• Mar. Gen 31st, 2023

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

PORDENONELEGGE : ALDO CAZZULLO al TEATRO VERDI di MANIAGO il 21 GENNAIO presenta il suo ultimo saggio “Mussolini, il capobanda”

DiRedazione

Dic 22, 2022

Si preannuncia come un incontro speciale, per rileggere insieme la storia d’Italia attraverso l’analisi di una voce di riferimento del nostro tempo, quello in programma sabato 21 gennaio, alle 20.45, al Teatro Verdi di Maniago. Protagonista sarà il giornalista Aldo Cazzullo, editorialista e vicedirettore del Corriere della Sera, autore del saggio Mussolini il capobanda” (Mondadori), che ci proietta a ritroso verso un ventennio plumbeo, quello dello scorso secolo, avviato con la famigerata Marcia su Roma del 1922, e proseguito fra tribunali speciali e polizia politica. L’incontro con Aldo Cazzullo, in programma originariamente lo scorso settembre nell’ambito della 23^ edizione di pordenonelegge, era stato aggiornato a nuova data per l’improvviso impegno del giornalista, inviato ai funerali della Regina Elisabetta. La serata di Maniago, promossa dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con Fondazione Pordenonelegge, sarà arricchita dalle letture live di passaggi salienti del libro, affidate all’attore Paolo Mutti.

Ingresso libero ma è consigliata la prenotazione su https://www.pordenonelegge.it/account/login

Info pordenonelegge.it Tel. 0434.1573100 mail segreteria@pordenonelegge.it

«Cent’anni fa la nostra patria cadeva nelle mani di una banda di delinquenti, guidata da un uomo spietato e cattivo. Un uomo capace di tutto; persino di far chiudere e morire in manicomio il proprio figlio, e la donna che l’aveva messo al mondo»: comincia così il racconto di Aldo Cazzullo su Mussolini. Una figura di cui la maggioranza degli italiani si è fatta un’idea sbagliata, quella di uno statista che fino al ’38 le aveva azzeccate quasi tutte. Peccato l’alleanza con Hitler, le leggi razziali, la guerra. Non solo. Cazzullo ricorda che prima del ’38 Mussolini aveva provocato la morte dei principali oppositori: Matteotti, Gobetti, Gramsci, Amendola, don Minzoni, Carlo e Nello Rosselli. Aveva conquistato il potere con la violenza – non solo manganelli e olio di ricino ma bombe e mitragliatrici -, facendo centinaia di vittime. Fin dal 1922 si era preso la rivincita sulle città che gli avevano resistito, con avversari gettati dalle finestre di San Lorenzo a Roma, o legati ai camion e trascinati nelle vie di Torino. Aveva imposto una cappa di piombo: Tribunale speciale, polizia segreta, confino, tassa sul celibato, esclusione delle donne da molti posti di lavoro. Aveva commesso crimini in Libia – 40 mila morti tra i civili -, in Etiopia – dall’iprite al massacro dei monaci cristiani -, in Spagna. Aveva usato gli italiani come cavie per cure sbagliate contro la malaria e per vaccini letali. Era stato crudele con tanti: a cominciare da Ida Dalser e dal loro figlio Benitino. La guerra non fu un impazzimento del Duce, ma lo sbocco logico del fascismo, che sostiene la sopraffazione di uno Stato sull’altro e di una razza sull’altra. Idee che purtroppo non sono morte con Mussolini. Anche se Cazzullo demolisce un altro luogo comune: non è vero che tutti gli italiani sono stati fascisti. E l’antifascismo dovrebbe essere un valore comune a tutti i partiti e a tutti gli italiani.

Giornalista e scrittore italiano, classe 1966, Aldo Cazzullo è nato ad Alba e ultimati gli studi, nel 1988, è stato assunto come praticante nella redazione de La Stampa; grazie alla sua penna attenta e audace è stato una delle firme più note del quotidiano torinese sino al 2003, quando è diventato editorialista e inviato per il Corriere della Sera. Testimone di grandi appuntamenti elettorali e sportivi (in patria e all’estero), nonché profondo conoscitore dei costumi e della recente storia d’Italia, negli anni ha scritto numerosi saggi. Fra questi I ragazzi di via Po. 1950-1961: quando e perché Torino ritornò capitale (1997), I ragazzi che volevano fare la rivoluzione (1998), Il mistero di Torino (2004, con V. Messori), Viva l’Italia (2010), L’Italia s’è ridesta (2012), Basta piangere. Storie di un’Italia che non si lamentava (2013), La guerra dei nostri nonni (2014), Possa il mio sangue servire. Uomini e donne della Resistenza (2015), Le donne erediteranno la terra. Il nostro sarà il secolo del sorpasso (2016), entrambi nel 2017, L’intervista. I 70 italiani che resteranno e Metti via quel cellulare. Un papà. Due figli. Una rivoluzione, Giuro che non avrò più fame (2018), Peccati immortali (2019, con F. Roncone), A riveder le stelle (2020) e, tutti nel 2021, Le italiane. Il Paese salvato dalle donne, Un italiano contro. Il secolo lungo di Montanelli e Il posto degli uomini. Dante in Purgatorio dove andremo tutti (2021). Nel 2011 ha pubblicato il suo primo romanzo, La mia anima è ovunque tu sia.

Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi