• Ven. Giu 14th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

Rovigoracconta: il programma della seconda giornata

DiRedazione

Giu 1, 2024

Seconda giornata per Rovigoracconta: da Enrico Galiano a Vera Gheno, e un sabato sera da urlo insieme a Guido Catalano e Vincenzo Schettini.

Nessuna goccia di pioggia è caduta sul popolo arancione, che impavido ha sfidato le previsioni più minacciose presentandosi, come sempre, numerosissimo e calorosissimo alla serata inaugurale di Rovigoracconta: “sognare forte”, come invita a fare lo slogan di quest’anno, è stato di buon auspicio!

È stata una serata di emozioni forti, che come “le altalene” di Mauro Corona hanno oscillato tra risate e lacrime… È toccato proprio a lui aprire la serata, ritornando dopo alcuni anni al Festival, questa volta, però, con alcuni amici, due musicisti e il mitico Costante, detto Poiana, il signore che imita gli uccelli che spesso accompagna lo scrittore ertano. È stata poi la volta della testimonianza di Gino Cecchettin che, in dialogo con Marco Franzoso, ha commosso il pubblico, esortandolo a parlare del ruolo della responsabilità maschile nelle relazioni cosiddette tossiche. Con un pensiero a tutte le ragazze che si potranno salvare grazie alla sua testimonianza, alla sua riflessione. La conclusione è stata affidata, infine, a Roby Facchinetti che, con grandissima generosità nei confronti di un pubblico affezionatissimo, si è lasciato andare a ricordi e rimpianti rivivendo i momenti più significativi della sua vita privata e pubblica, tra una citazione e l’altra delle canzoni dei Pooh.

Sabato 1 giugno

Le danze si apriranno in maniera intrigante con lo youtuber Rick DuFer, autore del celebre podcast Daily Cogito pensato per rendere la filosofia chiara e accattivante: lo ascolteremo alle 11.30 nella Sala della Gran Guardia. Alle 12 in Piazza Garibaldi, appuntamento con l’attivista per i diritti umani Pegah Moshir Pour e “La notte sopra Teheran”. Alle 16.00, allo Urban Digital Center, Valerio Bassan ci racconterà come abbiamo “rotto” internet e perché tocca a noi aggiustarlo. In Piazza Garibaldi, alle 16.30, la vincitrice del Premio Strega 2018, Helena Janeczeck, presenterà il suo nuovo romanzo “Il tempo degli imprevisti”. Alle 17, in Pescheria Nuova, andremo alla scoperta dei grandi classici della letteratura mondiale con Guendalina Middei, meglio conosciuta come @ilprofessorx, e sempre alle 17 ai Giardini di Piazza Matteotti, ci interrogheremo sul perché “La felicità (non) è un mito” con Michele Mezzanotte. Alle 17.30 in Piazza Annonaria, Ilaria Gaspari affronterà con acume l’insidioso tema delle maldicenze con “La reputazione”, e alle 18 il maestro del noir Massimo Carlotto presenterà il suo ultimo libro, “Trudy”. Enrico Galiano invece entrerà in scena alle 18.30 ai Giardini di Piazza Matteotti per parlarci delle atmosfere di “Una vita non basta”; alle 19, in Piazza Annonaria, Vera Gheno ci farà innamorare della nostra lingua con “Grammamanti”. Alle 19.30 in Piazza Vittorio Emanuele II, il poeta più letto d’Italia Guido Catalano si esibirà in un reading-spettacolo per raccontarci “Cosa fanno le femmine in bagno?” e alle 21 lascerà il palco a Vincenzo Schettini, il prof influencer che insegna la Fisica in modo pop.

Per un’improvvisa indisponibilità del Salone del Grano gli incontri lì previsti si terranno in Piazza Garibaldi e in caso di forte maltempo presso il Cinema Teatro Duomo e la Sala della Gran Guardia. Il pubblico troverà indicazioni sia davanti al Salone del Grano che scaricando il programma aggiornato dal sito.

Rovigoracconta on air!

Delta Radio atterra a Rovigoracconta per intervistare gli scrittori e gli artisti del Festival: dalle 14.30 alle 16.30 di sabato 1 e domenica 2 giugno, direttamente sullo schermo di piazza Garibaldi, e ovviamente on line su www.deltaradio.it, ascolteremo curiosità inedite sul mondo delle storie e dei loro autori.

Due iniziative inedite arricchiranno poi il programma di quest’anno.Rovigoracconta Off è la prima grande novità che coinvolgerà tante realtà commerciali della città molto diverse tra loro, accomunate dallo stesso spirito: trasformare ogni incontro in un sogno a occhi aperti. Appuntamenti unici, speciali e di grande qualità con lo spirito da sognatori che caratterizza da sempre il Festival arancione: una granita da Godot, un viaggio tra Italia e Giappone da Inki Makisushi, dieci minuti di meditazione con I.Life cosmetici, un percorso attraverso la storia del gin e della sua miscelazione con degustazione da Rarò, un’immersione nel design con Bolzoni Arredamenti e una colazione speciale tra libri, musica e pasticceria da Babylon Lingue. Esperienze da non perdere per un Festival che abbraccia in modo sempre più stretto la città che lo ospita.

The Stage è la seconda entusiasmante novità di quest’edizione di Rovigoracconta: un’area relax allestita all’interno del cortile di Palazzo Roverella dove, tutto il sabato e la domenica, ci si potrà fermare per immaginare e sognare, sorseggiare un caffè leggendo un libro, condividere un bicchiere di vino, dei cocktail spettacolari, assaggiare una selezione di prodotti a chilometro zero, per una pausa o per il pranzo. Un’oasi dove sarà possibile incontrare anche gli autori ospiti di Rovigoracconta, perdersi in una bottega con vinili d’eccezione e trovare un esclusivo percorso attraverso una selezione di libri che tratta in modo inedito il tema del femminile. In The Stage incontreremo anche MariaGiovanna Luini, per anni assistente di Umberto Veronesi, che unisce psicoterapia e medicine complementari e leggerà l’inconscio attraverso la spiritualità dei Tarocchi Genziana.

Sabato 1 giugno dalle 22 lo spazio di The Stage si trasformerà nell’Afterparty di Rovigoracconta, una festa unica con gli ospiti del Festival e con musica tutta in vinile suonata da Teo C. Il food&beverage di The Stage sarà a cura di Trani, Punto Bottega Alimentare e Suite 30tre.

Un giro in città

Durante la pausa pranzo, Rovigoracconta offrirà inoltre delle attività esclusive che non saranno replicate in altri orari e saranno disponibili in queste modalità solo durante i giorni del Festival, tra cui Un giro in città, un percorso che permetterà di visitare tre mostre a entrata gratuita, di cui due con la guida. Potremmo accedere, infatti, alla grande mostra sull’iconico Henri de Toulouse-Lautrec, artista francese tra i più rappresentativi della Parigi di fine secolo, a Palazzo Roverella; ci immergeremo in un viaggio che, dall’età del Bronzo al Rinascimento, attraversa epoche e immaginari seguendo il filo conduttore dell’acqua al Museo dei Grandi Fiumi; ricorderemo Giacomo Matteotti, uno degli uomini più emblematici d’Italia, di cui quest’anno ricorre il centenario della morte, a Palazzo Roncale. Alla figura di Matteotti, il politico che meglio di chiunque altro, tra gli anni Dieci e Venti, ha rappresentato in Parlamento e nella società italiana i bisogni, i diritti e le speranze degli ultimi, sarà dedicata anche la presentazione del libro di Antonio Funiciello, domenica 2 giugno alle 16 a Palazzo Roncale.

Sabato e domenica, alle 12 alle Segrete del castello dei Giardini di Piazza Matteotti si svolgerà, poi, un appuntamento unico, che andrà in scena solo a Rovigoracconta: Valentina Tamborra, tra le più conosciute fotoreporter di viaggio e Diego Ronzio, artista visuale che ha creato progetti anche per la Biennale, daranno vita a una performance irripetibile che ci farà vivere in prima persona il valore di appartenere a una comunità attraverso un viaggio dentro il nostro io più profondo.

Domenica 2 giugno

Alle 11, nella sala della Gran Guardia, sarà la volta di Francesca Marzia Esposito con “Ultracorpi”; alle 12 in Piazza Garibaldi, cercheremo di capire se il femminismo addomesticato, affine agli interessi di politici e aziende, è davvero femminismo con Jennifer Guerra e il suo “Il femminismo non è un brand”. Alle 16, all’Urban Digital Center, Annamaria Testa presenterà “La trama lucente”; sempre alle 16 in Sala della Gran Guardia Sara Benatti presenterà “La maledizione di Arianna”, mentre alle 16.30 Selene Calloni Williams parlerà di “Digiuno immaginale” ai Giardini di Piazza Matteotti. Matteo Righetto ci porterà in mezzo alla natura sulle Dolomiti con “Il sentiero selvatico” alle 17 in Pescheria Nuova; alla stessa ora, ma in Piazza Annonaria, l’attivista politica Flavia Carlini presenterà “Noi vogliamo tutto”, e Valentina Tamborra, a Palazzo Angeli, ci parlerà del suo reportage fotografico “I nascosti”. Mentre Roberto Emanuelli, alle 18 ai giardini di Piazza Matteotti, ci ispirerà con “Ora amati”. Alle 18.30 in Piazza Garibaldi, l’avvocata Cathy La Torre affronterà il tema scottante della violenza di genere, e contemporaneamente, in Piazza Annonaria, Luca Briasco, traduttore di Stephen King, racconterà l’opera del maestro dell’horror; mentre Vito Mancuso alle 19.30 in Piazza Vittorio Emanuele II ci inviterà ad aprirci a un’esistenza più autentica con “Non ti manchi mai la gioia”.

Momenti di storia, scienza e attualità

Tanti i protagonisti che parleranno di storia, politica e faranno riflettere con momenti dedicati all’attualità e alla divulgazione scientifica. Sabato 1 giugno, alle 18.30 in Piazza Garibaldi, Vittorino Andreoli racconterà “La dittatura del denaro”. Domenica 2 giugno, Antonio Funiciello, alle 16 a Palazzo Roncale, presenterà “Tempesta. La vita di Giacomo Matteotti”; a seguire, alle 16.30 in Piazza Garibaldi, Sergio Rizzo, che tutti conosciamo per il bestseller “La casta”, presenterà “Io so’ io. Come i politici italiani sono tornati a essere intoccabili”, e alle 17.30 in Piazza Vittorio Emanuele II, Franco Berrino ci spiegherà come “Fermare il tempo” quando ci accorgiamo di non essere più giovanissimi.

Riflettori sul territorio

Rovigoracconta crede nel talento del Polesine e dei suoi artisti ed è orgogliosa di fare sentire la loro voce. A partire da sabato 1 giugno, alle 10.30 ai Giardini di Piazza Matteotti, con Martino Pietropoli e Sandro Siviero, i creatori di Runlovers, una delle community sul mondo del running più seguite in Italia; per seguire, alle ore 11 a Palazzo Roncale, con il filosofo Giovanni Boniolo che ci parlerà del suo “L’educazione liberale”; e continuare alle 16 nella Sala della Gran Guardia con la finalista al Premio Strega 2024 Sonia Aggio, che presenterà “Nella stanza dell’imperatore”.

Rovigoracconta e la città

Rovigoracconta porta avanti l’idea di coinvolgere sempre maggiormente la città, non solo per quanto riguarda l’attività e i locali, ma anche da un punto di vista sociale. Anche quest’anno tantissimi ragazzi hanno dato la loro adesione come volontari arancioni, che saranno il volto dell’accoglienza del Festival e riceveranno una vera formazione e crediti scolastici.

L’intero programma di Rovigoracconta è scaricabile dal sito internet www.rovigoracconta.it e si può trovare nelle librerie della città, all’Accademia dei Concordi, al Cinema Teatro Duomo, allo Iat e in molti luoghi frequentati del centro.

Grazie a chi crede in Rovigoracconta

Rovigoracconta è organizzato dall’Associazione Liquirizia, promosso dalla Fondazione Rovigo Cultura con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. È patrocinato e sostenuto da Regione Veneto, Comune di Rovigo, Camera di Commercio di Venezia e Rovigo e Accademia dei Concordi, sostenuto da AsmSet, Ecoambiente, Interporto, Kommerling, Polaris, TMB con la collaborazione dei negozianti della città e dei tanti volontari arancioni. Hanno adottato un autore: Borsari, il Comitato per le Pari Opportunità presso l’Ordine degli Avvocati di Rovigo, l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Rovigo, Draxton, Lanfredini, Il Circolo di Rovigo.

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE