• Dom. Lug 14th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

COME FRATELLI – ABANG E ADIK: al cinema, dal 30 aprile, la folgorante opera prima con cui Jin Ong ha trionfato all’ultimo FEFF!

DiRedazione

Apr 4, 2024

COME FRATELLI

Abang e Adik

Al cinema, dal 30 aprile, la folgorante opera prima con cui il regista malesiano Jin Ong ha trionfato all’ultimo Far East Film Festival di Udine.

La distribuzione italiana porta il doppio segno di Academy Two e Tucker Film.

Dopo il trionfo all’ultimo Far East Film Festival di Udine, dove ha conquistato a furor di popolo i tre premi principali, e dopo aver viaggiato tra l’Asia e l’Europa, collezionandone moltissimi altri, il folgorante esordio del regista malesiano Jin Ong torna in Italia per uscire nei nostri cinema: parliamo, ovviamente, di Come fratelli – Abang e Adik, atteso in sala dal prossimo 30 aprile sotto il doppio segno di Academy Two e Tucker Film. Un’opera forte, libera, spiazzante, capace di sfidare il confine dei generi per indagare sull’amore, sulla giustizia, sull’emarginazione.

Abang (l’attore e modello taiwanese Wu Kang Ren) e Adik (l’attore e pop idol malesiano Jack Tan) sono due dei tanti invisibili che tirano a campare nei quartieri poveri di Kuala Lumpur. Senza documenti, senza diritti, senza la possibilità di “esistere” come cittadini. Da un lato ci sono loro, dall’altro lato c’è la capitale, con le sue luci, i suoi grattacieli, il suo stile di vita.

Fratelli di strada e forse anche di sangue, Abang e Adik sono inseparabili. Uguali ma diversissimi. Il primo, nato muto, lavora instancabilmente e non smette di credere che il destino possa riservargli un po’ di stabilità, il secondo, più giovane e molto più arrabbiato, rifiuta la propria condizione e cerca di fare soldi facili. Facili e sporchi. Quanto tempo resta a Jia En, agguerrita operatrice di una ONG, per liberarli dalla clandestinità e per evitare che la scelta di Adik si riveli fatale?

«Nella mia Malesia – racconta Jin Ong – convivono migliaia di persone che non possiedono documenti d’identità. Migliaia di persone che, molto probabilmente, non hanno futuro. Ho scritto la storia di Come fratelli Abang e Adikper sensibilizzare l’opinione pubblica sugli ultimi della Malesia e, per estensione, sugli ultimi del mondo. Queste persone lottano e soffrono ogni giorno e io sono convinto che, alla fine, l’amore e l’umanità siano le uniche risorse a loro disposizione. Perché il potere dell’amore e dell’umanità, come cerco di spiegare nel film, può essere davvero infinito…».

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE