• Ven. Ago 19th, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

Si riparte: destinazione Islanda, un Thru-hiking attraverso il famigerato Sprengisandsleið l’altopiano desertico centrale

DiLuigi Ferraro

Giu 28, 2022

Ebbene ci risiamo… dopo due anni di fermo forzato, eccomi nuovamente in viaggio. Sono in partenza  per il mio prossimo  thru-hiking, in attesa all’aeroporto per  un’altra avventura!  Ho programmato  di attraversare l’altopiano centrale Islandese  da nord/ovest a sud/est  partendo da Akureyri fino a  Skogar, villaggio sulla costa a sud.

Dopo i primi kilometri, una volta raggiunto il famigerato altaltopiano Sprengisandsleið, che attraversa gli  Halendið, nient’altro che una landa desolata desertica di origine vulcanica in un paesaggio a tratti quasi lunare di un grigio scuro attraversato da molteplici fiumi da guadare generati dai ghiacciai circostanti. In mezzo a un nulla selvaggio e incontaminato, nessun servizio, nessun riparo ad esclusione degli ultimi  km quando mi ricongiungerò al Landmannalaugar. 

Lungo il mio andare troverò pochi punti di riferimento non fosse per i ghiacciai (Hofsjokull, Eyjafjallajokull e Myrdaljokull) che spiccano di bianco sulla cartina prevalentemente colorata di grigio cenere.

Un trekking di 360 km che cercherò di concludere in 15 giorni meteo permettendo, in quanto in questi luoghi è facile ritrovarsi  da una giornata di sole  a una tormenta di pioggia,  vento o neve, anche d’estate, che ti possono bloccare per giorni incidendo così anche sulla portata dei fiumi e sulla pericolosità dei guadi che diventano difficili da individuare.

Il percorso l’ho disegnato partendo da Akureyri (che raggiunerò in aereo da Reykjavik) dirigendomi poi verso il fiume Eyjafjardara fino a  salire  la catena montuosa degli  Halendið che porta all’altopiano Sprengisandsleið, i cui colori marrone/grigio mi accompagneranno per ben  280 kilometri.

Connessione permettendo cercherò di tenervi aggiornati sul mio andare tramite social.

Rispondi