• Gio. Giu 20th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

TEATRO VERDI : il 7 marzo un nuovo appuntamento con la grande danza – in scena “LA PASTORALE” con il MALANDAIN BALLET BIARRITZ

DiRedazione

Mar 5, 2023

Teatro Verdi di Pordenone 100 ANNI

MARTEDÌ 7 MARZO ALLE 20.30 AL TEATRO VERDI DI PORDENONE UN NUOVO APPUNTAMENTO CON LA GRANDE DANZA: IN SCENA IN ESCLUSIVA REGIONALE: “LA PASTORALE” CON IL MALANDAIN BALLET BIARRITZ

Una creazione del pluripremiato ballerino e coreografo Thierry Malandain per celebrare il 250° anniversario di Beethoven

PORDENONE- Approda in esclusiva sul palco del Teatro Verdi di Pordenone martedì 7 marzo (inizio 20.30) la creazione che Thierry Malandain –unanimemente considerato uno dei più importanti coreografi europei e internazionali, direttore del prestigioso Centre chorégraphique national di Biarritz, in Francia, dove nel 1998 è stato fondato il Malandin Ballet Biarritz – ha ideato per celebrare il 250° anniversario di Beethoven. La sua “Pastorale” – eseguita da 22 straordinari interpreti del Ballet Biarritz sulle note della Sinfonia Pastorale del genio tedesco – invoca l’antica Grecia e il periodo ellenico come luogo di nostalgia e ricerca. Impregnato della più pura serenità, nel capolavoro di Beethoven possiamo trovare i sentieri fioriti della pastorale antica, l’innocenza della giovinezza, o anche le polveri sacre di Atene, città venerata nei secoli dai poeti e dagli artisti per aver creato la Bellezza. In quest’opera immortale, esplicito collegamento al rapporto fra il Teatro e la Natura, Beethoven resuscita ai nostri occhi l’Arcadia dell’età dell’oro. Nato in Normandia nel 1959, Thierry Malandain ha ricevuto negli anni innumerevoli premi e riconoscimenti per il suo contributo all’esplorazione della danza contemporanea e neoclassica. In questa creazione, il coreografo narra con sintesi magistrale l’amore del compositore tedesco per la Natura, e ce ne restituisce tutta l’emozione. Accompagnata da musiche immortali «la nostra Pastorale evoca il periodo ellenico come luogo di nostalgia e ricerca, del dolore di un desiderio senza fine nel regno spirituale dell’infinito», spiega Thierry Malandain. Autore di oltre 80 coreografie, Malandain continua a creare un repertorio coerente, profondamente legato al “balletto” dove la priorità è data al corpo danzante, alla sua potenza, alla virtuosità, alla sua umanità e sensualità. I suoi danzatori provengono da una formazione classica che, attraverso il lavoro con il coreografo, viene resa attuale. «La mia cultura è quella del balletto classico a cui resto legato», spiega ancora Malandain. «Pur riconoscendo che i codici artistici e sociali sono di un’altra epoca, penso che questa materia ereditata da quattro secoli di storia doni ai danzatori risorse e materiale inestimabile. Allora mi diverto diventando classico per qualcuno, contemporaneo per altri, alla ricerca semplicemente della danza che amo». Il Caffè Licinio sarà aperto un’ora prima dell’inizio dello spettacolo per un aperitivo con buffet che si può prenotare in biglietteria.

Intanto lunedì 6 marzo, sempre al Caffè Licinio alle 18.30, l’incontro-aperitivo con la consulente Prosa Claudia Cannella per scoprire i prossimi spettacoli in cartellone: “L’attesa” con Anna Foglietta e Paola Minaccioni intensissime tra ironia e noir, i colori sgargianti del “Cyrano de Bergerac” di Arturo Cirillo, fino alle profonde sfumature de “Il gabbiano” di Cechov riletto da Leonardo Lidi.

Per prenotazioni rivolgersi alla biglietteria:

www.teatroverdipordenone.it

biglietteria@teatroverdipordenone.it

Tel 0434 247624

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE