• Lun. Feb 6th, 2023

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

Mattinata all’insegna della solidarietà per i bersaglieri sandonatesi – In 30 al centro trasfusionale per donare il sangue

DiRedazione

Giu 25, 2022

Oggi il nutrito gruppo composto da componenti della fanfara, della sezione e simpatizzanti si sono radunati al centro trasfusionale di San Donà per compiere un’azione importante: donare sangue e plasma.

Tra i presenti tanti erano i Bersaglieri già donatori, primo fra tutti il presidente della sezione Franco Filippi, con più di 160 donazioni all’attivo in 44 anni di tessera AVIS, e tanti anche i nuovi giovani che si sono iscritti.

«Donare sangue è un piccolo gesto che ci costa poca fatica, ma che può fare la differenza invece per chi di sangue ha bisogno. Sono orgoglioso della risposta che ha dato la sezione, e soprattutto dei tanti giovani che spontaneamente hanno aderito iscrivendosi anche all’AVIS».

«La proposta di organizzare una mattinata di donazione di sangue era arrivata proprio da una donatrice iscritta alla sezione Bersaglieri – spiega il bers. Sandro Montagner, che ha coordinato il gruppo –. Nella sezione ci sono già molti donatori, non abbiamo esitato quindi alla richiesta che ci è arrivata, proprio com’è nello spirito solidaristico che muove il Corpo dei Bersaglieri».

Un gesto salutato con entusiasmo anche dal direttore generale dell’Ulss4, Mauro Filippi, e dalla direttrice del servizio trasfusionale, Raffaella Berti, che hanno ringraziato la sezione per il gesto auspicando possa essere da stimolo per sensibilizzare e incoraggiare altri giovani o gruppi. Con la ripresa a pieno ritmo delle attività ospedaliere dato il venir meno dello stato d’emergenza della pandemia, infatti, sta crescendo sempre più la necessità di donare sangue.

«Ringrazio l’Associazione Nazionale Bersaglieri, sezione di San Donà di Piave, per il grande gesto di generosità espresso questa mattina nel centro trasfusionale ospedaliero – ha commentato il dg Mauro Filippi –. La richiesta di sangue è costante e ogni donatore è prezioso per la sanità pubblica. Ricordo, infatti, che il sangue non è sostituibile con alcun farmaco».

Redazione

Direttore : SERAFINI Stefano Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi