• Mar. Giu 18th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

Jesolo Sand Nativity, distribuiti i fondi della solidarietà

DiRedazione

Mar 21, 2023

Questa mattina la consegna degli assegni ai progetti benefici. Da Kiev il messaggio del vescovo Yazlovetskiy: “La vostra generosità mi ha toccato”


L’amministrazione comunale ha ripartito oggi, nel corso di una cerimonia ufficiale ospitata nella sala consiliare, i fondi raccolti attraverso lo Jesolo Sand Nativity. Le donazioni derivanti dalle offerte ammontano a 50.773,51 euro e quelle dalla vendita del merchandise ufficiale a 46.814,74 euro, per un totale di 97.588,25 euro, cifra che segna un record. In venti edizioni, lo Jesolo Sand Nativity ha raccolto oltre 900 mila euro di donazioni riuscendo a sostenere progetti in più di 35 Paesi del mondo. I contributi dell’edizione 2023, intitolata “Sculture di Pace”, sosterranno 5 progetti e 5 associazioni. Tra i beneficiari vi è anche la comunità ucraina colpita dal conflitto bellico e per la quale ha inviato un messaggio di ringraziamento il vescovo di Kiev, monsignor Oleksandr Yazlovetskiy, che l’8 dicembre inaugurò il presepe di sabbia insieme all’amministrazione e al patriarca di Venezia, monsignor Francesco Moraglia.

Il progetto realizzato a Kiev prevede la sistemazione di due edifici a due piani per ospitare famiglie che sono rimaste prive dell’abitazione a causa della guerra. Jesolo sosterrà il progetto con 30.000 euro. Dalla capitale ucraina è giunto un messaggio di ringraziamento da parte del vescovo Yazlovetskiy:

“Carissimi tutti, ringrazio di cuore il signor sindaco, Christofer De Zotti, e tutta la comunità di Jesolo, per l’accoglienza ricevuta durante la mia visita a dicembre scorso in occasione dell’apertura del Sand Nativity. Ringrazio anche tutti i rappresentanti delle diverse autorità che hanno partecipato e condito il successo di questa iniziativa. La somma di 30.000 euro sarà usata per aiutare i profughi senza tetto in Ucraina, qui nella diocesi di Kiev. La vostra solidarietà e generosità mi ha veramente commosso e toccato da vicino, come pure il sostegno e la continua vicinanza di tutto il popolo italiano sin dall’inizio della guerra. Siete tutti strumenti utili nelle mani del Signore. Vorrei ringraziare anche Giampaolo Rossi, presidente dell’associazione Giovanni Marcato, che è stato e continua ancora a essere di grande aiuto e sostegno in questa bella iniziativa. Affido al vostro ricordo e preghiere l’Ucraina, che continua a soffrire. Vi prego di continuare a pregare per noi: Vi invio la mia gratitudine e la benedizione”

Le altre iniziative

No indifference onlus: sostegno alla realizzazione di un rifugio nel distretto di Barraquilla, in Colombia, per bambini dai 4 ai 15 anni vittime di violenze e maltrattamenti. L’attuale edificio ospita 140 bambini provenienti per lo più dal Venezuela. Il 19 aprile 2022 è stato reso accessibile e operativo il primo piano con locale mensa, spazio multiplo, servizi, una piccola cappella, una cucina, un locale per attività manuali e servizi igienici. Con il contributo si intende dare avvio alla costruzione del secondo piano dove troveranno spazio aule e dormitori per i bambini. Donazione: 15.000 euro.

Gruppo missionario Bedanda onlus: l’associazione Bedanda onlus opera da molti anni a sostegno delle popolazioni in Guinea Bissau e Sierra Leone. Il progetto in questione prevede l’acquisto di un generatore da 13 KWA che fornisca elettricità a scuole, ospedale regionale e altre strutture della città di Bafatà, la seconda più grande della Guinea Bissau. Il contributo sarà inoltre utilizzato per l’acquisto di un’imbarcazione al fine di agevolare il trasporto da mare a terra delle merci sdoganate per la Sierra Leone. Donazione: 15.000 euro.

Parrocchia San Giovanni Battista: costruzione di 4 aule nella scuola parrocchiale “Tumaini Academy” della missione veneziana di Ol Moran, in Kenya. L’attuale complesso scolastico conta la presenza di 305 alunni suddivisi in 8 aule in muratura per le classi primarie, altre 8 aule ma in strutture semipermanenti per l’infanzia e le attività integrative. Il contributo servirà ad ampliare la struttura con aule per le classi secondarie. Donazione: 15.000 euro.

Associazione medica Madre Teresa onlus: il progetto prevede la costruzione di uno stabile con una sala adibita ad aula per attività di sostegno alle donne e l’ideazione degli arredi scolastici nel villaggio di Nzile, nella Repubblica Centrafricana. Questo è uno dei paesi più sottosviluppati al mondo ed è spesso vittima di crisi socio-politiche che mettono a dura prova soprattutto le donne, spesso emarginate ed escluse dal sistema scolastico e sociale. Donazione: 7.588,25 euro.

Istituto Oncologico Veneto: lo IOV è impegnato nella prevenzione, diagnosi e cura dei tumori, perseguendo in questi campi l’eccellenza attraverso lo sviluppo della ricerca oncologica di base. Tutti i progetti di ricerca sono molto onerosi, per questo l’istituto si avvale di fonti di cofinanziamento che concorrono al costo complessivo dei protocolli di ricerca. Donazione: 5.000 euro.

Associazione Volontari Ospedalieri (AVO): sostegno al progetto “L’’armadio dei pigiami”, lanciato dall’associazione. Si tratta di una sorta di kit monouso per i malati indigenti con oggetti di prima necessità come spazzolino da denti, dentifricio, biancheria intima, asciugamano, t-shirt, calze, ciabatte, pigiama/tuta da utilizzare nel periodo di degenza ospedaliera. Donazione: 3.000 euro.

Gruppo volontario Donna 2000 Forza Rosa: sostegno al progetto “Orizzonti benessere” nel contesto del quale l’associazione realizza diverse iniziative di promozione e prevenzione del tumore al seno. Donazione: 3.000 euro.

LILT: sostegno al progetto “Pulmino amico”, servizio di trasporto gratuito rivolto ai pazienti oncologici che si devono recare nelle diverse strutture ospedaliere per eseguire visite o terapie. Il servizio è svolto dalla sezione locale dell’associazione, servendo i territori di Jesolo, Eraclea e Cavallino Treporti. Impegna 10 volontari che si turnano per il trasporto dei pazienti su 4 mezzi in dotazione. Donazione: 3.000 euro.

Telethon: dal 2010 la città di Jesolo sostiene la ricerca sulle malattie genetiche rare, e la fondazione Telethon si occupa da circa 30 anni di sostenere la ricerca in tale ambito. Donazione: 1.000 euro.


Il commento

“Questa edizione dello Jesolo Sand Nativity è stata straordinaria, sotto tutti i punti di vista. Oltre al record di presenza, con 140.000 visitatori, siamo riusciti a raccogliere quasi 100.000 euro attraverso le donazioni e l’acquisto di merchandise – dichiarano il sindaco della Città di Jesolo, Christofer De Zotti, e l’assessore al turismo, Alberto Maschio -. L’intera somma raccolta sosterrà 10 iniziative selezionate dall’amministrazione comunale, a partire dal progetto simbolo che si lega al tema della pace, ovvero quello in favore della popolazione Ucraina colpita dalla guerra. Grazie, quindi, a tutti coloro che hanno visitato il nostro presepe di sabbia e sostenuto queste iniziative, segnando così un connubio fra turismo e beneficenza”.

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE