• Mar. Lug 5th, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

Un weekend tutto trevigiano per la 33a edizione del Festival Organistico Internazionale “Città di Treviso e della Marca trevigiana”

DiRedazione

Set 24, 2021

XXXIII FESTIVAL ORGANISTICO INTERNAZIONALE

CITTA’ DI TREVISO E DELLA MARCA TREVIGIANA”

Intenso fine settimana organistica a Treviso con il festival Internazionale Città di treviso

Un weekend tutto ‘trevigiano’ per la 33a edizione del Festival Organistico Internazionale “Città di Treviso e della Marca trevigiana”

Sabato 25 settembre, alle 20.45, all’ Organo Gaetano Callido della Chiesa Sant’Ambrogio di Fiera, Roberto Menichetti – studioso di musica antica, ha al suo attivo concerti nelle maggiori rassegne italiane e si è esibito come solista all’Organo e al Clavicembalo in Germania, Olanda, Svezia e Giappone, privilegiando esecuzioni su strumenti storici – proporrà un programma dedicato all’organo protagonista delle diverse espressioni musicali nel settecento. Il concerto vuole essere una sorta di excursus organistico attraverso le forme musicali che si trovano nel repertorio organistico settecentesco; il titolo dato, riferisce proprio questo: l’Organo che presenta nella sua letteratura specifica, le varie espressioni musicali.

Lo strumento di Gaetano Callido costruito nel 1779, utilizzato nel concerto, è di pura tradizione veneta; i suoi suoni e la timbrica prettamente italiana, stasera verranno valorizzati attraverso l’esecuzione di musiche non solo di autori italiani, ma anche di compositori d’oltralpe.

Domenica 26 settembre, alle 16.30, Roberto Loreggian eseguirà all’Organo Francesco Zanin 1998 in stile rinascimentaleun concerto dedicato a Girolamo Frescobaldi presentando in anteprima il disco dedicato alle opere manoscritte del grande compositore ferrarese, registrato lo scorso marzo anche sull’organo di Santa Caterina.

Il festival si completa, quest’anno, con due workshop, una nuova occasione – con partecipazione gratuita ma prenotazione obbligatoria – per appassionati e curiosi di approfondire argomenti legati alla professione degli organisti, nello straordinario spazio dell’auditorium di Santa Caterina con l’Organo in stile rinascimentale costruito da Francesco Zanin nel 1998 e donato alla città di Treviso da Fondazione Cassamarca per volontà dell’allora presidente Dino De Poli.

Sabato 25 settembre, dalle 9.00 alle 13.00, Felix Marangon parlerà sul tema “Per cantar et sonar con ogni sorta di strumento” in un confronto serrato tra l’organo ed il clavicembalo.

Domenica 26, sempre dalle 9.00 alle 13.00, Roberto Loreggian racconterà come, dallo studio dei manoscritti, si è arrivati alla registrazione delle composizioni di Frescobaldi, spiegando le tematiche musicologiche, tecnico esecutive per l’interpretazione e, quindi, delle problematiche legate alla registrazione del CD realizzato in collaborazione con il Comune di Treviso.

Roberto Menichetti

Il Festival coprodotto con Asolo Musica Veneto Musica è reso possibile dal fondamentale sostegno dei Comuni che ospitano i concerti della Regione Veneto e del Ministero della Cultura, con l’indispensabile contributo de Gruppo Pro Gest e di CentroMarca Banca e la preziosa disponibilità delle comunità parrocchiali coinvolte.

Tutti i concerti sono a ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili secondo la normativa antiCovid con obbligo della mascherina e del Green Pass.

Info: festorganisticotv@hotmail.it – www.festivalorganistico.com

Asolo Musica Veneto Musica – 0423 950150 – www.asolomusica.com – info@asolomusica.com

XXXIII FESTIVAL ORGANISTICO INTERNAZIONALE

CITTA’ DI TREVISO E DELLA MARCA TREVIGIANA

Sabato 25 settembre, ore 20.45

Treviso

Chiesa Sant’Ambrogio di Fiera

Organo Gaetano Callido

Roberto Menichetti

L’ORGANO, PROTAGONISTA DELLE DIVERSE ESPRESSIONI MUSICALI NEL SETTECENTO

Roberto Menichetti, nato a Pisa, si è diplomato al Conservatorio di Musica di Firenze, prima in Pianoforte e poi in Organo e Composizione Organistica, con il massimo dei voti. Intrapreso lo studio del Clavicembalo, si è diplomato a pieni voti nel 1992, presso il Conservatorio di Bologna. Nel 1991 si è trasferito ad Amsterdam, dove ha studiato Clavicembalo con Gustav Leonhardt, ottenendo il Diploma di concertista nel 1993 al Conservatorio “Sweelinck” della stessa città.

Si è sempre distinto in alcune delle più importanti competizioni internazionali, come il Concorso nazionale organistico di Milano (2° Premio ex-aequo, 1990), il Concorso Internazionale “Schnitger” di Alkmaar (finalista, 1991, Olanda), il Concorso Internazionale per Organo di Bruges (3° Premio, 1994, Belgio), e infine, nel 1995, ha vinto il 3° Premio (1° e 2° non assegnati) al Concorso Internazionale per Clavicembalo di Bruges, considerato uno dei palchi più ambiti e conosciuti per le competizioni relative alla musica antica.

Come docente, ha collaborato con la Scuola Comunale di Musica “Mabellini” di Pistoia, con il Conservatorio Statale di Musica di Campobasso finché, in seguito alla vincita del Concorso Nazionale a cattedre indetto dal Ministero della Pubblica Istruzione, è stato nominato in ruolo come docente di Organo e Composizione Organistica, insegnando al Conservatorio di Musica di Matera, al Conservatorio di Musica di Rovigo e attualmente, titolare di cattedra al Conservatorio Statale di Musica “G. Puccini” di La Spezia.

Si dedica allo studio della musica antica, privilegiando esecuzioni su strumenti storici. Ha al suo attivo concerti nelle maggiori rassegne italiane e si è esibito come solista all’Organo e al Clavicembalo in Germania, Olanda, Svezia e Giappone. In Giappone, ha tenuto concerti con musica strumentale di J.S.Bach, e Masterclass dedicate al Clavicembalo.

Per l’etichetta La Bottega Discantica di Milano, ha inciso un CD dedicato agli Organi storici della Toscana.

E’ Diacono permanente della Diocesi di Pisa.

Domenica 26 settembre, ore 16.30

Treviso

Chiesa di Santa Caterina

Organo Francesco Zanin 1998 in stile rinascimentale

Roberto Loreggian

GIROLAMO FRESCOBALDI

(1583 – 1643)

OPERE MANOSCRITTE PER TASTIERA

Roberto Loreggian

The excellent Loreggian brings an attractive improvisatory to his playing…’ (Gramophone)

Loreggian riesce a sorprenderci ogni volta per la virtuosistica perizia tecnica unita ad una straordinaria inventiva e fantasia espressiva’ (L’Arena)

Loreggian possède indéniablement le sense de la coloration, du contraste et de l’ornamentation’ (Diapason)

Dopo aver conseguito,col massimo dei voti, il diploma in organo e in clavicembalo, si è perfezionato presso il Conservatorio di L’Aja (NL) sotto la guida di Ton Koopman.

La sua attività lo ha portato ad esibirsi nelle sale più importanti: Parco della Musica – Roma, Sala Verdi – Milano, Hercules saal- Monaco (D) , Teatro Colon- Buenos Aires, Kioi Hall –Tokyo, Sala del conservatorio di Mosca…..per i più importanti festival: MITO, Sagra Malatestiana, Festival Pergolesi Spontini, Festival dei due mondi Spoleto, Accademia di Santa Cecilia, Serate Musicali Milano….. collaborando sia in veste di solista che di accompagnatore con numerosi solisti ed orchestre Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, Orchestra di Padova e del Veneto,

L’arte dell’arco, I Solisti Veneti, I Barocchisti, Modo Antiquo….

Ha registrato numerosi CD per case discografiche quali Chandos , Brilliant, Deutsche Harmonia Mundi, Erato, CPO, Glossa, Decca, Tactus, Arts….segnalati dalla critica internazionale.

Ha registrato l’integrale della musica di G.Frescobaldi per l’etichetta Brilliant vincendo con il I volume il ‘Premio Nazionale del Disco Classico 2009’ e per la stessa etichetta l’integrale della musica per tastiera di Andrea e Giovanni Gabrieli, B.Pasquini, l’integrale dei concerti per clavicembalo e archi di B.Galuppi ed alcuni cd per clavicembalo dedicati a Haendel e Telemann.

Le registrazioni dedicate alla musica per clavicembalo di B.Pasquini (Chandos-Chaconne) e di G.B.Ferrini (Tactus) sono stati segnalati dal ‘Preis der deutschen Schallplattenkritik’.

Insegna presso il Conservatorio ‘C.Pollini’ di Padova

Treviso

Chiesa di Santa Caterina

Organo Francesco Zanin 1998 in stile rinascimentale

WORKSHOP DIVULGATIVI

Partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria

(0423 950150 info@asolomusica.com)

Sabato 25 settembre

Dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Felix Marangon

PER CANTAR ET SONAR CON OGNI SORTA DI STRUMENTO

Domenica 26 settembre

Dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Workshop di Roberto Loreggian

DAL MANOSCRITTO AL CD

Tutti i concerti sono a ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili secondo la normativa antiCovid con obbligo della mascherina e Green Pass

Info per il pubblico: festorganisticotv@hotmail.it – www.festivalorganistico.com

Asolo Musica Veneto Musica – 0423 950150 – www.asolomusica.com – info@asolomusica.com

IL FESTIVAL ORGANISTICO INTERNAZIONALE

CITTA’ DI TREVISO E DELLA MARCA TREVIGIANA

Il 15 settembre del 1989, un recital dell’organista olandese Peter Westerbrink, dava inizio alla prima edizione del Festival Organistico Internazionale “Città di Treviso” (questa la prima denominazione), nato su iniziativa di alcuni appassionati in collaborazione con la Circoscrizione di Santa Bona del Comune di Treviso.

Con quella prima iniziativa, il Comitato promotore del Festival avviava la propria attività con l’ambizione di organizzare annualmente una rassegna di musica organistica, ma soprattutto di sensibilizzare Enti e privati al recupero dell’ingente patrimonio di strumenti meccanici storici di cui la città era particolarmente ricca, tanto da potersi ritenere unica al mondo.

Sono stati trent’anni intensi, a Treviso, durante i quali sono stati restaurati – con il fondamentale supporto di Fondazione Cassamarca – tutti gli organi storici della città (che da molti anni vanta la più alta densità nel mondo di preziosi strumenti perfettamente funzionanti), ma sono anche sorte altre iniziative per restauri e nuove costruzioni, nelle quali il Comitato Promotore del Festival è stato a vario titolo coinvolto. Strumenti che costituiscono un patrimonio immenso in tutta la provincia, che grazie all’eco internazionale dell’impresa continua a richiamare molti studenti e organisti provenienti da ogni parte del mondo desiderosi di conoscerli e provarli, che negli ultimi quindici anni ha creato un vero e proprio turismo organistico, anche grazie alla generosa disponibilità del direttore artistico Roberto Antonello e dei volontari del Comitato Promotore ad assisterli e ad accompagnarli durante la loro permanenza a Treviso.

Dopo trent’anni di attività, il Festival è nel pieno della sua maturità, e oltre ad aver realizzato centinaia di concerti, decine di iniziative didattiche e discografiche, si è anche fatto promotore, nel 1997, di un Comitato Europeo delle Città d’Organi Storici (ECHO) che, esattamente 20 anni fa – nel settembre del 1999 – ha assunto formalmente la denominazione Europae Civitates Historicorum Organorum (ECHO), che ha per molti anni avuto la propria sede a Treviso.

Il gemellaggio con le città ECHO (che attualmente sono Alkmaar-Olanda, Brussels-Belgio, Freiberg-Germania, Fribourg-Svizzera, Innsbruck-Austria, Mafra-Portogallo, Toulouse-Francia, Treviso-Italia e Trondheim-Norvegia) è – non solo per il Festival ma per tutta la Città di Treviso – un vera e propria finestra culturale spalancata sull’Europa: il suo spirito più autentico sta, infatti, nell’arricchire e favorire la promozione e lo scambio della cultura organistica specifica di ogni Paese e di cooperare nella promozione nel restauro di organi storici, nella coproduzione di importanti eventi musicali e nel favorire lo scambio di studenti, idee, pubblico. (www.echo-organs.org).

Inoltre, il Festival Organistico Internazionale “Città di Treviso e della Marca Trevigiana” è anche parte fondamentale del circuito regionale Cantantibus Organis (il progetto di valorizzazione degli organi meccanici realizzati tra il Settecento e il Novecento nelle province di Treviso, Belluno, Vicenza, Rovigo e Venezia), che coinvolge Enti e associazioni locali nella realizzazione di centinaia di concerti in tutto il Veneto, la cui gestione è affidata ad Asolo Musica Veneto Musica, vicina al Festival fin dalla sua fondazione.

Redazione

Direttore : Stefano SERAFINI Per ogni necessità potete scrivere a : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi