostenibile.

Il prezzo dell’energia ha un impatto diretto sull’inflazione; pertanto le pratiche prudenti delle fornitori e una politica dei prezzi equa sono fondamentali per una bolletta energetica accessibile per le famiglie. Queste misure non influenzano solo il bilancio familiare, ma hanno anche un impatto sulla stabilità economica generale.

Per quanto riguarda l’inflazione generale in Italia, le prospettive positive includono previsioni di bassa inflazione e crescita economica stabile a medio termine. La combinazione di una solida base economica e una strategia prudente è fondamentale per mantenere la stabilità e promuovere lo sviluppo economico a lungo termine.


Fonte: https://www.prontobolletta.it/news/inflazione-italia-situazione-2024/

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE