• Mar. Dic 6th, 2022

Voce del NordEst

Il web magazine online 24 ore su 24

NAPOLI vs UDINESE : 3-2 – Le pagelle di STERA

DiStera

Nov 12, 2022

LE PAGELLE DI STERA

NAPOLI vs UDINESE : 3 – 2

12/11/2022

SILVESTRI: 6,5
Oggi è la sua 50^ partita in maglia bianconera. Subire tre reti e salvarne altrettante non lo fa sfigurare al cospetto della capolista. Di fatto limita i danni!
C O N S I S T E N T E

PEREZ: 5
Spesso superato in velocità e fuori posto. Non riesce ad arginare le folate degli avversari.
M O L L E

BIJOL: 4,5
Si fa beffare da Osimhen non una ma una serie infinita di volte. Oggi ha di sicuro assistito ad una lezione che potrebbe essergli utile, pari a quella di imparare che non si parcheggia sulle strisce pedonali.
R I V E D I B I L E

EBOSSE: 5,5
Il meno peggio tra i peggiori in campo. Limita i danni mettendoci esperienza e fisico. Da quando lui è titolare però la squadra non è più la stessa.
D E C E N T E

ARSLAN: 5
Partita anonima. Nessuno spunto di rilievo. Passivo e scontato. Esce per Samardzic.
P L E O N A S T I C O

PEREYRA: 5
Sacrificato a sinistra paga una forma in calo e un nervosismo eccessivo, dovuto probabilmente anche al senso di impotenza che deve sopportare.
S C I A L B O

WALACE: 5
Non riesce a galleggiare nel centrocampo del Maradona, con una prestazione incolore e macchiata anche da alcune imprecisioni. Esce per Jajalo.
B O C C I A T O

LOVRIC: 5.5
Più in partita rispetto alle ultime prestazioni lo sloveno, molto attivo sulla sua zona di campo. Non riesce però ad imporsi come dovrebbe.
O R D I N A T O

EHIZIBUE: 5
Al 56^ ha un occasione che spreca malamente confermando per l’ennesima volta le mie perplessità sulle sue qualità. Pochi sunti e poca qualità.
S E C O N D A R I O

BETO: 5
Prova a far valere le sue lunghe leve con una serie di scatti che alla lunga risultano prevedibili e facilmente neutralizzabili. Esce per Nestorovski.
S C O N T A T O

DEULOFEU: 6
Fino al 22^ minuto si impegna a creare gioco per i suoi e creando qualche grattacapo agli avversari. Si infortuna da solo, uscendo dal campo in lacrime. Speriamo non sia nulla di grave. Al suo posto Success.
I E L L A T O


SUCCESS: 5
Rileva l’infortunato Deulofeu non riuscendo a fornire il solito congruo contributo all’azione friulana, ben controllato dagli avversari di turno.

SAMARDZIC: 6,5
Entra al posto di Arslan e si dimostra subito più utile alla manovra del compagno. Rimarchevole l’azione che lo porta al goal, costruita con classe e caparbietà.

JAJALO: 6
Subentra a Walace senza sfigurare.

NESTOROVSKI: 6
Quinto cambio per Beto. Il suo goal suona la sveglia alla squadra, purtroppo però quando era già molto tardi.

IL MISTER: 5
Per l’ultima partita del 2022 schiera la formazione potenzialmente migliore a disposizione (assenti per infortunio Masina, Udogie, Becao) e Samardzic però in panchina. Pereyra a sinistra con Ehizibue a destra. Si ritrova di fronte quel Luciano Spalletti che ha avuto come allenatore nell’Udinese europea di alcuni anni orsono. Costretto a cambiare l’assetto dei suoi per l’infortunio di Deulofeu mette in campo Success per una squadra più muscolare. Tatticamente annullato da Spalletti, che può vantare una rosa qualitativamente superiore, non riesce a trasmettere la grinta necessaria ai suoi uomini. La pausa servirà a capire meglio su chi fare reale affidamento e magari qualche cambio di assetto tattico? Invece di Jajalo e Nestorovski perché non provare Pafundi e Ebosele, ad esempio? La squadra sul finale di partita gli regala due reti insperate quanto inutili.
S U R C L A S S A T O

CITAZIONE SPECIALE DI OGGI
Sostanza : 4
I friulani mancano della grinta necessaria per fare la differenza, la qualità in fondo ci sarebbe. Se in campo andassero gli elementi giusti con uno schema che ne sfruttasse le caratteristiche, forse i risultati sarebbero diversi. Osare di più sarebbe apprezzato.


LA PARTITA:
Ultima partita del 2022, prima della sosta per il mondiale Qatariota. Partenopei che vogliono legittimare la loro superiorità in Italia, capiclassifica con un netto distacco sulle seconde e lanciatissimi in Europa (dieci vittorie di fila!). Friulani in crisi di risultati dopo una partenza sprint seguita da una lunga serie di pareggi e sconfitte (5 punti nelle ultime 6 partite di campionato oltre la sconfitta in Coppa Italia). Molti gli ex contro per i bianconeri, dal Mister Spalletti al portierone Meret al cervello di centrocampo Zielinski. Friulani che non battono i campani dal lontano 2016.

STATISTICHE:
La squadra che ha fatto più possesso palla in queste 14^ giornate di campionato (32’43” il Napoli) contro l’undicesima (26’55” per i friulani). Curioso il fatto di come la capolista sia tra le squadre che ha effettuato meno parate in partita (30) contro le 37 dei friulani. Vera macchina da goal la squadra partenopea, migliore in Serie A con già 34 goal a referto, contro i 22 dei friulani. Anche nei tiri totali la squadra di Spalletti è prima in classifica con 257 tiri contro i 192 dei bianconeri. Pali e traverse 8 a 7 per i napoletani.

SINTESI: Capolista con merito!
Stadio Armando Maradona gremito di supporters, tutto esaurito per la super stagione degli uomini di De Laurentis. Squadre in campo con le rispettive divise ufficiali. Napoli che fa la partita, friulani chiusi e pronti a ripartire, come al 3^ quando Beto ben innescato da Deulofeu si lancia verso la porta e conclude debolmente verso Meret. Bel lancio di Deulofeu per Beto al 6^ anticipato in uscita da Meret. Bella azione dei bianconeri con Ehizibue che mette per Deulofeu che di tacco impegna Meret bravo ad abbassarsi e respingere al 7^. Osimhen al 10^ di testa manda a lato. Al 14^ minuto cross di Elmas per Osimhen che si fa beffa di Bijol (davvero mal piazzato) e di testa colpisce a rete per il vantaggio biancoazzurro. Resta a terra Deulofeu al 21^, preoccupato per uno strano movimento della gamba. Esce dal campo piangente il catalano, al suo posto entra Success al 25^. Palla sprecata da Walace in attacco che innesca un contropiede fatale del Napoli. Osimhen che sfrutta l’ennesimo errore di Bijol (che non sa contrastare, lo dimostrano anche le reti subite) che manda Zielinski a colpire dal limite e superare Silvestri con una superba conclusione a giro al 31^. Resta a terra anche Pereyra, infortunatosi in un contrasto di gioco con Di Lorenzo. Gioco sospeso al 35^. Gioco che riparte e fallo di Pereyra su Di Lorenzo che costa al tucu la giusta ammonizione, fallo che sa di vendetta. Bijol, Perez ed Ebosse sono sovrastati dagli avversari, tutto un altro livello per gli avanti del Napoli che pare non voler infierire. Bravo Success a lanciare Beto al 44^, ancor più bravo Meret ad uscire sulla trequarti e anticipare l’attaccante portoghese. Un po’ di attriti evidenti in campo tra i due capitani, che non se le mandano a dire, anzi. Finisce sul due a zero una partita senza storia dal vantaggio campano in poi. Il divario tecnico e tattico tra le due squadre è evidente. Solo la presenza e la posizione di Deulofeu avevano creato inizialmente dei problemi agli 11 di Spalletti, ma con la sua uscita si è risolta anche quella difficoltà. Al rientro dagli spogliatoi un cambio per gli azzurri, Mario Rui al posto di Olivera. Stessi undici invece per Sottil. Bravo Success a smarcarsi e crossare, Beto in ritardo non sfrutta l’occasione al 46^. Lovric effettua un tiro-cross al 47^ sul quale Meret ripara in corner. Bravi Peryra e Perez a crearsi spazio in area, cross del #18 per Success e Arslan che vengono anticipati dalla difesa al 50^. Entra Samardzic al 55^, esce Arslan. Palla in area per Ehizibue che dimostra di avere una zappa al posto dei piedi al 45^. Sulla ripartenza il Napoli non perdona, Osimhen lancia Elmas che a tu per tu con Silvestri, contrariamente al #19 friulano, non perdona. E sono tre per gli azzurri! Per Spalletti entrano Ostigard e Politano. Gran riflesso di Silvestri sulla conclusione al volo di Elmas al 61^, negata l’immediata doppietta al giocatore di Spalletti. Bravo al 62^ Silvestri ad uscire su Osimhen che provava una spettacolare rovesciata. Politano servito da Mario Rui manca di poco la porta al 64^. Walace bravo a murare Osimhen in corner al 65^. Entra Ndombele al 66^. Mentalmente i bianconeri hanno già salutato il 2022, letteralmente sovrastati dall’avversario. Entrano Nestorovski e Jajalo al 70^, a dimostrazione dei remi in barca oramai tratti da Sottil. Anguissa si fa largo tra le maglie bianconere, ma viene anticipato all’ultimo momento, palla che finisce tra i piedi di Osimhen che colpisce a rete, bravo ancora una volta Silvestri a negare il negabile all’attaccante nigeriano, siamo al 74^. Corner per i friulani al 77^ dopo un cross bianconero che ha messo in confusione la difesa azzurra. Bel goal di Nestorovski che al volo su assist di petto di Success colpisce a rete di sinistro battendo Meret al 79^. Clamoroso all’81^ : Samardzic vince un contrasto su Kim e si invola a rete battendo dal limite di sinitro con freddezza mettendo la palla alle salle di Meret per il due a tre friulano. Restano a terra in due zone diverse di campo Success e Kim all’84^. Bianconeri che quando ripartono mettono pressione alla difesa avversaria. Perez spreca malamente una ripartenza al 90^. Conclusione di Pereyra deviata a lato da Success al 93^, chiedevano il corner i friulani. Grandissima tensione in questo finale con i napoletani che cercano di guadagnare tempo sotto la pressione friulana. Finisce sul tre a due per gli azzurri, peccato la partita dei bianconeri sia durata solo una ventina di minuti, forse avrebbero potuto osare di più. Arrivederci al 2023!

NAPOLI : MERET 5 ,DI LORENZO 5.5 ,JESUS 6 (OSTIGARD 5.5),KIM 4.5 ,OLIVERA 6 (MARIO RUI 6),ANGUISSA 6 ,ELMAS 6.5 ,LOBOTKA 6,ZIELINSKI 6.5 (NDOMBELE 6),LOZANO 6.5 (POLITANO 6),OSIMHEN 6.5

Stera

Stefano SERAFINI, alias STERA, direttore di VOCEDELNORDEST.IT email : redazione@vocedelnordest.it

Rispondi