• Gio. Mag 30th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

FEFF 26 (2024) : Il programma di domenica 28 aprile – EIKO ISHIBASHI IN CONCERTO!

DiRedazione

Apr 27, 2024

24 aprile/2 maggio 2024 – Udine, Italy, Teatro Nuovo e Visionario

Il programma di domenica 28 aprile

EIKO ISHIBASHI

IN CONCERTO!

Alle 19.00, sul palco del Teatro Nuovo, la musicista giapponese porterà GIFT: il progetto da cui ha preso vita Evil Does Not Exist di Ryusuke Hamaguchi.    

Da non perdere anche il restauro di Three Seasons e una formidabile tripletta cinese: Wonder Family, The Midsummer’s Voice e The Movie Emperor.

UDINE – Una geniale polistrumentista giapponese capace di spaziare dal dream pop all’ambient jazz, camminando sul filo del crossover tra Oriente e Occidente. Domenica 28 aprile, alle 19,00, Eiko Ishibashi sarà la protagonista dell’attesissimo live intitolato GIFT: lo splendido progetto da cui ha preso vita Evil Does Not Exist (Il male non esiste) di Ryusuke Hamaguchi, vincitore del Leone d’Argento – Gran Premio della Giuria a Venezia e uscito nelle sale italiane sotto il doppio segno di Teodora Film e Tucker Film!

Quello di Eiko Ishibashi non è un semplice concerto-evento nel cuore di un festival cinematografico: è un vero e proprio “concerto cinematografico”, una performance assolutamente unica dove le architetture musicali danzano delicatamente sulle immagini e le immagini danzano delicatamente sulle architetture musicali. All’angolo del palco, dunque, ci sarà lei, con tutto il suo equipaggiamento elettronico e tutta la sua arte, mentre sul grande schermo del Teatro Nuovo “Giovanni da Udine” scorreranno le sequenze di GIFT, il film muto che Hamaguchi ha scritto e diretto per Eiko.

Classe 1974, cantante, compositrice e, appunto, autrice di colonne sonore (quella di Drive My Car, il film con cui Hamaguchi ha vinto l’Oscar nel 2021, porta la sua firma), la Ishibashi ha esplorato e continua a esplorare qualunque genere di sfumatura musicale. E nel corso degli anni, non a caso, ha collaborato con figure di primissimo piano della musica di ricerca come Haino Keiji, Charlemagne Palestine, Merzbow, Giovanni Di Domenico e Oren Ambarchi…

Anche la quinta giornata, ovviamente, sarà ricca di film da non perdere. Tra questi, ricordiamo, c’è una formidabile tripletta cinese (Wonder Family, The Midsummer’s Voice, The Movie Emperor con il super divo Andy Lau) e c’è anche il restauro del capolavoro Three Seasons, cioè il primo film vietnamita uscito negli Usa dopo l’embargo. Una poetica riflessione sul passato, sul presente e sul futuro della città di Saigon che vede tra i protagonisti il mitico Harvey Keitel.     

Ufficio Stampa / Far East Film Festival 26

Gianmatteo Pellizzari & Ippolita Nigris Cosattini

+39 0432 299545

feff@cecudine.orgstampafareastfilm@gmail.com

Tutta la quinta giornata minuto per minuto!

Ore 08.45

WONDER FAMILY

Regia di Song Yang

(Cina, 2023)

Classica comicità demenziale cinese! Zheng Qian si era allontanato dalla famiglia ma torna al paesello per la morte del nonno. Cade una meteora… e tutti i familiari (tranne Qian) acquistano superpoteri! Il nonno risuscita e diventa immortale, il padre ubriacone può diventare invisibile, la sorella maggiore vola, la figlia adottiva ottiene il dono della superforza. Ambientato in Russia, presenta uno strepitoso Shen Teng nel ruolo del villain.

Ore 10.45

FEFF TALKS

Tre gli incontri di approfondimento: il primo sul cinema indonesiano, il secondo sul nuovo cinema giapponese e il terzo sul tema del box office asiatico.

Ore 10.45

CONFETTI

Regia di Fujita Naoya

(Giappone, 2024)

È nel mondo del teatro taishū engeki, mix di melodramma in stile kabuki e coreografie J-pop, che Yuki sta vivendo il terremoto adolescenziale. Perché Yuki è alle medie e per via delle tournée delle compagnia del padre cambia spesso scuola. Convinto che gli basti il palco, non crede di avere bisogno di amici ma l’incontro con i coetanei Ken e Maya farà vacillare la sua determinazione. E scoprirà che la vita va vissuta sia dentro che fuori dalle scene.

Ore 14.00 – Visionario

THREE SEASONS

Regia di Tony Bui

(Vietnam, 1999/4K restoration 2024)

Ore 14.30

MIMANG

Regia di Kim Tae-yang

(Corea del Sud, 2023)

La parola “mimang” ha diverse definizioni, tutte legate alla memoria, al desiderio. In una Seoul mai così seducente, un uomo e una donna si incontrano casualmente. Vagabondando per la città chiacchierando in attesa di un’imminente partenza. Si ritroveranno nel corso degli anni, sempre in modo fugace, senza potere dirsi tutto. Richard Linklater incontra Hong Sang-soo a Seul ma Mimang è qualcosa di diverso, qualcosa di sfuggevole come il significato del titolo.

Ore 16.05 – Visionario

ENTER THE CLONES OF BRUCE

Regia di David Gregory

(Usa, 2023)

Ore 16.15

THE MIDSUMMER’S VOICE

Regia di Zhang Yudi

(Cina, 2024)

L’opera cinese sta passando di moda? The Midsummer’s Voice ne presenta un’immagine inconsueta, contemporanea e dinamica! Il giovanissimo Xiaolei non è diverso dai suoi coetanei, oltre all’opera ama anche la techno, ma si trova presto a fare i conti con il primissimo segno dell’adolescenza: il suo falsetto inizia a scomparire piano piano, la sua voce inizia a cambiare, e prima di capire come affrontare nuovamente il canto… dovrà capire come affrontare la propria sessualità. Un racconto di formazione davvero unico!

Ore 17.45

BAMBÙ TALKS

Giulia Pompili e Francesco Radicioni approfondiranno il tema Essere queer in Asia orientale. Diritti e libertà con l’artista Gin Gin Mezzanotte e Marta Fanasca (in collegamento da Tokyo), ricercatrice all’Università di Bologna su questioni di genere in Giappone.

Ore 19.00 – Concerto

GIFT

Una geniale polistrumentista giapponese capace di spaziare dal dream pop all’ambient jazz: stiamo parlando, ovviamente, di Eiko Ishibashi, che porterà sul palco del Teatro Nuovo l’attesissimo concerto-evento GIFT. Uno splendido progetto di musica e immagini da cui ha preso vita il film di Hamaguchi Ryusuke “Evil Does Not Exist” (Leone d’Argento a Venezia nel 2023).

Ore 20.30

THE MOVIE EMPEROR

Regia di Ning Hao

(Cina, 2023)

Un affascinante e ironico cortocircuito tra l’interprete (Andy Lau) e il personaggio. L’attore protagonista del film si chiama Dany Lau… ma potrebbe anche chiamarsi direttamente Andy Lau. Arrivato a uno stadio critico della carriera, diventa ossessionato dal timore di perdere la bellezza fisica, il carisma, i ruoli. Ma soprattutto si chiede se sia possibile per una persona che ha vissuto una vita larger than life diventare una persona normale.

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE