• 1 Ottobre 2020 07:42

Notizie dal Nord Est ONLINE 24 ore su 24

Campionato under 15 élite FVG : La pro Fagagna ci prova ma l’Aquileia è più forte

DiAlPontelli

Gen 12, 2020

Campionato under 15 elite

La Pro Fagagna ci prova ma l’Aquileia è più forte

Pro Fagagna-Aquileia 0-4

Sconfitta casalinga per i collinari. Dopo la sosta natalizia riparte il campionato under 15 élite e la prima gara del girone di ritorno mette di fronte la compagine rossonera dei ragazzi di Fagagna, reduci dalla pesante vittoria in trasferta in quel di San Giovanni Trieste e la compagine dell’Aquileia, forte formazione che lotta per un posto nei playoff e che può vantare tra le proprie fila il capocannoniere del torneo.

L’inizio è di studio e i primi minuti, nonostante si possa notare un leggero possesso di palla dei bianchi di Aquileia, i rossoneri sembrano poter controllare la gara e anzi sfiorano con una buona percussione di Burelli il vantaggio. L’illusione però dura poco e infatti al 7″ il bomber Bocalon infila una non impeccabile difesa e trova il vantaggio.

Il gol potrebbe demoralizzare i fagagnesi che invece si gettano coraggiosamente in avanti alla ricerca immediata del pareggio,che non arriva per questione di centimetri. Purtroppo in questa categoria ogni occasione la devi sfruttare al meglio perché gli avversari sono sempre molto tecnici e fisici e non ti perdonano. Infatti una disattenzione della difesa, oggi non impeccabile come in altre occasioni, causa il calcio di rigore che potrebbe portare gli avversari sul 2-0 e mettere una seria ipoteca sulla vittoria finale. Polvar non sbaglia infatti e Pitussi è battuto per la seconda volta. Stavolta la Pro Fagagna accusa il colpo e il centrocampo non riesce a innescare efficacemente le punte anche se il rientrante DiBiaggio, assente per un intervento al menisco dall’inizio del campionato, si muove bene e fa salire la squadra, che però non riesce mai ad essere veramente pericolosa nonostante l’impegno non manchi.

L’Aquileia è una formazione sia tecnica che fisica e i ragazzi di Fagagna riescono a tenere testa ai più quotati avversari solo fino ad un certo punto, infatti il controllo del gioco è spesso in mano ai bianchi che giocano ora molto sulle ripartenze, forti del doppio vantaggio.

Sulle fasce oggi Munaretto e soci non riescono quasi mai a sfondare viste le qualità tecniche degli avversari e comunque, come dicevamo prima, a questi livelli le occasioni le devi sfruttare al meglio perché la qualità degli avversari non te ne concede più di 3-4 a gara. E puntuale in una azione in contropiede ecco che un intervento difensivo causa il secondo calcio di rigore (parso a molti un po dubbio…) che di fatto chiude definitivamente la gara. Marino sigla il gol del 3-0 e il primo tempo si chiude poco dopo su questo risultato.

La ripresa inizia in modo meno veloce e con meno agonismo rispetto alla prima frazione a causa probabilmente del pesante divario in campo. L’Aquileia controlla mentre Banaj e soci cercano di scardinare l’attenta difesa avversaria che però non si scompone e riesce sempre a chiudere efficacemente. Iniziano i soliti cambi e i due mister fanno entrare uno alla volta i giocatori della panchina. Prima vengono sostituiti i due portieri poi via via tutti gli altri. Ormai la gara, almeno per quanto concerne il risultato, non ha più nulla da chiedere, infatti gli schemi ormai sono completamente saltati e si gioca su continui cambi di campo. In una sortita dell’Aquileia però Munaretto nel tentativo di chiudere su un avversario si fa male e sul proseguimento dell’azione con i rossoneri rimasti in dieci l’Aquileia trova il gol del 4-0 col loro capocannoniere Bocalon.

Un risultato comunque troppo pesante per i ragazzi di Fagagna che avrebbero meritato almeno un gol e non avrebbero meritato, per quanto visto in campo, un passivo cosi pesante. La partita si trascina fino alla fine con questo risultato e sancisce la vittoria comunque meritata della compagine della bassa friulana che si mantiene stabilmente in zona playoff. La sconfitta non deve però abbattere i fagagnesi che se la possono giocare con almeno 5-6 avversari e che già domenica prossima possono dire la loro in trasferta contro la Sanvitese, formazione di livello ma tutto sommato alla portata.

Muovere la classifica domenica prossima sarebbe già un ottimo inizio del girone di ritorno che con il rientro della punta DiBiaggio e la consapevolezza di non essere comunque la cenerentola del campionato possono far risalire la squadra in classifica.

PRO FAGAGNA : PITUSSI, MUNARETTO, CRESSA, GASPARINI, ZANOR, GIUSEPPINI, LIESSI, BANAJ, DI BIAGGIO, MOSSENTA, BURELLI – GIOVANATTO, BRUNO, CINELLO, PONTELLI, PERABò, PISCHIUTTA, GAROFOLO, PERULLI

AQUILEIA : MENON, DI PALO, DISSABO, RIDOLFI, TIBERIO, SANSON, BOCCALON, PERESSIN, MARINO, POLVAR, D’AURIA – BREGANT, CALABRò, DRAGAS, BATTISTUTTA, GHASI

RISULTATI :

ANCONA-MARTIGNACCO 1-0

CJARLINS/MUZANE-TORRE 0-0

FONTANAFREDDA-TRIESTE 5-3

MANZANESE-SANVITESE 2-0

PRO FAGAGNA-AQUILEIA 0-4

SAN GIOVANNI-DONATELLO 0-4

CLASSIFICA: ANCONA 31 MANZANESE 28 DONATELLO 27 AQUILEIA 24 FONTANAFREDDA 21 SANVITESE 19 TORRE 18 CJARLINS/MUZANE 12 TRIESTE 12 PRO FAGAGNA 8 SAN GIOVANNI 4 MARTIGNACCO 0

Rispondi