• Mer. Set 28th, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

PRESENTAZIONE STAGIONE CONCERTISTICA E TEATRALE BARCO TEATRO (PADOVA)

DiRedazione

Gen 26, 2022

BARCO TEATRO STAGIONE TEATRALE E MUSICALE 2022

Musica classica con giovani talenti e commedia dell’arte gli ingredienti preferiti per la programmazione da gennaio a giugno

Dieci concerti di musica classica e otto spettacoli teatrali sono i tasselli del programma pensato per accompagnare il pubblico del Barco Teatro (via Orto Botanico) dal 28 gennaio al 12 giugno 2022. Barco Teatro, che nasce nel complesso di Villa Tron, tra Orto Botanico e Basilica del Santo, vuole consolidare i suoi obiettivi nonostante il momento complesso, proponendo musicisti scelti tra talenti emergenti e già affermati in ambito internazionale, e seguendo il filone teatrale con la commedia dell’arte, che caratterizzerà i titoli degli spettacoli.

Il contenitore culturale, fondato dall’Associazione musicale MoMùs – More Music sei anni fa, conferma per questa prima parte di stagione la doppia direzione artistica: Alessandro Tommasi, per la parte musicale con la rassegna LA SCATOLA SONORA e Bruno Lovadina per quella artistica e teatrale con DECLINAZIONI. Passato e presente a teatro.

“ll criterio scelto è stato in primo luogo l’invito ai migliori giovani artisti del panorama italiano e internazionale – spiega Alessandro Tommasi – Quasi tutti gli artisti della rassegna sono infatti tra i 20 e i 35 anni, ma tutti già impegnati in grandi carriere a livello nazionale e internazionale, formatisi nelle più prestigiose accademie, vincitori di concorsi e figure interessanti del panorama concertistico che in numerosi casi si esibiscono per la prima volta a Padova. Avremo con noi Eva Gevorgyan, ad appena 17 anni finalista del Concorso Chopin di Varsavia e vincitrice di grandissimi concorsi internazionali, che per la prima volta si esibisce a Padova. E per la prima volta in Italia avremo Ana Ferraz, un’importante flautista portoghese, già Primo flauto della Mahler Jugendorchester e diplomata alla Scuola Reina Sofia di Madrid e si esibirà con un docente della Scuola, Luis Arias. Poi arriverà Michele Marco Rossi, uno dei punti di riferimento del violoncello contemporaneo, mentre Andrea Mastroni arriva a Padova poco dopo il suo successo nel ruolo di “Sparafucile” nel Rigoletto del Metropolitan di New York. Solo per citarne alcuni.”

“In questo periodo così tormentato è necessario fare chiarezza di chi siamo e cosa vogliamo – sottolinea Bruno Lovadina – Alla domanda perché dovremmo andare a teatro, non daremo una sola risposta bensì offriremo tre buoni motivi. Il primo: la possibilità di incontrare a Padova quattro Maestri del teatro italiano nella veste di formatori e di poterli applaudire nella veste di attori. Il secondo: ritrovare il piacere di stare insieme agli altri, in una forma attiva per andare all’essenza della relazione, fatta di incontri e di vicinanza fisica. Il terzo: poter stare in un luogo fisico pensato per fare teatro. Concludiamo sottolineando la necessità di ristabilire delle relazioni umane autentiche. L’uomo è un essere sociale ed il teatro è uno degli spazi che meglio soddisfano questo bisogno. Con questo spirito abbiamo realizzato LA ROSA DEI MAESTRI: quattro appuntamenti con cui il teatro ritorna a creare relazioni con persone che magari non avresti mai conosciuto”.

Ad aprire la programmazione 2022, come tradizione del Barco, sarà una mostra d’arte, affidata in questa occasione al fotografo-architetto Giorgio Meneghetti, che venerdì 28 gennaio alle 18, presenterà “Esercizi di Composizione”, un’esposizione di fotografie in cui l’obiettivo è quello di riconoscere, evidenziare e riordinare elementi armonici della realtà urbana che ci circonda, normalmente celati ad uno sguardo superficiale dalla sovrabbondanza di segni contestuali, rendendone così meglio visibili dialoghi e rapporti.

MUSICA – “LA SCATOLA SONORA”

Quartetto Indaco

Domenica 30 gennaio (ore 18) sarà la musica, con i concerti di musica da camera introdotti da esperti musicologi e storici della musica, a dare il “la” ufficiale al nuovo anno di Barco Teatro. Il direttore artistico Alessandro Tommasi, giovane critico musicale sempre più affermato in ambito internazionale, ha invitato per questo primo concerto intitolato “Nino Rota, il progressivo”, il Quartetto Indaco, considerato tra i più interessanti quartetti d’archi italiani della sua generazione, con un programma particolarmente interessante con brani di Franz Joseph Haydn, Johannes Brahms e, naturalmente, Nino Rota. Ogni concerto della stagione sarà accompagnato dall’introduzione dello stesso Tommasi o, in alternanza, dello storico della musica Mauro Masiero e “anticipato” da una degustazione di caffetteria e pasticceria artigianale, un momento pensato per dare spazio alla condivisione e alla socialità. Ai concerti di febbraio saranno ospiti prima l’Ensemble di musica antica Mokkabarock (il 13), con il concerto “Le vie del caffè” e il “pianoforte romantico” di Costanza Principe (il 27). A marzo per il concerto “Canto dell’Inverno” (il 13) si esibiranno il basso Andrea Mastroni e il pianista Mattia Ometto e, a fine mese, il violoncellista Michele Marco Rossi (il 27). La primavera verrà accolta dalla rassegna musicale del Barco con il duo violoncello-pianoforte formato da Erica Piccotti e Leonardo Pierdomenico, ospite il 10 aprile con il concerto “Parigi ‘800”, mentre il 24 il protagonista sarà il clarinetto con Aron Chiesa sul palco con il pianista Antonino Fiumara. La rassegna ospiterà il duo flauto-pianoforte formato da Ana Ferraz e Luis Arias (8 maggio) con il concerto “Di ninfe e fiori”, il Trio Hegel con “Equilibrio classico” (22 maggio) e chiuderà infine con il concerto “Il vento dell’Est” della giovanissima pianista Eva Gevorgyan (12 giugno).

TEATRO – “DECLINAZIONI. PASSATO E PRESENTE A TEATRO”

Enrico Bonavera

Gli appuntamenti teatrali del sabato sera riprendono il 5 febbraio, confermando la formula apprezzata dal pubblico in questi anni, che propone la cena alle 19.30 seguita dallo spettacolo alle 21.30. Il direttore artistico Bruno Lovadina ha scelto di seguire il filone della commedia dell’arte per una parte della stagione, declinato nelle sue tante sfumature e raccontato attraverso i suoi interpreti contemporanei più apprezzati. Sabato 5febbraio Carlo Bonavera, lo storico Arlecchino del “Piccolo Teatro” di Milano, inaugura la stagione teatrale con “I segreti di Arlecchino”: lo spettacolo è inserito nella rassegna “La Rosa dei Maestri” che prevede la partecipazione di 4 grandi artisti della Commedia dell’Arte in altrettanti stage di teatro e spettacoli teatrali, che si terranno a Barco Teatro una volta al mese, da febbraio a maggio. Della stessa rassegna fanno parte il monologo di Eleonora Fuser Eleonora Fuser si racconta… ovvero le mie metamorfosi (5 marzo); Elena Serra (storica assistente di Marcel Marceau) con lo spettacolo di mimo “La parola del silenzio” (2 aprile); “I Tre Moschettieri” per la regia di Carlo Boso (14 maggio). Gli altri 4 spettacoli della stagione invece appartengono ad un teatro più “moderno”: il 12 febbraio con il “Don Giovanni” di Molière del Centro Teatrale Lorenzo da Ponte, che riporta in scena l’opera più importante del genio francese nel IV centenario della morte. La commedia dell’arte che trova una sua sfumatura più contemporanea, miscelata alla clownerie, è la proposta dello Stivalaccio Teatro con “Super Ginger!” (19 marzo) interpretato da Anna De Franceschi. La Compagnia dell’Inedito in collaborazione con la compagnia d’improvvisazione teatrale CambiScena, racconterà il Bardo e le sue opere con “L’inedito di William Shakespeare” (23 aprile). L’ultimo appuntamento (con doppia data il 6 e 7 maggio) sarà il monologo “Riverisco Madre” con Ester Alfonsi.

ORARI, COSTI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

 La prenotazione di spettacoli e concerti è obbligatoria a: biglietteria@barcoteatro.it / www.barcoteatro.it

Tutti gli spettacoli di teatro si svolgono il sabato sera e sono preceduti da una cena a tema, a menu fisso, che si svolge nello spazio della platea (e all’esterno nella bella stagione).

€ 40.00 (cena + spettacolo) – inizio ore 19.30

€ 15.00 (solo spettacolo) – inizio spettacolo ore 21.30

Tutti i concerti si tengono la domenica pomeriggio alle ore 18.00; apertura bar alle ore 17.00 per degustazioni di caffetteria e pasticcieria artigianale. Lo storico della Musica Mauro Masiero e il critico musicale Alessandro Tommasi si alterneranno sul palco, all’inizio di ogni concerto, per una breve introduzione dei repertori.

€ 15,00 (intero)

€ 7,00 (ridotto studenti)

Redazione

Direttore : Stefano SERAFINI Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi