• Gio. Mag 30th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

MUSICAINSIEME, il sassofonista ELIA SORCHIOTTI è il vincitore del Premio Musicainsieme Pordenone

DiRedazione

Feb 23, 2023

DOMENICA 26 FEBBRAIO SI ESIBIRA’ IN DUO CON IL PIANISTA TOME KOSTOVSKI

Terzo appuntamento di MusicaInsieme 2023, il cartellone musicale promosso dal Centro Iniziative Culturali Pordenone a cura dei Maestri Franco Calabretto ed Eddi De Nadai, per il coordinamento della Presidente Maria Francesca Vassallo.

Appuntamento domenica 26 febbraio nell’Auditorium della Casa dello Studente Antonio Zanussi Pordenone alle 11, con la Lezione Concerto del vincitore del Premio Musicainsieme Pordenone 2022: il giovane sassofonista Elia Sorchiotti, che si esibirà in Duo con il pianista Tome Kostovski. L‘ingresso è aperto gratuitamente al pubblico, info e dettagli sul sito musicapordenone.it gradita prenotazione inviando mail a cicp@centroculturapordenone.it.

Dopo la prolusione, spazio al concerto che prevede le Tre Romanze op.94 di Robert Schumann (originali per oboe e pianoforte, qui nella trascrizione per sax soprano e pianoforte) e la Sonata (2012) di David Maslanka per sax soprano e pianoforte.

Il Premio Musicainsieme Pordenone nasce da un lascito della famiglia Pellarin e dalla collaborazione tra Fondazione Banca di Credito Cooperativo di Pordenone e Monsile e Centro Iniziative Culturali Pordenone. Il Premio viene attribuito alla migliore tesi di laurea, ovvero diploma accademico di I e/o II livello, avente argomento musicale, purché correlato ad una esecuzione musicale, discusse nei Conservatori e nelle Università di musica italiani e stranieri. 

La Commissione – formata dai due direttori artistici di Musicainsieme Franco Calabretto e Eddi De Nadai e dal rappresentate designato dalla famiglia ispiratrice del premio, Paolo Pellarin – ha valutato le tesi pervenute nel 2022 e ha deciso all’unanimità di premiare “Insania Artem” di Elia Sorchiotti “per l’assoluta originalità del tema trattato – recitano le motivazioni – per la straordinaria complessità del brano proposto, vera summa virtuosistica della tecnica esecutiva del saxofono, che renderà altamente spettacolare l’esecuzione dal vivo. Il duo che lavora insieme dal alcuni anni garantisce la qualità della performance”. 

In che modo la follia può dare impulso alla creatività? Come si può capire lo stato mentale di un compositore tramite le sue opere? Uno dei casi più emblematici è quello di David Maslanka, compositore di origini polacche, nato in America, in Massachusetts nel 1943, che vanta la produzione di un centinaio di composizioni, dalle sinfonie ai quartetti d’archi, dalle sonate ai concerti, il tutto sempre caratterizzato da un clima mistico, aureo e vagamente romantico; una delle sue perle compositive e rappresentative dalla sua patologia è la sonata per saxofono e pianoforte.

La tesi mette poi in confronto Maslanka e Schumann, compositore che morì in un ospedale psichiatrico nel 1856 dopo una vita travagliata e lacerata da personalità multiple che lo portarono a diversi tentativi di suicidio, ad un’esistenza sofferta e raccontata attraverso le sue composizioni.”

ELIA SORCHIOTTI entra in conservatorio sotto la guida del M° Massimiliano Donninelli; durante il percorso di studi prende parte a varie masterclass di sassofono con i Maestri Marco Albonetti e Miha Rogina; presso la scuola di musica AGM ha frequentato l’annuale corso di perfezionamento tenuto dal M° Mario Marzi e presso l’accademia italiana del sassofono ha frequentato i corsi del M° Federico Mondelci e del M° Nikita Zimin.

Ha partecipato e vinto numerosi concorsi nazionali ed internazionali sia come solista che in formazioni cameristiche tra i quali il 7° Con- corso musicale Città di Palmanova, il Concorso Internazionale di musica Città Murata (ed. 2016 e 2021), la 1° edizione del Concorso Roberto Di Cecco, il XXXIV Concorso Musicale Città di Treviso, Lilian Caraian e molti altri.

È inoltre risultato idoneo alle selezioni del 2017 per l’Orchestra Nazionale dei Conservatori Italiani ed ha partecipato a 2 edizioni del Premio Nazionale delle Arti.

Nel 2018 ha partecipato al programma Erasmus frequentando il conservatorio artico di Tromso sotto la guida del M° Lars Eriksen. Con il quartetto di sassofoni Meme quartet ha registrando un concerto per la rete televisiva TV7 e si è esibito in vari contesti tra i quali il tea- tro Piccola Fenice di Trieste, presso il castello di Miramare, in occasione del G20.

Nel 2019 si diploma con il massimo dei voti e Lode al biennio specialistico ad indirizzo interpretativo in sassofono presso il Conservatorio Tartini e nel 2022 completa anche il master in musica da camera presso lo stesso conservato- rio sempre con la Lode.

TOME KOSTOVSKI è nato il 30 dicembre 1997 a Bitola, in Macedonia. Ha iniziato gli studi musicali all’età di 7 anni con la prof.ssa Marija Samoska, è stato ammesso al Conservatorio Tartini di Trieste, dove frequenta il terzo anno del Bachelor nella classe della prof.ssa Teresa Trevisan.

Sin dagli esordi, ha dimostrato di essere un musicista molto promettente. Ha partecipato alle serate Chopin, proposte annualmente a novembre dall’Ambasciata polacca e dall’Associazione polacca di Bitola. Si é esibito inoltre ai concerti organizzati a Skopje per i 200 anni dalla nascita di Chopin e Liszt.

Ha anche partecipato, quale studente nella classe della prof.ssa Ana Gatseva, ai concerti benefici del Lions Club Bitola. Nel novembre 2013 ha tenuto un concerto da solista al 22^ Festival di musica classica Interfest, a Bitola. Nel 2013, 2016 e 2017 si è esibito con successo con la Skopje Philharmonic Orchestra. A ottobre 2019 è stato invitato a tenere un recital al festival internazionale Interfest di Bitola, quale vincitore del Concorso Pianistico Internazionale Interfest.

In copertina : Elia Sorchiotti con Tome Kostovski

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE