• Sab. Apr 20th, 2024

Voce del NordEst

online 24/7

CortinAteatro, un augurio di pace per il 2024 con il concerto “The Armed Man” – A Cortina d’Ampezzo il 4 gennaio

DiRedazione

Dic 30, 2023

CORTINATEATRO, UN AUGURIO DI PACE PER IL 2024 CON IL CONCERTO “THE ARMED MAN. A MASS FOR PEACE”

Giovedì 4 gennaio, nella Chiesa della Madonna della Difesa alle 20.45, la rassegna musicale e teatrale di Cortina d’Ampezzo saluta il nuovo anno con il celebre concerto composto nel 2000 da Karl Jenkins e diventato un inno contro tutte le guerre

Il cartellone di CortinAteatro, la stagione concertistica e teatrale promossa e sostenuta dal Comune di Cortina d’Ampezzo, ideata e coordinata dall’associazione Musincantus, celebra l’inizio dell’anno in musica con un augurio di pace: giovedì 4 gennaio, nella Chiesa della Madonna della Difesa alle 20.45, si potrà assistere a “The Armed Man. A Mass for Peace” di Karl Jenkins, concerto per coro e orchestra che vedrà protagonisti Simonetta Zanchettin (voce narrante), Annagiulia Bonizzato (soprano), Michela Sordon (contralto) e Claudio Sonego (tenore) insieme all’Orchestra Accademia Musicale Naonis e all’Insieme Vocale Città di Conegliano con il maestro del coro Laura Fabbro, con la direzione di Alberto Pollesel. 

“The Armed Man: A Mass For Peace” è una composizione per solisti, coro e orchestra scritta nel 2000 dal compositore gallese Karl Jenkins e prima esecuzione si è tenuta nell’aprile dello stesso anno alla Royal Albert Hall di Londra. La messa deve il titolo all’omonima e nota chanson medioevale, “L’homme armé”, il cui tema era divenuto molto popolare già nel XIV sec., tanto che in poco più di un secolo erano state composte più di trenta messe che utilizzavano in qualche modo questa melodia. L’opera, commissionata dal Royal Armouries Museum per le celebrazioni del Millennio (2000), in occasione del trasferimento del museo da Londra a Leeds, è stata dedicata alle vittime della guerra in Kosovo e, divenuta in seguito un inno universale per la pace, è stata rappresentata quasi un migliaio di volte in tutto il mondo.

Nell’opera i testi, di grande valenza simbolica e letteraria, si susseguono secondo un preciso schema narrativo; utilizzando per contrasto il modello del “Proprio” e dell’”Ordinario” liturgico, si evoca la guerra nelle sue fasi: la chiamata alle armi, la carica, il culmine della battaglia, il suo triste epilogo, ma anche la rinascita, la speranza nel cambiamento, il desiderio di una nuova era. Dal Trecento ai giorni nostri, la parola cantata guida l’ascoltatore in un percorso ideale dalla guerra alla pace: la chanson, la chiamata del muezzin, i testi immortali dei Salmi, l’antichissimo poema indiano “Mahabharata”, i testi liturgici, l’incitamento devastante dei versi di Kipling, le meditazioni dolenti sulla catastrofe di Hiroshima scritte da Togi Sankichi (poeta-simbolo morto proprio in seguito alle radiazioni nucleari), il desiderio di pace di Thomas Malory e Alfred Tennyson, per finire con le confortanti parole del Libro delle Rivelazioni.
Dodici brani, dodici testi, dodici riflessioni su un tema sempre attuale, mai come oggi. Musiche coinvolgenti, che si ispirano ad antiche forme con nuove sensibilità: l’ascoltatore sarà guidato in un percorso musicale dalla guerra alla speranza di pace.

A Cortina d’Ampezzo le voci soliste saranno accompagnate dall’Orchestra Accademia Musicale Naonis, fondata a Pordenone nel 1998, composta da artisti di alta professionalità che testimoniano il costante impegno nel proporre virtuose contaminazioni fra la produzione musicale classica, le musiche del mondo e le nuove tendenze compositive e diretta da Alberto Pollesel dal 1992, e dall’Insieme Vocale Città di Conegliano. L’Insieme Vocale Città di Conegliano, nato nel 1984 per iniziativa del maestro Luciano Borin all’interno dell’Associazione dell’Istituto Musicale “Arnaldo Benvenuti” di Conegliano, è composto da circa 40 coristi: è diretto dal maestro Laura Fabbro, che dal 2004 ha assunto la guida del coro.

 Appuntamenti successivi. A febbraio gli appuntamenti saranno due: venerdì 9 febbraio alle 18.45 alla Basilica minore dei Santi Filippo e Giacomo con “Sospiri quaresimali”, un programma sacro dedicato alle più celebri pagine per voce ed organo da Mozart a Mascagni che vedrà protagonisti il celebre organo della basilica suonato dal suo organista Loris Serafini e la morbida voce del soprano Monica McKay, e giovedì 29 febbraio alle 20.45 all’Alexander Girardi Hall arriverà per la prima volta a Cortina d’Ampezzo il musical, con il celebre “Saranno famosi”, tratto dall’iconica ed indimenticabile serie tv degli anni Ottanta: si tratta di uno spettacolo ideato da David De Silva su libretto José Fernandez, con liriche di Jacques Lévy e musica di Steve Margoshes, tradotto e riadattato da Luciano Cannito, con 22 interpreti tra danzatori, cantanti, attori.

CortinAteatro è sostenuto dal main partner Prosecco Doc, dal location partner Audi e dagli sponsor CortinaBanca e La Cooperativa di Cortina.

Biglietti e abbonamenti: Infopoint di Cortina d’Ampezzo, Cooperativa di Cortina (reparto cartoleria), vivaticket.com

Info: cortinateatro.it e canali social

Di Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Radio
WP Radio
OFFLINE LIVE